laR
 
19.08.2022 - 08:15
Aggiornamento: 15:44

‘Una task force cantonale per l’approvvigionamento energetico’

È quanto auspica il Ps. Interpellanza del capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch. Che cita l’esempio grigionese

una-task-force-cantonale-per-l-approvvigionamento-energetico
Ti-Press
La politica alle ‘prese’ con un serio problema

Una task force cantonale, da istituire al più presto, per fronteggiare "un possibile stato di crisi in caso di problemi nell’approvvigionamento energetico" in Ticino. Una task force come si è fatto per la pandemia. È quanto auspica il Partito socialista attraverso un’interpellanza del capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch.

Tutta l’Europa, scrive Durisch, "si sta interrogando sulla possibile situazione di emergenza che potremmo vivere per quanto riguarda l’approvvigionamento energetico a partire dal prossimo autunno". E se da un lato "è giusto evitare facili allarmismi", dall’altro è comunque "necessario informare per evitare che un mancato allarme oggi si trasformi in panico domani". In altre parole, "è necessario prepararsi".

Per Durisch, il Canton Grigioni si starebbe muovendo nella direzione opportuna, "come abbiamo sentito al Telegiornale della Rsi del 17 agosto". Annota il capogruppo socialista: "Secondo il Consiglio di Stato grigionese per i Cantoni è importante avere uno Stato maggiore pronto a intervenire e una strategia per il risparmio energetico. Perché se è vero come afferma nell’intervista il presidente dell’Azienda elettrica ticinese Giovanni Leonardi che a livello di produzione c’è poco da fare, molto si può fare per il risparmio di energia, ad esempio limitando le insegne pubblicitarie luminose nelle zone dei centri commerciali oppure sensibilizzando i cittadini sui possibili risparmi nei consueti gesti quotidiani".

‘Siamo già in ritardo?’

Da qui una serie di domande al governo ticinese. A quest’ultimo il Ps chiede anzitutto se considera necessario che "anche i Cantoni approntino una strategia cantonale per l’approvvigionamento e il risparmio energetico" o se ritiene che ciò competa alla Confederazione. E poi: "Il Cantone si sta preparando alla carenza di energia? Se sì come, se no perché? Non pensa il Consiglio di Stato, visto che l’autunno è alle porte, che siamo già in ritardo?". Quali scenari sono stati elaborati dal governo "per l’approvvigionamento energetico il prossimo autunno e il prossimo inverno?".

E ancora: "Ha intenzione il Consiglio di Stato di istituire da subito una task force, così come fatto per il Covid-19? Più precisamente, intende attivare lo Stato maggiore di condotta cantonale per anche assumere il coordinamento con la Confederazione, gli organi nazionali, il settore dell’energia e i Comuni per far fronte a un possibile stato di crisi, così come fatto dal Canton Grigioni? Cosa intende fare per promuovere fin da subito un risparmio energetico?".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved