magistratura-e-riforme-la-politica-non-ha-piu-alibi
La deputata leghista (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Lugano, Schönenberger? ‘Un incidente di percorso’

Cristina Zanini Barzaghi replica alle critiche: ’Il nostro obiettivo è di agire a favore delle persone più sfavorite, del ceto medio e dell’ambiente’
Mendrisiotto
12 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
13 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
13 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
13 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
13 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
13 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
14 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
14 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
14 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
14 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
14 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
14 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
15 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
15 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
15 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
15 ore

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
Locarnese
15 ore

Locarno, ‘vergognoso non proibire il fumo nei parchi giochi’

L’Associazione svizzera non fumatori prende posizione sulla decisione del Consiglio comunale che non approva la mozione ‘verde’. Annunciato il referendum
Locarnese
15 ore

Alvad, col progetto Ril cure qualitative a costi sostenibili

La messa in rete dei servizi sociali e sanitari è la sfida futura per gli operatori pubblici e privati del settore delle cure a domicilio
Ticino
15 ore

‘Caro benzina, il governo chieda a Berna di intervenire’

Con un’interrogazione Lara Filippini (Udc) invita il Consiglio di Stato a farsi portavoce col Consiglio federale dei disagi economici in Ticino
laR
 
11.05.2021 - 05:30
Aggiornamento : 15:06

'Magistratura e riforme, la politica non ha più alibi'

Intervista a Sabrina Aldi, neopresidente della commissione Giustizia. E al Cdm, sul caso dei cinque pp, replica: il nostro un giudizio ponderato, altro che affrettato

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Che aria tira in commissione? Abbiamo vissuto un periodo decisamente burrascoso. Spero ora che al nostro interno gli animi si plachino e il clima diventi il più costruttivo possibile. Mettiamo allora da parte gli interessi particolari e impegnamoci a garantire il buon funzionamento della magistratura. A breve-medio termine - aggiunge - dobbiamo eleggere due procuratori, un giudice d’Appello in seguito alle dimissioni, annunciate per fine agosto, del presidente della Corte dei reclami penali Mauro Mini e il o la subentrante di Marco Kraushaar, pure lui dimissionario, alla testa della Pretura penale. All’orizzonte si profila la nomina anche di un giudice dei provvedimenti coercitivi. Inoltre, dobbiamo proporre delle misure per riorganizzare il Ministero pubblico, dando così seguito al mandato conferitoci dal plenum del Gran Consiglio. Sono dossier importanti e delicati che richiedono a livello politico serenità e consenso». Avvocato di professione, con un passato da segretaria giudiziaria in Procura e da vicecancelliera al Tribunale penale cantonale, Sabrina Aldi (Lega) è da ieri alla guida della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’, di cui è stata nei precedenti dodici mesi la prima vicepresidente. Succede al popolare democratico Luca Pagani, al vertice della commissione in occasione del tribolato rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico. Talmente tribolato da innescare una sorta di crisi istituzionale. La storia di quel periodo burrascoso, cui ha accennato Aldi, è nota. Lo scorso settembre, con pareri inusualmente duri tanto nei toni quanto nei contenuti, il Consiglio della magistratura (Cdm) preavvisa negativamente, all’indirizzo dell’autorità di nomina delle toghe, il Gran Consiglio, la rielezione di cinque pp, praticamente un quarto degli inquirenti che compongono la Procura ticinese. A fine novembre, dopo i necessari approfondimenti, una netta maggioranza della ’Giustizia e diritti’ riabilita i cinque. A metà dicembre il parlamento, condividendo la posizione della commissione, li rielegge per un ulteriore mandato decennale.

Presidente Aldi, sulla vicenda dei cinque procuratori il Consiglio della magistratura nel proprio rapporto d’attività 2020 scrive di aver proceduto “in modo rigoroso sulla base della documentazione ricevuta dalle istanze della magistratura e dei colloqui effettuati con i candidati”. Considera pertanto "affrettato" il giudizio della commissione 'Giustizia e diritti' quando, nero su bianco, ha affermato di “non aver riscontrato elementi sufficientemente solidi a sostegno di una non rielezione”...

Affrettato? Per nulla! Il nostro è stato un giudizio ponderato. Abbiamo svolto numerose audizioni e commissionato una perizia a Claude Rouiller, già presidente del Tribunale federale, dopo che il Cdm aveva negato ai cinque pp e alla commissione parlamentare l’accesso agli atti. Gli approfondimenti non sono certo mancati. Altro che giudizio affrettato! Abbiamo cominciato a occuparci del tema non appena ricevuti dal Consiglio della magistratura i suoi preavvisi, anche perché la nostra volontà era di rispettare il termine del 31 dicembre 2020 entro il quale andavano eletti i magistrati del Ministero pubblico.

E cosa replica a chi rimprovera alla 'Giustizia e diritti' di aver delegittimato il Consiglio della magistratura?

Che è un rimprovero privo di fondamento. Posso capire il disappunto del Cdm per la nostra decisione di proporre al plenum del Gran Consiglio la rielezione, per quel che riguardava i pp uscenti, anche dei cinque procuratori da lui ’bocciati’. Ma la commissione ’Giustizia e diritti’, che è formata da politici, deve tenere conto, quando fa una proposta di nomina, anche di altri fattori oltre a quello tecnico, oltre cioè alla preparazione scientifica dei candidati. Il Consiglio della magistratura è chiamato a esprimersi sull’idoneità a ricoprire la carica dei pp e dei giudici che postulano la rielezione nella medesima funzione: le sue valutazioni non sono tuttavia insindacabili da parte della commissione parlamentare, tenuto conto che l’elezione dei magistrati oggi compete al Gran Consiglio. Nel caso concreto, poi, una netta maggioranza di questa commissione ha ritenuto piuttosto claudicante, alla luce degli approfondimenti che ha fatto, la procedura adottata dal Cdm. Per questo e altri motivi non abbiamo seguito le indicazioni del Consiglio della magistratura. Ricordo comunque che quella legata al rinnovo delle cariche in magistratura rappresenta una minima parte dell’attività del Cdm. Il grosso è costituito dalla vigilanza sul funzionamento dell’apparato giudiziario cantonale, con l’eventuale adozione di sanzioni disciplinari. Sulle quali il parlamento ovviamente non si esprime, non interviene di certo.

Una procedura, quella adottata dal Cdm in questa circostanza, che lei ha definito claudicante. Dunque da rivedere?

È uno dei quesiti che abbiamo sottoposto all’ex giudice federale Rouiller, il perito al quale la ’Giustizia e diritti’ ha deciso di rivolgersi anche per l'esecuzione del mandato assegnatole in dicembre dal Gran Consiglio perché suggerisca misure legislative volte a riorganizzare il Ministero pubblico (vedi articolo a lato, ndr.). Personalmente penso che non solo vada codificata, e in maniera chiara, la procedura del Consiglio della magistratura quando è chiamato a preavvisare la rielezione di giudici e pp, ma che vada anche rivista la sua composizione.

Concretamente?

Mi riferisco in particolare ai membri cosiddetti laici. Mi domando se sia opportuno che del Cdm facciano parte avvocati attivi nel contenzioso, che dunque hanno a che fare professionalmente con i tribunali e l’autorità di perseguimento penale, e persone che ricoprono cariche nei partiti. Il Consiglio della magistratura deve anche apparire indipendente. Così come mi chiedo se non occorra riflettere pure sui componenti togati, ampliandone il numero in modo tale che la ricandidatura di un magistrato non venga valutata da un collega membro del Consiglio della magistratura che opera nello stesso settore del diritto: civile, penale o amministrativo.

Veniamo alla riorganizzazione del Ministero pubblico. Quando contate, come commissione, di proporre le misure al plenum del Gran Consiglio?

Il mio auspicio è che le si possa elaborare e sottoporre all’approvazione del parlamento entro la fine di quest’anno, al più tardi all'inizio del prossimo. Nel frattempo abbiamo trasmesso a Rouiller una serie di domande affinché la ’Giustizia e diritti' lavori su basi giuridiche solide e ciò per scongiurare pasticci, per evitare che nella discussione politica si improvvisino soluzioni che al primo ricorso crollano. Ci muoveremo di concerto con il Dipartimento istituzioni e l'autorità giudiziaria. Sia in relazione all’organizzazione della Procura, sia in relazione alla procedura di elezione e rielezione dei magistrati, e quindi al ruolo della Commissione di esperti, che preavvisa le nuove candidature, e a quello del Consiglio della magistratura, ci sono sicuramente margini di miglioramento. Il resto dipenderà dai noi politici, dalla volontà dei partiti di assicurare finalmente alla magistratura delle condizioni operative adeguate. Nell’interesse soprattutto dei cittadini. Ma dobbiamo agire in tempi ragionevolmente brevi. La politica non ha più alibi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cdm consiglio magistratura giustizia diritti gran consiglio ministero pubblico pp
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved