ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
6 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
8 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
9 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
11 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
11 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
12 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
13 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
laR
 
11.05.2022 - 05:20
Aggiornamento: 17:44

Il Ppd: ‘Non si usi l’energia delle nostre acque per i Bitcoin’

Iniziativa parlamentare dei deputati Dadò e Ghisla che chiedono di modificare la legge per impedire l’uso dell’idroelettrico per estrarre criptovalute

il-ppd-non-si-usi-l-energia-delle-nostre-acque-per-i-bitcoin
Ti-Press
Per i popolari democratici ‘una questione di coerenza’

L’energia idroelettrica prodotta in Ticino non deve essere usata in alcun modo per l’estrazione di criptovalute. A sostenerlo, con un’iniziativa parlamentare elaborata che chiede di aggiungere questo punto fermo alla Legge sull’energia, sono i deputati del Ppd Fiorenzo Dadò e Alessio Ghisla.

Il punto di partenza dell’atto popolare democratico è fissato allo scorso ottobre, "quando il consigliere federale Guy Parmelin invitava le aziende a prepararsi a una possibile penuria di energia elettrica. Una penuria che potrebbe, a partire dal 2025, anche durare settimane mettendo a rischio l’attività produttiva di molte fabbriche". Non solo, "ci sarebbero conseguenze anche per i cittadini in termini di riduzione dell’offerta di servizi energetici". Il tutto, scrivono Dadò e Ghisla, "avrebbe un impatto molto negativo sulla competitività della nostra economia, già in difficoltà a causa della crisi pandemica e della guerra in Ucraina".

In un contesto per niente sereno dal punto di vista energetico, "è noto a tutti che negli ultimi anni è in forte espansione il mercato delle criptovalute la cui estrazione o produzione è conosciuta con il termine ‘mining’, che consiste nella creazione o estrazione di monete virtuali non tramite la forza fisica di un minatore ma tramite un duro lavoro informatico che sfrutta la capacità di calcolo dei computer". Calcoli molto complessi, che richiedono quantità enormi di energia: "Ad esempio, per produrre un Bitcoin sono necessarie moltissime ore di lavoro di decine di computer potenti collegati in rete". Tradotto? Tradotto "nel 2018 l’economista olandese Alex de Vries affermava che un pagamento con una normale carta di credito necessitava di 1-2 wattora, mentre un pagamento effettuato in Bitcoin necessitava di circa 300 kilowattora che equivalgono all’incirca alla corrente consumata in un mese da un’economia domestica".

E in Svizzera com’è la situazione? "Dal 1° agosto 2021 siamo tra i primi Paesi ad aver disposto una normativa chiara e specifica che disciplina queste nuove tecnologie sul mercato finanziario, ma senza accennare all’aspetto dell’approvvigionamento energetico". E quindi, si continua a leggere nel testo dell’iniziativa parlamentare elaborata, "se qualcuno nel nostro Cantone volesse fare ‘mining’ di criptovalute nel rispetto della libertà economica può farlo, ma secondo questa iniziativa non deve usare le nostre preziose acque che rappresentano una risorsa fondamentale per la produzione di energia elettrica rinnovabile".

Dadò: ‘Le nostre acque si usino per i bisogni della popolazione’

Proprio da qui parte Dadò spiegando a ‘laRegione’ i ragionamenti all’origine di questa proposta vincolante: «Partiamo dalla constatazione che la nostra società avrà grosse difficoltà a livello di approvvigionamento energetico. Si continua a parlare di fonti rinnovabili, decarbonizzazione e transizione energetica – dice ancora Dadò –, ma è sotto i nostri occhi che non stiamo andando verso un risparmio energetico". Anche perché «tanti nuovi elementi comparsi negli ultimi anni, come le criptovalute, sono energivori». Per questo, il presidente cantonale del Ppd è netto: «Le fonti rinnovabili non devono essere usate per speculazioni come le criptovalute, ma per i bisogni primari della popolazione».

Secondariamente, ma fino a un certo punto, «il Ticino dispone di ingenti risorse energetiche di tipo rinnovabile date dallo sfruttamento dei fiumi, che causa come abbiamo visto in più occasioni notevoli sacrifici dal punto di vista ambientale e paesaggistico». Per Dadò è un’iniziativa parlamentare, ma «è anche una questione di coerenza» dal momento che «con tanti convallerani ci siamo battuti per anni e anni per i deflussi minimi e per un’equità fiscale che lasciasse qualcosa al Cantone e ai comuni periferici, è doveroso difendere le nostre acque: non si può chiudere gli occhi davanti a certe situazioni».

E sui deflussi minimi annuncia battaglia

Come «è doveroso continuare a combattere per i deflussi minimi». Circa un mese fa il Tribunale cantonale amministrativo (Tram) ha annullato la decisione del Consiglio di Stato di imporre rilasci d’acqua maggiori agli impianti idroelettrici Ofible di Blenio e Ofima di Maggia, per permettere il risanamento dei corsi d’acqua come previsto dalla legislazione federale. Decisione, questa, che ha portato il governo cantonale a sospendere momentaneamente la procedura di rilascio dei deflussi minimi. E Dadò non ci sta, per usare un eufemismo: «Abbiamo ritardi decennali accumulati dal Cantone rispetto a quello che prevede la legge federale, non si può assolutamente pensare di procrastinare ancora questa decisione per colpa di errori procedurali del Consiglio di Stato, e bisogna procedere con quanto avallato dal Gran Consiglio». Di più: «Sul tema dei deflussi minimi mi batterò strenuamente: in tal senso, stiamo già valutando la preparazione di un atto parlamentare».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved