il-farmacista-cantonale-per-il-booster-non-mancano-le-dosi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
4 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
4 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
6 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
6 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
6 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
7 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
09.12.2021 - 17:28
Aggiornamento: 18:27

Il farmacista cantonale: ‘Per il booster non mancano le dosi’

Giovan Maria Zanini ricorda che è possibile fissare un appuntamento solo se sono passati sei mesi dalla seconda vaccinazione

«Non c’è alcuna carenza di vaccini. Il Ticino ha dosi sufficienti sia del preparato Pfizer, sia di quello di Moderna per far fronte alla domanda sia per le prime e seconde dosi, sia per il booster». Il dottor Giovan Maria Zanini, farmacista cantonale, rassicura chi in questi giorni ha avuto difficoltà a registrarsi sulla piattaforma informatica che gestisce le prenotazioni per la dose di richiamo. «Se qualche persona, che ha completato il ciclo vaccinale (prima e seconda dose) almeno sei mesi fa, si è vista proporre dal sistema una data per il booster che va oltre l’8 di gennaio, si tratta probabilmente di un errore informatico che è comunque in via di soluzione», spiega Zanini.

Alcuni però lamentano la difficoltà di fissare un appuntamento con il richiamo di Moderna e non con Pfizer. «La regola generale è che chi ha fatto le prime due dosi con un determinato preparato, riceverà anche la terza con quel preparato. Mi spiego: se ho avuto Moderna nelle prime due dosi, riceverò Moderna anche come richiamo. Lo stesso ragionamento vale per Pfizer».

C’è però un’eccezione. «Per gli under 30, indipendentemente dal vaccino ricevuto, il richiamo sarà solo con Pfizer e questo per evitare il rischio di miocarditi. Questo avviene già al momento dell’iscrizione quando si inserisce il dato anagrafico».

E per chi lamenta liste di attesa lunghe? «È frutto probabilmente di un errore informatico anche perché attualmente non è possibile prenotare oltre l’otto di gennaio. Non ho dubbi in merito. Posso assicurare che ci sono almeno 12mila posti liberi entro la fine dell’anno. Quindi chi ha i requisiti, ovvero aver fatto la seconda dose almeno sei mesi fa, può iscriversi senza problemi. Se però i sei mesi scadono in febbraio, per questi non c’è ancora la possibilità di fissare un appuntamento. Man mano che si avvicinano alla scadenza sì. Mi spiego meglio: se oggi sono passati cinque mesi e un giorno dalla mia seconda dose, l’appuntamento per il booster sarà possibile solo in una data successiva, ma al più presto il giorno dopo il compimento dei sei mesi. Nel nostro caso a partire dal 9 di gennaio e così via», precisa ancora il farmacista cantonale.

Il richiamo si può fare anche in farmacia e negli studi medici

Ci sono poi tutti coloro che non hanno fatto ancora la prima dose. «La piattaforma informatica è in grado di gestire in modo indipendente le due popolazioni: i doppi vaccinati e chi è ancora alla prima dose. L’appuntamento per la seconda viene generato automaticamente 28 giorni dopo aver fatto la prima dose. Infine, da non dimenticare, c’è tutta la rete delle farmacie (sono più di 70) e degli studi medici che hanno aderito alla campagna vaccinale. Chi vuole può anche seguire questa strada sia per completare la prima fase di vaccinazione che per fare il booster. Bisogna prendere contatto preventivamente con queste strutture. Nelle scorse settimane i centri cantonali di vaccinazione hanno approntato un dispositivo per far fronte a circa 100mila prenotazioni».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
booster farmacista cantonale moderna pfizer
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved