la-prima-perizia-rouiller-motivazioni-del-cdm-insostenibili
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
1 ora

Faido, riuscita la festa sportiva sul ghiaccio

Un successo la prima edizione del quadrangolare di hockey amatoriale voluto per animare un cartellone invernale orfano di carnevali e (per ora) di neve
Ticino
2 ore

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
Locarnese
3 ore

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi
Locarnese
3 ore

Il semaforo del CO2: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica
Locarnese
3 ore

Premio Dalcol 2021 all’associazione ‘Nella Casa del Padre mio’

L’associazione opera a favore della gioventù bisognosa in Ghana. A ritirare il riconoscimento è stato il medico dentista Luca Cheda con la moglie Adelia.
Ticino
4 ore

In Ticino +14 pazienti Covid e nessun decesso. Contagi in calo

Continua per il quinto giorno di fila la diminuzione dei casi giornalieri. Due persone in meno in cure intense. 25 i positivi in casa anziani in 72 ore
Mendrisiotto
4 ore

Ente turistico e Football club Chiasso assieme per la regione

Collaborazione tra Ort Mendrisiotto e Basso Ceresio e la squadra di calcio per incrementare la promozione del territorio
Locarnese
8 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Mendrisiotto
8 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
8 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Ticino
16 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
19 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
19 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
19 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
19 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
19 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Luganese
19 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
Bellinzonese
20 ore

‘Contrastare il traffico parassitario’ a Monte Carasso

Il consigliere comunale di Bellinzona Luca Madonna torna alla carica sul problema irrisolto ormai da anni
 
06.09.2021 - 20:230
Aggiornamento : 22:22

La prima perizia Rouiller: motivazioni del Cdm insostenibili

Il caso dei cinque pp e il no del Cdm al loro accesso agli atti. La 'Giustizia e diritti' pubblica il parere dell'ex presidente del Tribunale federale

Autunno 2020, in Ticino infuria la polemica sugli impietosi pareri del Consiglio della magistratura che - indirizzati al parlamento cantonale, l'autorità che designa le toghe - preavvisano negativamente la rielezione di cinque procuratori pubblici. Ai quali lo stesso Cdm ha negato l'accesso agli atti e dunque l'esercizio del diritto di essere sentiti: la commissione 'Giustizia e diritti' del Gran Consiglio, che deve formulare le proposte di nomina al plenum in vista del rinnovo dei mandati in seno al Ministero pubblico, vuole però vederci chiaro e si rivolge al professore ed ex presidente del Tribunale federale Claude Rouiller. Che risponde ai quesiti commissionali in ottobre. Venticinque pagine in francese. Nelle quali Rouiller richiama fra l'altro la lettera del 30 settembre con cui il Cdm respinge la richiesta dei cinque pp di consultare i documenti su cui si basano i suoi preavvisi. Il diniego, scrive il già presidente del Tf, con la motivazione che il loro mandato era giunto a scadenza, che non avevano diritto alla rielezione, che non c'è nessuna via di ricorso cantonale contro una non rielezione e che i suoi preavvisi non sono in alcun modo vincolanti per l'autorità decisionale, essendo solo uno dei tanti elementi nel processo globale di rinnovo periodico delle autorità giudiziarie da parte del parlamento. Per il già presidente del Tf, si tratta di una motivazione "insostenibile".

Sull'assenza del ricorso cantonale, annota Rouiller: "Non è perché un aspetto dell'attività statale non può essere criticato davanti a un'autorità superiore che l'autorità inferiore può comportarsi, nei confronti dei cittadini, in spregio ai diritti costituzionali di cui sono titolari". Insostenibile pure l'argomento che i candidati non hanno diritto alla rielezione: "L'inesistenza di un tale diritto non esclude che le loro candidature siano trattate correttamente, secondo il principio di equità". Rouiller non ha dubbi: i cinque procuratori "devono essere ascoltati in modo soddisfacente, non necessariamente oralmente, dalla delegazione parlamentare a cui la legge affida a questo compito (la commissione 'Giustizia e diritti' ndr)", prima di fare la sua proposta al Gran Consiglio. E ancora: "La piena cognizione della commissione - e anche il fatto che il preavviso del Consiglio della magistratura non è vincolante per essa - le permette di rimediare a qualsiasi irregolarità che possa essere stata commessa durante la procedura davanti al Consiglio".  Ed è ciò che la 'Giustizia e diritti' ha fatto, sanando la situazione, ovvero ascoltando i pp che il Cdm aveva bocciato. Permettendo loro di esercitare il diritto di essere sentito che, ricorda la presidente della commissione parlamentare Sabrina Aldi (Lega), «è il diritto di una persona di potersi esprimere dinanzi a un’autorità prima che questa prenda una decisione che la concerne». L'epilogo della tormentata procedura è noto: tutti i magistrati del Ministero pubblico ricandidatisi vengono rieletti dal Gran Consiglio (seduta del 14 dicembre), compresi i cinque, per un ulteriore mandato decennale. 

Oggi al termine della riunione settimanale, la commissione parlamentare ha reso pubblica la citata perizia di Rouiller. E ciò, annota la 'Giustizia e diritti', "considerato che le recenti decisioni della Commissione di ricorso sulla magistratura hanno di fatto decretato la conclusione della procedura di rinnovo dei procuratori pubblici avviata nel maggio 2020". Il riferimento è alle sentenze (vedi la 'Regione' di sabato 7 agosto) sui ricorsi che i cinque pp avevano inoltrato nell'ottobre del 2020. Pur giudicandoli irricevibili da un lato e privi di oggetto dall'altro, la Commissione di ricorso non ha lesinato critiche al Cdm per come si è mosso nei confronti dei cinque procuratori: "Non ha seguito quanto prescritto" dalla LPAmm, la legge cantonale sulla procedura amministrativa. Circostanza questa evidenziata anche da Rouiller a proposito del rigetto della domanda di accesso agli atti. 

Aldi: è stata la base di partenza. Durisch: mettere i paletti

«Dalle criticità sollevate da questa perizia del professor Rouiller - riprende Aldi - sono partiti tutti i ragionamenti che hanno portato il Gran Consiglio a decidere di metter mano al sistema di rielezione dei magistrati. Il parere dell'ex presidente del Tribunale federale ci ha mostrato che non esiste una procedura chiara. E ci ha convinti dunque della necessità di codificare il tutto e di colmare le lacune emerse nella vicenda che ha interessato il rinnovo dei mandati al Ministero pubblico». Osserva il capogruppo socialista Ivo Durisch: «È stato importante mettere un punto a una situazione dove il parlamento ha avuto un ruolo importante, con il proprio disaccordo con le procedure di nomina. Un disaccordo riscontrato anche in questa perizia e dalle sentenze della Commissione di ricorso», aggiunge Durisch. «Per questo sono felice che degli atti che interessano l’opinione pubblica vengano resi noti quando è terminato il processo decisionale». Adesso si tratta di ripartire, «perché con il grosso cantiere della giustizia si cercherà di mettere dei paletti per evitare che quello che è successo lo scorso autunno non avvenga più».

Da qui il mandato assegnato in dicembre dal plenum del Gran Consiglio alla 'Giustizia e diritti': proporre da un lato regole procedurali per il Consiglio della magistratura quando deve esprimersi sulle ricandidature di giudici e pp alla medesima funzione e dall'altro norme per migliorare la vigilanza interna al Ministero pubblico da parte della sua Direzione. Un duplice compito per il quale la commissione parlamentare ha nuovamente fatto capo a Rouiller. La seconda perizia è giunta la scorsa settimana sui tavoli della ‘Giustizia e diritti’.

Due pp in più: i candidati ritenuti idonei dagli esperti

Riguardo al concorso per i due procuratori pubblici in più, dopo il potenziamento deciso in tempi recenti da governo e Gran Consiglio, la Commissione di esperti ha ritenuto idonei a ricoprire la carica Simone Barca, Nicola Borga, Luca Guastalla, René Libotte, Veronica Lipari, Riccardo Maiolo, Roberta Mantegazzi, Michela Pedroli, Samuele Scarpelli e Stefano Stillitano. Diversi candidati sono già attivi a Palazzo di giustizia come segretari giudiziari o vicecancellieri. Libotte è oggi procuratore pubblico nei Grigioni. Pedroli è avvocato.

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved