ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
3 ore

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
11 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
15 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
16 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
16 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
16 ore

Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa

Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Locarnese
16 ore

Corsi 2023 dell’Associazione per l’infanzia e la gioventù

Nella sede di Locarno, tedesco e inglese. Ma anche tutoring per dislessia e discalculia
Locarnese
16 ore

Scuola medico-tecnica a Locarno, pomeriggio informativo

Per aspiranti assistenti di studio medico o studio veterinario e per i futuri guardiani di animali
Grigioni
17 ore

Il Parco Val Calanca è realtà

Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
18 ore

‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’

L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Gordola
18 ore

Aumentare i contributi per gli abbonamenti ai trasporti pubblici

Una mozione per chiedere al Municipio d’introdurre un regolamento con sussidi dal 20 al 50 per cento
Mendrisiotto
18 ore

Torna il corso per giovani tiratori dell’Aurora Stabio

Si svolgerà in marzo a Maroggia, per i ragazzi nati fra il 2003 e il 2008, il 7 febbraio una serata informativa
Bellinzonese
20 ore

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
20 ore

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
21 ore

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
1 gior

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
1 gior

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
1 gior

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
2 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
2 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
2 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
laR
 
27.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:25

Case anziani, come sta uscendo il settore da 2 anni di pandemia

Dalla gestione del virus, allo stato d’animo di ospiti e personale, fino alle sfide future. Una panoramica con Eliano Catelli, presidente Adicasi

case-anziani-come-sta-uscendo-il-settore-da-2-anni-di-pandemia
Ti-Press

«È fondamentale essere tornati luoghi di vita. Vita che è fatta di relazioni e di incontri. Certo, si percepiscono ancora gli strascichi della stanchezza, anche psicologica, che questa lunga fase ha comportato. Ma la voglia di ricaricare le batterie e ripartire è tanta». Sono parole di ottimismo quelle con cui Eliano Catelli, presidente dell’Associazione dei direttori delle case anziani (Adicasi), e a sua volta direttore della casa di riposo Solarium di Gordola, considera il presente e il futuro prossimo di un settore che ha subito in modo particolarmente drammatico gli effetti della pandemia. «Il clima è molto migliorato con il ritorno a una quasi normalità. Le case per anziani – spiega Catelli – nascono come comunità aperte. Alcune al loro interno hanno il bar del paese, degli ambulatori o altri servizi per la popolazione». Luoghi di scambio significativi che hanno smesso di accogliere ospiti e visitatori durante un lungo periodo di sospensione delle esistenze. «Se penso alle prime fasi della pandemia, ricordo soprattutto l’incertezza dell’affrontare un nemico sconosciuto e la solitudine dettata dalle doverose restrizioni – ripercorre le fasi più dolorose Catelli –. Le difficoltà e i sentimenti che abbiamo provato sono stati quelli che ha vissuto ogni cittadino, ma sono stati amplificati dal nostro essere una comunità composta da molte persone fragili». Allo stesso tempo però una grande manifestazione di umanità ha permesso a molti, sui vari fronti, di trovare un appiglio per non lasciarsi completamente sopraffare dalla situazione: «Ben scolpiti nella mia mente ci sono anche tanti vissuti positivi emersi nei momenti di difficoltà. Penso alla straordinaria dedizione del personale, al senso di responsabilità verso i residenti, al sentimento di comunità. Sono aspetti che resteranno anche una volta terminata la pandemia». Rispetto a due anni fa, rimarca inoltre il presidente di Adicasi, «in generale mi sembra che un po’ tutti apprezziamo di più le piccole cose, come la relazione con i famigliari, l’essere parte di un gruppo, il poter stare vicini alle persone a cui teniamo».

Valutazioni sulla gestione del virus nelle strutture

Nello stilare un bilancio sulla gestione della pandemia all’interno delle case anziani in Ticino, Catelli mette in evidenza che «il confronto numerico con gli altri Cantoni ci vede in linea con la media nazionale, ad esempio per percentuali di decessi. Quello che è successo ha toccato tutti, ma le case anziani, qui come in tutto il mondo, hanno pagato il prezzo più alto perché accolgono molte persone vulnerabili». Sulla triste dibattuta vicenda della casa anziani di Sementina, dove durante la prima ondata pandemica erano deceduti 21 ospiti su 80, e su cui era stato aperto un procedimento penale che a inizio di questo mese ha portato il Ministero pubblico a emanare tre decreti d’accusa contro altrettante persone operanti nella struttura per contravvenzione alla Legge federale sulla lotta contro le malattie trasmissibili dell’essere umano – poi impugnati dalle stesse –, «considerata la delicatezza della vicenda e in attesa che si faccia totale chiarezza», Catelli preferisce non esprimersi. Tiene però a evidenziare che «la fiducia nel settore la rinnoviamo ogni giorno attraverso il lavoro dei 5’000 collaboratori delle case anziani ticinesi che, con la loro professionalità e umanità verso i residenti, hanno un impatto sulle decine di migliaia di ticinesi che ci hanno affidato i loro cari».

Grande esperienza nel riconoscere e affrontare i sintomi

Per quanto concerne i protocolli di sicurezza, attualmente nelle case anziani rimangono in vigore alcune direttive e una rafforzata cautela da parte del personale nel proprio lavoro quotidiano. «Ci sono ancora alcune misure e raccomandazioni, ad esempio sull’uso della mascherina e l’isolamento dei positivi. Inoltre tutte le strutture devono essere preparate a reagire velocemente, segnalando i possibili focolai al medico cantonale e applicando i vari protocolli sviluppati in oltre due anni». Si parla di decine e decine di procedure e indicazioni. «Allo scopo di disporre velocemente della documentazione aggiornata, come Adicasi abbiamo creato una piattaforma informatica ad hoc accessibile a tutte le direzioni», spiega il presidente. Si è dunque preparati anche nel caso in cui i contagi dovessero riprendere a salire: «Abbiamo maturato un patrimonio di competenze e procedure che ci rende sicuramente pronti, sperando di non doverlo utilizzare. Ogni casa ha un proprio piano di protezione e, ahinoi, tanta esperienza nel riconoscere e gestire i sintomi. Inoltre, stiamo pianificando nei prossimi mesi una grande tavola rotonda con le Direzioni delle case per ripercorrere e valutare le scelte, le pratiche e le misure messe in campo negli ultimi due anni. Imparare dall’esperienza fatta è fondamentale in un’ottica di miglioramento».

La sfida futura per un cantone con il più alto tasso di persone anziane

Analizzando l’evoluzione dell’occupazione e delle domande di ammissione alle strutture per anziani «dopo l’ovvio calo durante il periodo pandemico, si constata che gli accessi sono tornati ai livelli precedenti se non, in alcuni casi, superiori», spiega Catelli, che toccando la questione delle cure domiciliari afferma come «queste avranno sicuramente un ruolo importante per gestire l’invecchiamento della popolazione. Tuttavia – rimarca – le case anziani possono offrire una gamma di servizi, un’assistenza costante e una vita di comunità non facilmente replicabile a domicilio». E guardando proprio al costante aumento dell’età media dei cittadini che si pone come una delle principali sfide all’orizzonte – con il Ticino che tra l’altro si presenta come il cantone con la quota maggiore di anziani in Svizzera – il presidente di Adicasi mette in luce il fatto che ciò «impone un ripensamento dell’offerta dei servizi da parte delle strutture. Avremo ancor più residenti che necessitano un’assistenza medica avanzata. E al contempo, l’aumento degli anziani dovrà spingere le case a essere ancor più il centro delle comunità che le ospitano. Magari – ipotizza Catelli – vedremo degli ospiti solo diurni o l’erogazione di servizi anche per i non residenti. Sarà in ogni caso sicuramente importante rafforzare ulteriormente la collaborazione coi prestatori di servizi a domicilio e con gli altri attori che si rivolgono al mondo degli anziani».

Costi aumentati in media del 5-10 per cento

Anche nell’ambito delle finanze la pandemia «ha influito pesantemente – nota Catelli –. Basti pensare ai costi dei dispositivi di protezione, delle disinfezioni, del personale aggiuntivo necessario per gestire assenze e reparti separati, e molto altro». In media i costi per casa «sono aumentati del 5-10%». Questi rincari però, afferma Catelli, «non hanno avuto un impatto sulle tariffe o sui servizi per gli utenti grazie soprattutto al sostegno del Cantone, a cui va il più sentito ringraziamento da parte delle case». Restando nel campo delle finanze, alla domanda se c’è preoccupazione per le conseguenze del decreto legislativo recentemente approvato alle urne sul pareggio dei conti del Cantone entro il 2025 agendo prioritariamente sulle spese, Catelli premette che «aspettiamo che vengano fatte le preannunciate valutazioni. Nel mentre va detto che nelle case per anziani non c’è margine di riduzione. Si consideri per esempio che negli scorsi anni la maggior parte delle strutture ha chiuso in perdita, che le scale salariali sono ferme dal 2017 o che parallelamente le esigenze sanitarie e gestionali sono molto aumentate. Proprio per queste ragioni, si sta lavorando da alcuni mesi con il Cantone e i Comuni per aggiornare gli standard finanziari del mandato di prestazione».

Leggi anche:

Covid alla casa per anziani di Sementina: tre decreti d’accusa

Casa anziani Sementina: ‘Ci opporremo al decreto d’accusa’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved