ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
4 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
4 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
4 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
4 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
4 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
5 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
03.06.2022 - 14:53
Aggiornamento: 17:12

Imposte di circolazione, ecco il compromesso del governo

La proposta è considerata ‘una risposta ragionevole ed equilibrata per le categorie di automobilisti attualmente penalizzate nel confronto intercantonale’

imposte-di-circolazione-ecco-il-compromesso-del-governo
Ti-Press

Il Consiglio di Stato torna sulla questione delle tasse di circolazione, fornendo una proposta di modifica della Legge sulle imposte e tasse di circolazione considerata "una risposta ragionevole ed equilibrata per le categorie di automobilisti attualmente penalizzate nel confronto intercantonale". Sempre, chiaramente, tenendo conto della recente votazione sul "Decreto Morisoli" circa i criteri per il riequilibrio finanziario.

La proposta del governo cantonale prevede "l’auspicata" riduzione del gettito complessivo quantificabile in circa 10 milioni di franchi, che andrebbero ad aggiungersi ai 5 milioni di franchi già raggiunti con la modifica di alcuni anni fa.

La formula, evoluta rispetto a quella contenuta nel messaggio licenziato nel maggio del 2019, è la seguente:

  • Per le automobili sino a 3’500 kg e le automobili pesanti con emissioni fino a 95 g/km CO2: fr. 0,11 x massa a vuoto (kg)
  • Per le altre automobili sino a 3’500 kg e le automobili pesanti con emissioni superiori a 95 g/km CO2: fr. 0,11 x massa a vuoto (kg) + (emissioni CO2 g/km - 95 g/km)1,385

Tale formula, sostiene il Consiglio di Stato, permette di avere una "tassa base" attrattiva per le automobili particolarmente rispettose dell’ambiente, la cui imposizione fiscale sarà però differenziata in base alla loro massa e quindi al loro impatto sull’infrastruttura stradale. D’altro canto, il principio "chi più inquina, più paga" verrebbe comunque tutelato calcolando l’imposta di circolazione delle vetture con emissioni superiori ai 95 g/km di CO2 proporzionalmente non solo alla massa a vuoto, ma anche al livello di emissioni.

Il Consiglio di Stato, ai fini del raggiungimento dell’obiettivo di far entrare in vigore la nuova norma al più presto, ritiene "che non vi possano più essere disparità di trattamento in favore di veicoli più vecchi e maggiormente inquinanti, soluzione questa discutibile dal punto di vista della parità di trattamento e difficilmente conciliabile con i principi stabiliti nella legislazione ambientale federale". Il governo verrà sentito martedì 7 giugno dalla Commissione gestione e finanze che si sta occupando di allestire un modello d’imposta da sottoporre a breve termine al Gran Consiglio.

L’auspicio del governo è che la Commissione gestione e finanze "riesca a convergere su una soluzione nell’interesse degli automobilisti" permettendo così l’entrata in vigore di una soluzione tecnicamente valida, equilibrata e giuridicamente sostenibile a partire dal 1° gennaio 2023.

Leggi anche:

Circolazione, l'imposta tiene conto delle emissioni

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved