imposte-di-circolazione-ecco-il-compromesso-del-governo
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
4 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
11 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
11 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
11 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
18 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
18 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
21 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
03.06.2022 - 14:53
Aggiornamento: 17:12

Imposte di circolazione, ecco il compromesso del governo

La proposta è considerata ‘una risposta ragionevole ed equilibrata per le categorie di automobilisti attualmente penalizzate nel confronto intercantonale’

Il Consiglio di Stato torna sulla questione delle tasse di circolazione, fornendo una proposta di modifica della Legge sulle imposte e tasse di circolazione considerata "una risposta ragionevole ed equilibrata per le categorie di automobilisti attualmente penalizzate nel confronto intercantonale". Sempre, chiaramente, tenendo conto della recente votazione sul "Decreto Morisoli" circa i criteri per il riequilibrio finanziario.

La proposta del governo cantonale prevede "l’auspicata" riduzione del gettito complessivo quantificabile in circa 10 milioni di franchi, che andrebbero ad aggiungersi ai 5 milioni di franchi già raggiunti con la modifica di alcuni anni fa.

La formula, evoluta rispetto a quella contenuta nel messaggio licenziato nel maggio del 2019, è la seguente:

  • Per le automobili sino a 3’500 kg e le automobili pesanti con emissioni fino a 95 g/km CO2: fr. 0,11 x massa a vuoto (kg)
  • Per le altre automobili sino a 3’500 kg e le automobili pesanti con emissioni superiori a 95 g/km CO2: fr. 0,11 x massa a vuoto (kg) + (emissioni CO2 g/km - 95 g/km)1,385

Tale formula, sostiene il Consiglio di Stato, permette di avere una "tassa base" attrattiva per le automobili particolarmente rispettose dell’ambiente, la cui imposizione fiscale sarà però differenziata in base alla loro massa e quindi al loro impatto sull’infrastruttura stradale. D’altro canto, il principio "chi più inquina, più paga" verrebbe comunque tutelato calcolando l’imposta di circolazione delle vetture con emissioni superiori ai 95 g/km di CO2 proporzionalmente non solo alla massa a vuoto, ma anche al livello di emissioni.

Il Consiglio di Stato, ai fini del raggiungimento dell’obiettivo di far entrare in vigore la nuova norma al più presto, ritiene "che non vi possano più essere disparità di trattamento in favore di veicoli più vecchi e maggiormente inquinanti, soluzione questa discutibile dal punto di vista della parità di trattamento e difficilmente conciliabile con i principi stabiliti nella legislazione ambientale federale". Il governo verrà sentito martedì 7 giugno dalla Commissione gestione e finanze che si sta occupando di allestire un modello d’imposta da sottoporre a breve termine al Gran Consiglio.

L’auspicio del governo è che la Commissione gestione e finanze "riesca a convergere su una soluzione nell’interesse degli automobilisti" permettendo così l’entrata in vigore di una soluzione tecnicamente valida, equilibrata e giuridicamente sostenibile a partire dal 1° gennaio 2023.

Leggi anche:

Circolazione, l'imposta tiene conto delle emissioni

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio di stato imposte circolazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved