nomine-pp-avevamo-visto-giusto-ora-servono-regole-chiare
Sabrina Aldi (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
7 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
7 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
8 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
8 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
8 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
9 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
9 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
9 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
9 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
12 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
laR
 
27.08.2021 - 05:30
Aggiornamento : 15:43

‘Nomine pp, avevamo visto giusto. Ora servono regole chiare’

Sabrina Aldi, presidente della 'Giustizia e diritti', commenta così le sentenze della Commissione di ricorso sulla magistratura. La perizia Rouiller? 'Imminente'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Quelle sentenze «confermano che i dubbi della nostra commissione sull’operato del Consiglio della magistratura nella fattispecie erano fondati, confermano quindi la validità del lavoro che abbiamo svolto per garantire l’esercizio di un diritto fondamentale, cioè il diritto di essere sentito, e confermano l’assoluta necessità di fissare al più presto regole chiare per il Cdm quando è chiamato a pronunciarsi sulle ricandidature di procuratori e giudici». Sabrina Aldi, presidente della commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’, non usa giri di parole nel commentare, da noi contattata, i verdetti emessi in luglio dalla Commissione di ricorso sulla magistratura riguardanti le contestazioni dei cinque procuratori pubblici nei confronti dell’agire del Consiglio della magistratura, quel Cdm che lo scorso autunno aveva preavvisato negativamente – con pareri inusualmente duri, tanto nei toni quanto nei contenuti – la loro ricandidatura a un nuovo mandato decennale. Pareri ai quali la maggioranza dapprima della ‘Giustizia e diritti’ e poi del plenum del Gran Consiglio, cui compete la nomina delle toghe, non ha però aderito, considerando assai zoppicante la procedura adottata dal Cdm e rieleggendo pertanto, nella seduta di dicembre, i cinque pp, oltre ai loro colleghi ripresentatisi in occasione del rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico. Pur giudicando le contestazioni dei procuratori interessati da un lato irricevibili e dall’altro prive di oggetto, la Commissione di ricorso, come riferito dalla ‘Regione’ nell’edizione del 7 agosto, non ha risparmiato severe critiche al Consiglio della magistratura. Che non sono certo sfuggite alla responsabile della ‘Giustizia e diritti’. «La Commissione di ricorso – riprende la deputata leghista – rimprovera in sostanza al Cdm di non aver dato ai cinque pp l’accesso agli atti e di aver assunto informazioni sulla loro attività, interpellando varie autorità giudiziarie, in modo non trasparente e formale. Ora, è senz’altro opportuno, e ci mancherebbe altro, che il Consiglio della magistratura assuma informazioni per formulare dei preavvisi con cognizione di causa, ma lo deve fare appunto in maniera trasparente e formale. E questo per garantire, come scrive la Commissione di ricorso nelle sentenze, un corretto svolgimento della procedura di preparazione all’elezione».

‘Abbiamo sanato la situazione’

Tormentata si è invece rivelata quella che ha portato, con le nomine decise nella seduta di Gran Consiglio di lunedÌ 14 dicembre, al rinnovo delle cariche al Ministero pubblico. A coordinare la commissione ‘Giustizia e diritti’, cui spetta fra l’altro il compito di formulare la o le proposte di elezione all’indirizzo del plenum del parlamento, era il popolare democratico Luca Pagani. Prima vice Sabrina Aldi, avvocato come Pagani e con un passato da segretaria giudiziaria in Procura e da vicecancelliera al Tribunale penale cantonale. «Se la ‘Giustizia e diritti’ e il Gran Consiglio – evidenzia la parlamentare, da maggio alla testa della commissione – si fossero limitati a fare propri i preavvisi negativi del Cdm sulle candidature dei cinque procuratori e dunque a non riconfermarli, la probabilità di un accoglimento dei loro ricorsi, che avevano presentato nell’ottobre del 2020, sarebbe stata, ritengo, elevata. Ciò che, in caso di accoglimento, avrebbe inficiato il rinnovo di tutte le cariche in seno al Ministero pubblico, con conseguenti grossi problemi di tipo anche organizzativo per l’autorità giudiziaria di perseguimento penale. Bene allora ha fatto la ‘Giustizia e diritti’, la sua maggioranza, a effettuare tutta una serie di approfondimenti e ad audizionare i cinque procuratori, consentendo loro l’accesso agli atti, negato dal Cdm, e di esercitare in tal modo il diritto di essere sentito». La ‘Giustizia e diritti’ ha insomma «sanato la situazione, come ha riconosciuto la Commissione di ricorso».

La perizia Rouiller? ‘Imminente’

Occorre però adesso voltar pagina, sostiene la presidente della commissione parlamentare. Bisogna, in altri termini, dar seguito al mandato conferito dal plenum del Gran Consiglio alla ‘Giustizia e diritti’: proporre «regole procedurali chiare per il Consiglio della magistratura nel momento in cui deve esprimersi sulle ricandidature di giudici e pp alla medesima funzione» e «norme volte a migliorare la vigilanza interna al Ministero pubblico da parte della Direzione dello stesso». Per questo la commissione è in attesa delle risposte alla lista di quesiti che ha posto al perito, ovvero all’ex presidente del Tribunale federale Claude Rouiller, al quale si era già rivolta durante la procedura di rinnovo delle cariche. «Una volta ricevute quelle risposte, necessarie per capire anche i margini di manovra che abbiamo, cominceranno esame delle stesse e discussione: lo faremo coinvolgendo il governo e la magistratura, come da mandato – indica Aldi –. Quale presidente, mi impegnerò affinché in tempi rapidi la ‘Giustizia e diritti’ elabori e sottoponga delle proposte al plenum del Gran Consiglio».

I tempi della perizia di Rouiller? «È imminente», taglia corto Aldi. Non è da escludere che le risposte del già presidente del Tf siano sui tavoli della commissione parlamentare lunedì prossimo, quando tornerà a riunirsi dopo la pausa estiva. Vedremo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
‘giustizia diritti gran consiglio pp sabrina aldi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved