media-bertoli-un-peccato-il-no-ora-le-camere-tornino-sul-tema
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
12 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
13 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
14 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
17 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
20 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
13.02.2022 - 17:14

Media, Bertoli: Un peccato il no, ora le Camere tornino sul tema

Il presidente del governo esclude un piano cantonale di aiuti dopo lo stop al pacchetto, ma ‘si rifletta sugli aspetti non contestati dal referendum’

«È un peccato che sia uscito questo risultato, anche se tutti gli esiti delle votazioni popolari vanno evidentemente accettati». Commenta così alla ‘Regione’ il Presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli l’esito del referendum che ha bocciato il pacchetto di aiuti per i media. Presidente di un governo che si era espresso all’unanimità a favore del pacchetto a sostegno dei media, nella convinzione che si trattasse, si leggeva nel comunicato stampa dell’Esecutivo, “di un intervento giustificato per assicurare al sistema dei media la necessaria pluralità di voci, che – accanto all’essenziale ruolo dell’emittente pubblica – contribuiscono al buon funzionamento della nostra democrazia diretta. Il progetto assume una rilevanza particolare per il Ticino – e per l’intera Svizzera italiana – perché permetterebbe di rafforzare realtà commerciali che attualmente soffrono, a causa dell’esiguità numerica del loro pubblico di riferimento, e che grazie alle nuove sovvenzioni potranno garantirsi un futuro a lungo termine”.

‘Un grosso tema era il sostegno ai grandi editori, che non riguarda il Ticino’

Un appello inascoltato, anche in Ticino. «Lo scopo di questo pacchetto era garantire la pluralità dell’informazione abbinata alla qualità dell’informazione – riprende Bertoli –, a questo punto credo che sia necessario che le Camere federali tornino sul concetto per vedere se è possibile recuperare elementi che non erano contestati». Nel senso che, prosegue il presidente del governo, «un grosso tema per i referendisti era l’aiuto destinato anche ai grandi gruppi editoriali della Svizzera tedesca, che chiaramente non tocca realtà come quella del Canton Ticino. Quindi occorre trovare più consenso all’interno del parlamento federale, estendendo la legge attuale e i sostegni attuali sugli aspetti non contestati di questo referendum».

‘Il tema è federale’

La politica federale ha tempi a volte lunghi. Nel frattempo, considerata l’emergenza, è ipotizzabile una soluzione con un piano cantonale, come è stato annunciato accadrà nel Giura, a Vaud e nei Grigioni? Bertoli è netto: «Non credo sia immaginabile. Primo, perché noi in Ticino abbiamo già problemi finanziari non da poco, e il 15 maggio si voterà un referendum finanziario sul rientro verso il pareggio di bilancio, a seconda di cosa dirà il popolo, tagliando le spese od operando su più fronti. Secondo, bisogna tenere conto del dato ticinese, che a stretta maggioranza si è comunque dichiarato contrario». Anche perché, afferma ancora il direttore del Decs, «il tema è federale, le particolarità regionali sono un elemento svizzero, non dei soli cantoni. Anzi, un intervento cantonale darebbe fiato a chi a Berna non vuol far niente». Manuele Bertoli è anche presidente del Forum per l’italiano in Svizzera, «e in questa funzione ho sempre evitato di dar voce a chi ragionava in termini di problemi di italianità che vanno risolti in Svizzera italiana. Il problema delle lingue nazionali è un problema nazionale, non bisogna rintanarci nel cantone».

Leggi anche:

Aiuti ai media respinti dal 54,6% dei votanti

Il Consiglio di Stato sostiene il pacchetto di aiuti ai media

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti ai media manuele bertoli referendum
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved