KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
1
2 set
(3-6 : 1-4)
era-ed-e-per-tutti-bibliomedia-nel-centenario
Cent'anni di libri (www.bibliomedia.ch)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
38 min

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo di altre varianti
Cinema
1 ora

‘Atlas’ di Niccolò Castelli distribuito in Germania e Austria

Matilda De Angelis, nel frattempo, premiata come miglior attrice al festival indiano di Jaipur 2022, dove il film ha vinto per miglior suono e montaggio.
Spettacoli
3 ore

È morto Meat Loaf

Il rocker americano, autore di successi come ‘I’d do anything for Love’ si è spento a 74 anni
Animali
3 ore

Ora è chiaro come le balenottere mangiano senza strozzarsi

È grazie a un salvifico ‘tappo’ carnoso che va a chiudere e proteggere le vie respiratorie, scoperto dall’Università della British Columbia, Canada
Musica
7 ore

Rettore-Ditonellapiaga, una questione spudoratamente ‘Chimica’

No-vax, suore, Lucio Dalla, muri di abbattere e parità: nella conferenza di presentazione del duetto sanremese è Rettore show
Musica
11 ore

Addio a Elza Soares, cantante brasiliana del millennio

Così la definì la Bbc nel 1999. Per il Rolling Stone, fu tra le cento più grandi voci della storia della musica brasiliana.
Festival di Sanremo
15 ore

Sanremo: i duetti del venerdì, da De André a... Britney Spears

In un range che va da ‘Nella mia ora di libertà’ (ospite Capossela) a ‘Baby One More Time’ (sic), a tema ’60, ’70, ’80 e ’90
Culture
16 ore

A ‘Storie’ le ragioni del respingimento di Liliana Segre

La vicenda è al centro del documentario di Ruben Rossello prodotto dalla Rsi, in programma domenica 23 gennaio
Culture
17 ore

Referendum Lex Netflix, ‘una pugnalata alle spalle’

Lo sostiene cinésuisse, secondo cui combattere la revisione della legge sul cinema è un attacco alla cultura e all’economia della Svizzera
Cinema
19 ore

Addio Camillo Milli, presidente della Longobarda e Megadirettore

Formatosi con Strehler, poi a fianco di Fo, è stato uno dei protagonisti della commedia italiana. Recitò ne ‘Il marchese del Grillo’ di Monicelli
Culture
20 ore

La cultura ticinese nel cinema svizzero ha un nuovo alleato

Presentato alle Giornate di Soletta un fondo nazionale per sostenere i film legati al Sud delle Alpi. Ne abbiamo parlato col regista Niccolò Castelli.
Locarno Film Festival
1 gior

Locarno75, la Retrospettiva è dedicata a Douglas Sirk

Una rilettura del regista tedesco a 35 anni dalla sua scomparsa avvenuta in Ticino. A colloquio con Roberto Turigliatto, co-curatore della retrospettiva
Scienze
1 gior

La resistenza agli antibiotici uccide 1,2 mln di persone l’anno

Il rapporto è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet
Culture
1 gior

Usi, una storia lunga tre secoli

Intervista a Pietro Montorfani, autore con Mauro Baranzini di un libro sulla storia dell’Università della Svizzera italiana
Teatro Sociale
1 gior

‘Volar cantando’, Rossana Taddei alle radici del suo folklore

Sabato 22 gennaio il nuovo spettacolo, celebrazione dei 15 anni di sodalizio con Gustavo Etchenique e momento di riscoperta di nuovi classici
Spettacoli
1 gior

La Santippe di Lella Costa, una santa vedova Socrate

Al Teatro Sociale l’attrice italiana ha ripreso il monologo di Franca Valeri dedicato “alla moglie più insopportabile dell’Antichità”
Libri
24.05.2020 - 21:080
Aggiornamento : 25.05.2020 - 16:42

Era ed è ‘per tutti’: Bibliomedia nel centenario

Un fondo di oltre seicentomila volumi che coprono differenti fasce d'età e un totale di dodici lingue. Ne parliamo con la direttrice Franziska Baetcke

La storia di una realtà legata alla parola è oggi raccontata per immagini in occasione del suo centenario. Bibliomedia, al momento della sua fondazione ‘Biblioteca per tutti’, e ancora oggi la definizione è valida, ha festeggiato cent’anni lo scorso 6 maggio. Un secolo dalla sua costituzione, cent’anni di accesso alla lettura che l’hanno portata a sostenere, oggi, circa seicento biblioteche di lettura pubblica, duecento biblioteche scolastiche e diecimila insegnanti. I primi passi mossi grazie ai 30mila libri provenienti dalla Biblioteca del soldato gestita dall’esercito svizzero durante la prima guerra mondiale, per un’impostazione al maschile mutata nel 1928 con l’assunzione delle prime due donne e la reggenza tutta al femminile di Suzanne Guex, responsabile della sede di Losanna nel 1938.

I circa 610mila libri di Bibliomedia, un fondo costantemente aggiornato e che tocca aree di interesse delle differenti fasce d’età della popolazione, coprono un totale di dodici lingue, ben al di là di quelle nazionali; il progetto ‘Willkommen! Ihre Bibliothek’, sviluppato quattro anni fa, è rivolto ai rifugiati, con la messa a disposizione di libri utili all’apprendimento del tedesco, del francese e dell’italiano. Del significato storico, della sfida rappresentata dalla digitalizzazione, dell’emergenza Covid che di Bibliomedia ha ridimensionato i festeggiamenti ma non l’impegno della sede centrale di Soletta e delle tre altre sedi regionali (Losanna, Biasca e ancora Soletta), abbiamo parlato con la direttrice.


Franziska Baetcke, direttrice di Bibliomedia (www.bibliomedia.ch)

Franziska Baetcke, qual’è l’importanza di Bibliomedia a un secolo dalla sua nascita?

Bibliomedia esiste da 100 anni; un lungo periodo durante il quale la fondazione ha saputo continuamente reinventarsi. Molte cose sono cambiate ma, con nostra grande soddisfazione, l’efficace sostegno che Bibliomedia offre a supporto del lavoro di insegnanti e bibliotecari in tutta la Svizzera, è rimasto immutato nel tempo. Bibliomedia, oggi, è più importante che mai in quanto in quest’era digitale niente può funzionare senza la lettura. La promozione della lettura è una preoccupazione sociale di grande attualità. L’obiettivo è di dare la possibilità al maggior numero possibile di persone in Svizzera di condurre una vita in piena autonomia, sia nel campo lavorativo che personale. La formazione continua e l’apprendimento costante nel corso di un’intera vita sono concetti chiave per una società volta alla conoscenza. Per essere partecipi di questa società saper leggere con competenza risulta basilare.

Ci sono progetti, iniziative particolari per questo centenario?

In primavera avevamo previsto una grande festa con molti invitati ma, a causa dell’attuale emergenza sanitaria, anche noi, come molti altri, abbiamo dovuto annullare questo progetto. Il virus, però, non ci impedirà di raccontare la nostra storia! Prendendo come modello l’alfabeto, abbiamo suddiviso i 100 anni della nostra storia in 26 episodi trasposti in un breve filmato d’animazione che si può trovare su www.bibliomedia.ch. Dai primi passi, con il nome di Biblioteca per tutti - nata dalla biblioteca del soldato - fino agli attualissimi Makerspace Toolbox. L’alfabeto esiste anche in forma di manifesto. L’immagine simbolo è caratterizzata da un mulo che, in tempi remoti, veniva usato per consegnare alle biblioteche più discoste i nostri libri. Inoltre, Bibliomedia, festeggia il suo anniversario con i propri utenti. Grazie ad un legato abbiamo potuto lanciare un concorso per la creazione di progetti innovativi nelle biblioteche di lettura pubblica. A fine aprile abbiamo ricevuto 27 idee da tutte le regioni svizzere. La giuria le sta esaminando e siamo curiosi di capire quali progetti potremo sostenere.

Bibliomedia e l’urgenza Covid-19: cos’è cambiato e come?

Durante il periodo di chiusura totale delle attività, la richiesta di libri in formato numerico è notevolmente accresciuta. Bibliomedia gestisce la piattaforma e-bibliomedia con libri in francese e inglese. Le cifre di prestito per questo servizio sono fortemente aumentate, come pure il numero delle biblioteche aderenti.

La sua esperienza personale quale direttrice di Bibliomedia? Sentimenti, riflessioni, auspici…

Bibliomedia è un’invenzione straordinaria e, in senso positivo, tipicamente svizzera! Sviluppa i suoi servizi in collaborazione con i suoi utenti, risponde alle diverse esigenze delle regioni linguistiche ed è molto apprezzata per il prestito dei suoi fondi alle biblioteche e alle scuole di tutto il paese. Amo il modo in cui la fondazione realizza e propone con continuità nuovi progetti e servizi offrendo alle biblioteche di lettura pubblica un sostegno fondamentale per renderle sempre più attrattive agli occhi degli utenti. Bibliomedia le incita ad adattarsi al costante mutamento dei tempi e ai nuovi bisogni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved