ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
1 min

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
9 min

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
1 ora

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
2 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
2 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
3 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
3 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
3 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
3 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
3 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
4 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
Ticino
4 ore

Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni

La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
4 ore

Docenti, ne mancano di tedesco e matematica

Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
4 ore

Gudo, festa di San Nicolao con Acli

Appuntamento per domenica 4 dicembre dalle 11.30 al campo sportivo
Mendrisiotto
4 ore

A2, tra terza corsia che verrà e potenziamenti in atto

Il deputato Alessandro Speziali (Plr) ne chiede conto al Consiglio di Stato. E interroga sull’impatto ambientale e fonico del progetto PoLuMe
laR
 
27.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:43

‘Nomine pp, avevamo visto giusto. Ora servono regole chiare’

Sabrina Aldi, presidente della 'Giustizia e diritti', commenta così le sentenze della Commissione di ricorso sulla magistratura. La perizia Rouiller? 'Imminente'

nomine-pp-avevamo-visto-giusto-ora-servono-regole-chiare
Sabrina Aldi (foto Ti-Press)

Quelle sentenze «confermano che i dubbi della nostra commissione sull’operato del Consiglio della magistratura nella fattispecie erano fondati, confermano quindi la validità del lavoro che abbiamo svolto per garantire l’esercizio di un diritto fondamentale, cioè il diritto di essere sentito, e confermano l’assoluta necessità di fissare al più presto regole chiare per il Cdm quando è chiamato a pronunciarsi sulle ricandidature di procuratori e giudici». Sabrina Aldi, presidente della commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’, non usa giri di parole nel commentare, da noi contattata, i verdetti emessi in luglio dalla Commissione di ricorso sulla magistratura riguardanti le contestazioni dei cinque procuratori pubblici nei confronti dell’agire del Consiglio della magistratura, quel Cdm che lo scorso autunno aveva preavvisato negativamente – con pareri inusualmente duri, tanto nei toni quanto nei contenuti – la loro ricandidatura a un nuovo mandato decennale. Pareri ai quali la maggioranza dapprima della ‘Giustizia e diritti’ e poi del plenum del Gran Consiglio, cui compete la nomina delle toghe, non ha però aderito, considerando assai zoppicante la procedura adottata dal Cdm e rieleggendo pertanto, nella seduta di dicembre, i cinque pp, oltre ai loro colleghi ripresentatisi in occasione del rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico. Pur giudicando le contestazioni dei procuratori interessati da un lato irricevibili e dall’altro prive di oggetto, la Commissione di ricorso, come riferito dalla ‘Regione’ nell’edizione del 7 agosto, non ha risparmiato severe critiche al Consiglio della magistratura. Che non sono certo sfuggite alla responsabile della ‘Giustizia e diritti’. «La Commissione di ricorso – riprende la deputata leghista – rimprovera in sostanza al Cdm di non aver dato ai cinque pp l’accesso agli atti e di aver assunto informazioni sulla loro attività, interpellando varie autorità giudiziarie, in modo non trasparente e formale. Ora, è senz’altro opportuno, e ci mancherebbe altro, che il Consiglio della magistratura assuma informazioni per formulare dei preavvisi con cognizione di causa, ma lo deve fare appunto in maniera trasparente e formale. E questo per garantire, come scrive la Commissione di ricorso nelle sentenze, un corretto svolgimento della procedura di preparazione all’elezione».

‘Abbiamo sanato la situazione’

Tormentata si è invece rivelata quella che ha portato, con le nomine decise nella seduta di Gran Consiglio di lunedÌ 14 dicembre, al rinnovo delle cariche al Ministero pubblico. A coordinare la commissione ‘Giustizia e diritti’, cui spetta fra l’altro il compito di formulare la o le proposte di elezione all’indirizzo del plenum del parlamento, era il popolare democratico Luca Pagani. Prima vice Sabrina Aldi, avvocato come Pagani e con un passato da segretaria giudiziaria in Procura e da vicecancelliera al Tribunale penale cantonale. «Se la ‘Giustizia e diritti’ e il Gran Consiglio – evidenzia la parlamentare, da maggio alla testa della commissione – si fossero limitati a fare propri i preavvisi negativi del Cdm sulle candidature dei cinque procuratori e dunque a non riconfermarli, la probabilità di un accoglimento dei loro ricorsi, che avevano presentato nell’ottobre del 2020, sarebbe stata, ritengo, elevata. Ciò che, in caso di accoglimento, avrebbe inficiato il rinnovo di tutte le cariche in seno al Ministero pubblico, con conseguenti grossi problemi di tipo anche organizzativo per l’autorità giudiziaria di perseguimento penale. Bene allora ha fatto la ‘Giustizia e diritti’, la sua maggioranza, a effettuare tutta una serie di approfondimenti e ad audizionare i cinque procuratori, consentendo loro l’accesso agli atti, negato dal Cdm, e di esercitare in tal modo il diritto di essere sentito». La ‘Giustizia e diritti’ ha insomma «sanato la situazione, come ha riconosciuto la Commissione di ricorso».

La perizia Rouiller? ‘Imminente’

Occorre però adesso voltar pagina, sostiene la presidente della commissione parlamentare. Bisogna, in altri termini, dar seguito al mandato conferito dal plenum del Gran Consiglio alla ‘Giustizia e diritti’: proporre «regole procedurali chiare per il Consiglio della magistratura nel momento in cui deve esprimersi sulle ricandidature di giudici e pp alla medesima funzione» e «norme volte a migliorare la vigilanza interna al Ministero pubblico da parte della Direzione dello stesso». Per questo la commissione è in attesa delle risposte alla lista di quesiti che ha posto al perito, ovvero all’ex presidente del Tribunale federale Claude Rouiller, al quale si era già rivolta durante la procedura di rinnovo delle cariche. «Una volta ricevute quelle risposte, necessarie per capire anche i margini di manovra che abbiamo, cominceranno esame delle stesse e discussione: lo faremo coinvolgendo il governo e la magistratura, come da mandato – indica Aldi –. Quale presidente, mi impegnerò affinché in tempi rapidi la ‘Giustizia e diritti’ elabori e sottoponga delle proposte al plenum del Gran Consiglio».

I tempi della perizia di Rouiller? «È imminente», taglia corto Aldi. Non è da escludere che le risposte del già presidente del Tf siano sui tavoli della commissione parlamentare lunedì prossimo, quando tornerà a riunirsi dopo la pausa estiva. Vedremo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved