Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
clima-saldo-zero-di-emissioni-entro-il-2050
"Fate l'amore, non CO2"
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

San Gallo, hacker attaccano siti internet di Cantone e Città

Nuovo atto di pirateria informatica nei confronti di enti pubblici in Svizzera. La società hosting riesce a metterci una pezza, ma non basta
Svizzera
5 ore

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna
Svizzera
6 ore

Rapperswil-Jona, trovati morti padre e figlia

La polizia sospetta che si tratti di un omicidio-suicidio. La ragazza aveva 12 anni, il padre 54
Svizzera
8 ore

Nei centri asilo federali violenze episodiche, non sistematiche

Queste le conclusioni del rapporto dell’ex giudice federale Oberholzer incaricato di verificare il ricorso a misure di coercizione sproporzionate
Svizzera
8 ore

In Svizzera 2’366 contagi nel weekend, 4 i decessi

Il tasso di replicazione del virus, il cui dato ha un ritardo di 10 giorni, torna a raggiungere la cifra di 1 che indica in genere un aumento dei contagi
Svizzera
10 ore

Sotto esame il discorso di un deputato Udc contro il Governo

La polizia esamina le dichiarazioni di David Beeler secondo cui ‘il Consiglio federale ha tradito il Paese" e ’in Svizzera c’è la legge marziale’
Svizzera
10 ore

Sul certificato Covid perplessità trasversali in Parlamento

Oltre l’Udc, anche esponenti del Centro e del Ps si esprimono a favore di allentamenti sul Covid Pass svizzero
Svizzera
11 ore

L’esercito sfora di 100 milioni il budget per l’informatica

Una delle ragioni chiave dello squilibrio è il progetto ‘Fitania’, che vorrebbe rendere le forze armate digitalmente adatte alle sfide future
Svizzera
13 ore

Due bambini muoiono in incendio nel canton Berna

Il rogo in una casa di Leuzigen, nel Seeland Bernese
ambiente
11.08.2021 - 17:230

Clima: saldo zero di emissioni entro il 2050

Dopo il "no" popolare alla revisione della legge sul CO2, il Consiglio federale: ‘Quella bocciatura non significa scarso interesse alla questione climatica’

Berna – Un saldo netto pari a zero delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2050, senza però vietare i combustibili fossili. Sono questi in estrema sintesi i contenuti del controprogetto diretto all'iniziativa popolare "Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)", adottato dal Consiglio federale ed elaborato tenendo conto del recente "no" popolare alla revisione della legge sul CO2 dello scorso giugno.

Quella del giugno scorso non è stata una bocciatura della protezione del clima, ma un rifiuto di quella legge, ha affermato in conferenza stampa a Berna la "ministra" dell'ambiente Simonetta Sommaruga, ribadendo la necessità di agire, e non solo perché obbligati a farlo in risposta ai promotori dell'iniziativa.

Il Consiglio federale persegue gli stessi obiettivi di quest'ultima, e ha stabilito l'obiettivo del saldo nullo di emissioni entro il 2050 nell'estate 2019, e lo ha rafforzato nel gennaio 2021 con l'adozione della Strategia climatica a lungo termine, ha ricordato la consigliera federale.

Il governo ritiene però che su alcuni aspetti l'iniziativa si spinga troppo lontano. Oltre alla sostenibilità sociale, nel suo progetto l'esecutivo intende pertanto considerare la situazione particolare delle regioni discoste e di montagna, meno ben servite dai trasporti pubblici rispetto alle aree urbane, ha sottolineato Sommaruga.


Un manifesto a favore del "sì" al quesito del giugno scorso a Losanna

In un nuovo articolo costituzionale, il controprogetto stabilisce inoltre che la sicurezza nazionale non può essere compromessa: per gli interventi di protezione e di salvataggio, esercito, polizia e servizi di intervento devono poter fare ricorso, in caso di necessità, ai carburanti fossili. Deroghe devono essere possibili se le tecnologie alternative non sono sostenibili dal punto di vista economico e sociale o se sono disponibili solo in misura insufficiente.

L'iniziativa

L'iniziativa, depositata il 27 novembre 2019 dall'Associazione svizzera per la protezione del clima, chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta più gas serra di quanto i serbatoi naturali e tecnici di CO2 ne possano assorbire. Contemporaneamente non dovrà in linea di principio più essere possibile immettere sul mercato combustibili e carburanti di origine fossile. Deroghe sarebbero possibili per le applicazioni per le quali non esistono alternative tecniche.

Il testo è sostenuto da organizzazioni ambientaliste, Chiese e ricercatori, nonché da esponenti di tutti gli schieramenti politici, compreso quello borghese. L'iniziativa vuole sensibilizzare la politica sugli obiettivi dell'Accordo di Parigi, che devono essere iscritti nella Costituzione.

Reagendo a quanto proposto dal Consiglio federale, i promotori ritengono che l'eliminazione progressiva dei combustibili fossili sia più urgente che mai. Questa soluzione ha senso dal punto di vista economico, poiché un approvvigionamento energetico prevalentemente nazionale crea valore aggiunto e posti di lavoro in Svizzera, affermano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved