ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
5 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
7 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
7 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
7 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
7 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
8 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
8 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
8 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
8 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
9 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
9 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
9 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Bellinzonese
9 ore

EspaceSuisse, assemblea e conferenza a Bellinzona

Giovedì 9 febbraio nella sala del Consiglio comunale è prevista una serata pubblica sul tema ‘La pianificazione del territorio di fronte alle nuove sfide’
Locarnese
9 ore

Gordola fa Carnevale al Centro manifestazioni e nei bar

Da giovedì a sabato con Re e Regina Zeca animazioni per tutte le età, abbondanti libagioni e dj set con entrata gratuita
Locarnese
9 ore

Gordemo, arriva (con gusto) il Carnevale in piazza

Libagioni protagoniste ai festeggiamenti, previsti domenica prossima, 5 febbraio, grazie alla Società Ricreativa
Locarnese
9 ore

Campo Vallemaggia, fondi al recupero di edifici e muri a secco

Dalla Fondazione per la tutela del paesaggio un sostegno economico a favore della salvaguardia dei preziosi paesaggi culturali nelle regioni di montagna
Locarnese
9 ore

Duo Rossi in scena al Palacongressi di Muralto

Il nuovo spettacolo dialettale tutto da ridere il 10 febbraio per l’organizzazione della Società Carnevale Muraltese
24.11.2021 - 12:25
Aggiornamento: 16:35

‘Inserire la protezione del clima nella Costituzione cantonale’

Il Ppd lancia un’iniziativa parlamentare elaborata per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Dadò: ‘Chiedere al popolo se questa è la strada’

inserire-la-protezione-del-clima-nella-costituzione-cantonale
Ti-Press

Inserire nella costituzione ticinese la protezione del clima, con Cantone e Comuni che “si impegnano attivamente per limitare i rischi e le ripercussioni del cambiamento climatico” e “forniscono il contributo necessario al raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050”, prestando attenzione anche all’equilibrio tra esigenze ambientali, economiche e sociali. Questa, in sintesi, la modifica costituzionale proposta oggi dal Ppd con un’iniziativa parlamentare elaborata. L’idea – se il testo dovesse essere approvato dalla maggioranza del Gran Consiglio e arrivare dunque alle urne – è quella di «chiedere al popolo ticinese se questa è la strada che la politica cantonale dovrà seriamente prendere nel prossimo futuro», parole del presidente Fiorenzo Dadò.

Un ‘bis’ per ‘fissare obiettivi chiari’

Certo, c’è già un articolo costituzionale che impegna il Cantone affinché “l’ambiente naturale sia protetto dagli effetti nocivi e pregiudizievoli e preservato per le generazioni future” (Art. 14, entrato in vigore nel 1998). L’aggiunta di un ‘bis’ servirebbe a fissare un orizzonte più preciso, in modo da sollecitare coordinamento, coerenza e sostegno agli interventi puntuali in materia di cambiamento climatico.

«La mia preoccupazione è che altrimenti non si vada abbastanza in fretta, con una tempistica e obiettivi chiari», ha notato la granconsigliera Maddalena Ermotti-Lepori, prima firmataria dell’iniziativa. È d’accordo il suo capogruppo Maurizio Agustoni, che ha aggiunto: «L’assenza di un quadro di riferimento costituzionale, sia a livello federale che a livello cantonale, fa sì che le iniziative siano disordinate e che ogni volta che si va in votazione popolare ci sia sempre una discussione su come debbano essere costruite le proposte a favore dell’ambiente e della transizione energetica».

Né si possono schivare gli impegni locali, con la scusa che tanto i grandi inquinatori sono altrove: «Il problema è reale», ha ribadito Dadò, e «ognuno deve fare la sua parte: ogni goccia nel vasto mare ha la sua fondamentale importanza. Senza isterismi e senza esagerazioni, ma con esempi e azioni concrete». Passare dal popolo sarebbe anche un riconoscimento di responsabilità collettiva.

Difendere il clima, ma anche l’economia

Evidente è anche l’imprinting sull’iniziativa giunto dall’iniziativa per i ghiacciai, che si propone di azzerare le emissioni di gas serra in Svizzera entro il 2050. In entrambi i casi, ha sottolineato Agustoni, «le misure di protezione devono comunque essere orientate al rafforzamento dell’economia: si mette un po’ da parte il mito secondo il quale per inquinare di meno e avere energia pulita si debba essere tutti più poveri». La volontà di trovare una triangolazione sostenibile tra ambiente, protezione delle fasce più deboli e creazione di opportunità economiche è stato ribadito da Ermotti-Lepori: «Il risanamento energetico degli edifici, ad esempio, potrebbe offrire nuovi posti di lavoro». Una convinzione che tra l’altro guiderebbe anche le molte iniziative e mozioni sottoscritte dal Ppd, in particolare per promuovere le tecnologie di cattura e stoccaggio del CO2, migliorare la remunerazione dell’energia solare prodotta dai privati e installare pannelli presso le autostrade, le dighe e i laghetti artificiali. «L’energia idroelettrica è ormai sfruttata secondo il suo pieno potenziale», ha ricordato la granconsigliera, «mentre il fotovoltaico potrebbe rappresentare ciò che proprio l’idroelettrico ha rappresentato nel secolo scorso».

Nessun greenwashing?

Dadò respinge infine le accuse di ‘greenwashing’, ovvero un’adesione di facciata ai temi ambientali da parte di un partito che si è schierato con forza in difesa degli automobilisti, i quali secondo un suo noto slogan “non sono Bancomat”: «Lottare contro la persecuzione degli automobilisti non è in contraddizione con un impegno ambientale che ha sempre visto il partito in prima linea», ci ha detto dopo aver ricordato il lavoro dei Consiglieri di Stato Fulvio Caccia e Renzo Respini, «grazie ai quali furono promossi il primo Piano direttore cantonale, la Legge per la protezione delle acque e dell’aria nonché la riforma cantonale che permise l’istituzione del Dipartimento del territorio». Per Dadò anche la battaglia per l’abbassamento delle imposte di circolazione è «legata proprio alla questione delle emissioni, andando a favorire quelle auto che inquinano meno. D’altronde certe imposte sacrificano l’aspetto sociale, dimenticando che cento franchi per l’auto hanno un impatto ben diverso per una famiglia di operai che per una persona sola che guadagna bene».

Il testo dell’articolo

L’articolo proposto dal Ppd si ispira a quello inserito nella Costituzione cantonale del Canton Berna, accettato in settembre da una maggioranza del 63,9% degli elettori, nonché all’articolo previsto dall’iniziativa popolare “Per un clima sano” (iniziativa per i ghiacciai), tuttora pendente a livello nazionale.

Proposta di articolo costituzionale:

Art. 14 bis Protezione del clima

1 Il Cantone e i Comuni si impegnano attivamente per limitare i rischi e le ripercussioni del cambiamento climatico.

2 Nell’ambito delle loro competenze, forniscono il contributo necessario al raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050 e rafforzano la capacità di adattamento agli effetti negativi dei cambiamenti climatici.

3 Le misure di protezione del clima devono essere orientate al rafforzamento dell’economia ed essere compatibili con le esigenze sociali e ambientali. In particolare, contengono strumenti per promuovere l’innovazione e la tecnologia.

4 I Cantoni e i Comuni orientano i flussi finanziari pubblici a uno sviluppo climaticamente neutro e resistente ai cambiamenti climatici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved