aldi-giustizia-e-diritti-il-cdm-ha-perso-autorevolezza
Sabrina Aldi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
36 min

Zigzag in autostrada, multati vari motociclisti

La Polizia cantonale ha riscontrato 31 infrazioni durante alcuni controlli fatti a maggio e giugno.
Locarnese
41 min

Lavori in corso per gli scali della Navigazione Ascona-Locarno

La prima fase per la sostituzione dei vecchi pali degli imbarchi partirà il 4 luglio e si protrarrà fino al 15 luglio.
Locarnese
49 min

Lilly Polana espone alla Galleria Amici dell’Arte di Brissago

Mostra personale dedicata all’artista di Montagnola e ai suoi quadri realizzati unicamente con francobolli
Locarnese
58 min

Tè danzante a Tenero

Al Tertianum Al Vigneto l’appuntamento con la musica è per martedì prossimo
Bellinzonese
1 ora

’Pranzo dell’amicizia’ con il Gruppo ATTE Leventina

La giornata è in programma giovedì 14 luglio ai laghetti Audan di Ambrì, obbligatorio iscriversi entro il 10 luglio
Bellinzonese
2 ore

Il Piccolo Museo della Scatola di Latta riapre i battenti

Da domenica 3 luglio sino al 31 ottobre è possibile scoprire i quasi 6’500 pezzi della collezione di Franco Grassi
Bellinzonese
3 ore

‘Sua figlia ha avuto un incidente’, ma è una truffa

Una sedicente poliziotta al telefono ha chiesto, invano, a una 78enne del Bellinzonese 50mila franchi per evitare a sua figlia la prigione
Locarnese
3 ore

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
Gallery
Luganese
5 ore

Centra lo spartitraffico e si rovescia su un fianco: è grave

Serie ferite per l’uomo rimasto vittima di un incidente nella notte in via San Gottardo a Lugano, poco prima del tunnel di Besso
Bellinzonese
5 ore

Esce di strada con l’auto che poi prende fuoco: grave una 20enne

L’incidente è avvenuto attorno alle 23.30 sulla strada cantonale all’altezza di Gorduno: strada chiusa per i rilievi del caso fino alle 4.30
Ticino
5 ore

Una notte di tuoni, acqua (tanta acqua) e grandine

Un fronte di maltempo particolarmente attivo ha spazzato nella notte il Ticino. Provocando diversi disagi, come nelle Centovalli
Gallery
Grigioni
5 ore

Grave incidente in galleria a Pian San Giacomo

Tre le auto coinvolte nel botto all’interno del tunnel Cianca Presella. Quattro i feriti, di cui uno in modo grave
Mendrisiotto
7 ore

Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum

Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Mendrisiotto
16 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
18 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
laR
 
18.12.2021 - 05:15

Aldi (Giustizia e diritti): il Cdm ha perso autorevolezza

Consiglio della magistratura, la presidente della commissione parlamentare dopo la sentenza del Tribunale d‘appello. ’C’è un problema istituzionale’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Da quanto riferito dai media, che hanno anche citato diversi passaggi della sentenza, le critiche del Tribunale d’appello al Consiglio della magistratura sono oggettivamente esplicite e dure - osserva Aldi -. Ed è, dopo quelle pronunciate dal perito Rouiller e dalla Commissione di ricorso sulla magistratura, la terza bocciatura dell’operato del Cdm in vista dell’ultimo rinnovo delle cariche al Ministero pubblico. Ora, tenuto conto della separazione dei poteri, non sta a me dire cosa debba fare a questo punto il Consiglio, se debba o non debba dimettersi. Tuttavia ha perso autorevolezza, cosa che credo l’opinione pubblica abbia percepito. C’è insomma un problema istituzionale. La situazione merita pertanto un’attenta riflessione da parte dello stesso Consiglio. Ma pure da parte nostra come deputati, visto che per legge il Gran Consiglio designa quattro dei sette membri del Cdm». Interpellata dalla ‘Regione’, la leghista Sabrina Aldi, presidente della commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’, si esprime così a proposito del recente verdetto (vedi l’edizione dell’altro ieri) con cui la maggioranza dei giudici d’Appello bacchetta sonoramente il Consiglio della magistratura - l’organo chiamato a vigilare sul funzionamento delle autorità giudiziarie ticinesi - per le modalità con le quali lo scorso anno ha esaminato le candidature - ritenendole per finire non idonee - di cinque procuratori che avevano sollecitato un nuovo mandato. Nonostante gli insolitamente impietosi giudizi, nei contenuti e nella forma, partoriti dal Cdm, il Gran Consiglio ha riconfermato i cinque dopo che gli approfondimenti della ’Giustizia e diritti’, rivoltasi fra l’altro per un parere giuridico al già presidente del Tribunale federale Claude Rouiller, avevano portato alla luce importanti lacune nella procedura adottata dal Consiglio della magistratura presieduto dal giudice Werner Walser. Lacune/irregolarità come la violazione del diritto di essere sentito. La sentenza del Tribunale d’appello è stata innescata dall’istanza di ricusa - accolta - nei confronti dei membri del Cdm inoltrata da uno dei pp la cui rielezione non era stata raccomandata dal Consiglio.

Il momento, riprende Aldi, «è delicato». È delicato perché la commissione ‘Giustizia e diritti’, come da mandato conferitole dal plenum del parlamento nel dicembre 2020, sta ragionando anche su eventuali correttivi da apportare al sistema di designazione dei magistrati e alle competenze, in questo contesto, del Consiglio della magistratura, tenuto in base alle disposizioni di legge vigenti a pronunciarsi sull’idoneità di procuratori e giudici che alla scadenza del periodo di nomina, di dieci anni, si candidano alla medesima funzione.

A prescindere da ciò che farà o non farà il Consiglio della magistratura in carica, come intende muoversi la ‘Giustizia e diritti’ in seguito alla sentenza del Tribunale d’appello?

Intanto non è ancora agli atti della commissione. Uno dei punti all’ordine del giorno della riunione che terremo lunedì (dopodomani, ndr) è proprio la richiesta di copia della sentenza all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, cui è stata trasmessa dal Tribunale. Per la ‘Giustizia e diritti’ è importante accedere al verdetto, poiché è la commissione del parlamento cantonale che, istituzionalmente parlando, tiene i contatti con il Consiglio della magistratura. Ho comunque già individuato un paio di aspetti che secondo me vanno discussi in ‘Giustizia e diritti’.

Quali?

Il primo: dobbiamo chiederci se debba essere il Tribunale d’appello in corpore a deliberare su una richiesta di ricusazione del Consiglio della magistratura, quando il Tribunale d’appello è sottoposto, come qualsiasi altra autorità giudiziaria cantonale, alla sorveglianza del Cdm. Siamo nella situazione un po’ anomala nella quale il controllato controlla il controllore. Il secondo aspetto: mi chiedo se non sia il caso di lasciare al Consiglio della magistratura soltanto la vigilanza sul funzionamento della giustizia, con la facoltà di adottare sanzioni disciplinari nei riguardi dei magistrati.

Il motivo?

Quanto avvenuto potrebbe accadere ogni volta che un procuratore o un giudice, raggiunto da una segnalazione, presenti un’istanza di ricusa nei confronti del Consiglio della magistratura che ne aveva preavvisato negativamente la candidatura, ma che il Gran Consiglio, autorità di nomina, ha poi rieletto. In altre parole la sua richiesta di ricusazione passa al vaglio dei componenti dell’organo che lo avevano considerato non idoneo a svolgere un nuovo mandato. Il dubbio che il Cdm sia prevenuto nei confronti di questo procuratore o di questo giudice è dunque elevato.

A chi demandare allora il compito di valutare l’idoneità dei magistrati che alla scadenza del periodo di nomina si ricandidano?

Potrebbe essere affidato alla Commissione di esperti indipendenti, che attualmente esamina e preavvisa, all’indirizzo del Gran Consiglio, le nuove candidature, quelle di coloro che aspirano a entrare in magistratura. Sia chiaro: sono tutte ipotesi che formulo a titolo personale. Ma che ritengo valga la pena approfondire in commissione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aldi cdm gran consiglio magistratura
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved