ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
27 min

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
1 ora

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
2 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
2 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
3 ore

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
Luganese
4 ore

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
4 ore

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
6 ore

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
6 ore

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
6 ore

Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco

Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Locarnese
6 ore

Locarno, riflessione sul volontariato

La Città propone una conferenza a Palazzo Marcacci
Locarnese
7 ore

Andrea Fazioli ospite alla Biblioteca di Aurigeno

Presenterà la sua opera più recente: Le strade oscure
01.07.2021 - 20:30
Aggiornamento: 26.03.2022 - 15:05

Potenziare i sostegni a domicilio: rapporto in consultazione

Tra gli obiettivi della Pianificazione integrata: oltre mille posti letto nelle case anziani e potenziamento dei servizi d’appoggio

potenziare-i-sostegni-a-domicilio-rapporto-in-consultazione
Depositphotos

"L’evoluzione demografica indica che la popolazione sta invecchiando rapidamente". Lo ribadisce il rapporto finale sul progetto di ‘Pianificazione integrata anziani e cure a domicilio 2021–2030’ messo a punto dal Dipartimento sanità e socialità. Le cifre sono eloquenti: stando allo scenario tratteggiato dall’Ufficio cantonale di statistica, nel 2030 in Ticino gli over 65 saranno più di 100mila, il 31 per cento in più rispetto al 2018.

La Pianificazione propone quindi vari interventi: 1’180 nuovi posti letto nelle case anziani, 290mila ore in più di cure a domicilio e il potenziamento del "105 per cento" dei servizi d’appoggio. Il rapporto è stato posto in consultazione dal Dipartimento presso gli enti interessati. Una consultazione (scadrà a fine settembre) per "affinare" il documento, che sarà "oggetto del messaggio che il Consiglio di Stato trasmetterà al parlamento", per approvazione, "entro la fine del 2021", segnala ancora il Dss.

Nella pre-consultazione, durante i mesi di febbraio e marzo, "tutti gli interpellati hanno manifestato un parere favorevole sull’orientamento verso il mantenimento al domicilio", si legge ancora nella nota del Dipartimento. Non si parla solo di anziani, ma di "ogni persona che a causa di malattia, infortunio, disabilità, maternità, vecchiaia o difficoltà socio-familiari necessita di un auto", cita il secondo articolo della Legge sull’assistenza e cura a domicilio (Lacd). La Pianificazione è volta fra l’altro "a una migliore comunicazione e collaborazione" tra i vari attori. Con essa inoltre, si sostiene nel rapporto, "si prevede di attenuare il disincentivo per la frequenza dei diversi tipi di centri diurni che costituiscono un importante tassello nel favorire il mantenimento a domicilio, un principio base della Pianificazione". Un altro obiettivo consiste "nell’esaminare in dettaglio le procedure di accesso agli aiuti diretti finalizzati al mantenimento a domicilio, sia in termini finanziari – mirando alla riduzione dell’effetto soglia – che di complessità amministrativa". Secondo uno studio della Supsi, vi è "una scarsa informazione sull’esistenza degli aiuti diretti", che insieme alla già citata complessità amministrativa "rischia di creare una discriminazione nell’accesso o un ingresso tardivo alle prestazioni".

‘Un documento che dà risposte concrete’

La Pianificazione dunque. «Si tratta di un documento molto importante per almeno due motivi – sottolinea, contattato dalla ‘Regione’, il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa –. Per la prima volta si propone una pianificazione integrata dei tre settori – strutture stazionarie (le case per anziani), assistenza e cure a domicilio e servizi d’appoggio – che in precedenza erano pianificati in maniera separata, con tempistiche non allineate e che quindi si sovrapponevano. Il documento consente di avere così una visione complessiva di questo fondamentale ambito della politica sociale del Canton Ticino». Il secondo motivo, prosegue De Rosa, «è che questo documento permette di dare delle risposte molto concrete alla grande sfida rappresentata dell’evoluzione demografica e ai mutamenti della società cui si accompagnano nuovi bisogni, sempre più complessi, della popolazione anziana e delle famiglie». Con la Pianificazione «si portano diversi elementi sia di tipo quantitativo sia di tipo qualitativo, penso per esempio allo studio della Supsi sulla figura dell’anziano nel 2040». Il capo del Dss tiene poi a ricordare «i pilastri» su cui poggia il documento: «Mettiamo i bisogni della persona anziana e delle famiglie al centro della nostra attenzione per poter dare risposte adeguate e concrete, confermiamo e rafforziamo la presa a carico domiciliare, nel rispetto comunque della libertà di scelta della persona anziana (restare a domicilio o andare in casa anziani), rafforziamo la qualità delle cure e valorizziamo le reti di cure integrate. Il rafforzamento di quest’ultime, dunque le collaborazioni orizzontali, per esempio fra case anziani e tra servizi di assistenza e cure a domicilio, e le collaborazioni verticali, permette anche di creare sinergie e nel contempo di contenere i costi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved