targhe-il-governo-con-l-iniziativa-sono-91-5-milioni-non-80
Ti-Press
La votazione si svolgerà in autunno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
16 min

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
3 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
7 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
11 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
20 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
21 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
21 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
21 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
21 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
21 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
22 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
22 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
22 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
22 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
23 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
23 ore

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
23.06.2022 - 19:10
Aggiornamento : 23:33

Targhe, il governo: ‘Con l’iniziativa sono 91,5 milioni, non 80’

Imposte di circolazione, il Consiglio di Stato sul testo conforme. Dadò (Ppd): ‘Non è assolutamente così’. Gobbi: ‘L’obiettivo era abbassare il prelievo’

Imposte di circolazione ed eterno ritorno della polemica. Il Consiglio di Stato ha smesso di "fare l’arbitro senza intervenire", come da j’accuse del Plr nei confronti del direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi ieri in Gran Consiglio, e prende posizione con fermezza a seguito del voto di ieri, che ha sancito come in autunno il popolo si esprimerà sull’iniziativa ‘Per un’imposta di circolazione più giusta’ e sul controprogetto di Ps e Verdi. E mette più di qualche puntino sulle i, il governo. A partire dall’impatto di natura finanziaria dell’iniziativa popolare del Ppd, che chiede un plafonamento delle imposte a 80 milioni. Ebbene: "Il governo conferma che l’iniziativa comporterà dal 2024 introiti stimati al parco veicoli attuale di circa 91,5 milioni di franchi annui; per l’anno 2023 l’importo potrebbe essere analogo o leggermente inferiore tenendo conto della ‘moratoria’ inerente ai vecchi veicoli". 11,5 milioni in più quindi, di poco lontano dai controprogetti Plr e Ps/Verdi che, allineandosi al governo, avevano stabilito il tetto massimo a 96 milioni.

Non solo. Nel testo conforme dell’iniziativa popolare generica, "il Consiglio di Stato ha rilevato una possibile lacuna legislativa in materia di calcolo dell’imposta 2023 per le vetture immatricolate prima del 2009. Questa nuova disposizione (la moratoria appunto, ndr) non precisa infatti le basi di calcolo per l’anno 2023 applicabili a questi veicoli; il Consiglio di Stato ritiene che l’unico sistema applicabile per il calcolo di questa specifica imposta sia quello dell’attuale articolo 1a (bonus/malus), ritenuto che l’importo esigibile non potrà eccedere quello del nuovo sistema di calcolo ordinario".

Dadò: ‘Un modo di fare inaccettabile’

Interpellato dalla ‘Regione’, il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò tuona: «Non è assolutamente vero quello che viene detto, è un tentativo del Consiglio di Stato di incassare di più e aumentare del 20% le imposte per chi ha un’auto più vecchia del 2009. Il gettito è quello uscito dal dibattito, 86 milioni» Gettito derivante «dalla moratoria di un anno nel testo conforme del rapporto di maggioranza». Significa, in breve, «che nel 2023 gli automobilisti con una macchina immatricolata prima del 2009 non pagherebbero neanche un franco di più, il governo cerca di applicare quell’articolo, l’1a, che si applica solo alle nuove immatricolazioni. Se la nostra iniziativa verrà accettata dal popolo, avremo la forza sufficiente per contrastare questo inaccettabile modo di fare".

Ma ne ha anche per il controprogetto di Ps e Verdi, il Consiglio di Stato. Che "ribadisce le perplessità, già emerse, relative al rispetto del principio dell’unità di materia". La decisione di ‘dirottare’ parte degli introiti dell’imposta di circolazione verso sconti sull’abbonamento Arcobaleno per il ceto medio "ben poco ha a che fare con le imposte di circolazione, trattano di una riduzione tariffale a beneficio degli utenti del trasporto pubblico meno abbienti. Il governo – preso atto che il parlamento ha ritenuto comunque di approvare il controprogetto malgrado le criticità appena indicate – non ritiene comunque necessario riproporre la questione al Gran Consiglio tramite una seconda lettura". E anche in questo caso ci sono alcune correzioni sul gettito: "Gli introiti stimati sono circa 96,3 milioni di franchi, cui però bisogna dedurre il sussidio dell’abbonamento Arcobaleno stimato in 4 milioni. L’impatto netto totale è di circa 92 milioni di franchi".

Norman Gobbi: ‘Abbassarle sì, ma ‘cum grano salis’...’

Una presa di posizione, quella governativa, arrivata oggi «perché finché non sapevamo cosa sarebbe stato votato, ci era impossibile esprimerci compiutamente» sottolinea a ‘laRegione’ il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. Che aggiunge come «l‘obiettivo di tutti era quello di abbassare il prelievo di queste imposte, ma dopo, passando dalla teoria alla pratica, occorre farlo ‘cum grano salis’, perché le conseguenze possono essere di vario tipo». Si tratterà, comunque, «di un gesto e un segnale forte nei confronti degli automobilisti, in virtù di un introito che scenderà di 10-15 milioni. È comunque un abbassamento importante».

Col senno di poi, avrebbe preferito un dialogo diverso con la Commissione parlamentare della gestione? «Noi abbiamo sempre fatto il nostro lavoro dando tutte le risposte ai chiarimenti che venivano chiesti, cercando di rilevare le incongruenze – risponde Gobbi –, poi abbiamo presentato una nostra proposta a inizio giugno dove già rilevavamo alcune criticità. Gli iniziativisti non l’hanno accettata come testo conforme, elemento essenziale quando si tratta un’iniziativa popolare generica, e ora siamo qui a constatare alcune soluzioni cui dopo il voto dovremo porre rimedio».

Si aspettava, avrebbe voluto un esito diverso il direttore del Dipartimento istituzioni? «Qualsiasi esito doveva andare incontro agli automobilisti, uno degli obiettivi del messaggio governativo era allineare le imposte di circolazione alla media nazionale. Magari lo si farà solo col CO2 e non con la massa, ma è comunque una misura transitoria perché il parco veicoli diventerà viepiù elettrico con il passare del tempo».

Leggi anche:

Targhe, l’accordo tra Lega, Ppd, Ps, Udc e Verdi porta alle urne

Imposte di circolazione, ecco il terzo rapporto. E 2 emendamenti

Imposte di circolazione, ecco il compromesso del governo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio di stato imposta di circolazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved