prestazione-ponte-covid-da-8-milioni-al-via-dal-1-marzo
Ti-Press/Golay
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
8 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
8 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
9 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
10 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
10 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
10 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
11 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
11 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
Mendrisiotto
11 ore

A Mendrisio si alza il sipario su Progetto amore

Tanti artisti sul palco del Mercato coperto per una ‘tre giorni’ – tra giovedì e domenica – solidale con l’Ucraina
Locarnese
11 ore

Giornata dei Mulini a Fusio, Corippo e Frasco

Macine in azione e farine nostrane in vendita
Locarnese
12 ore

Gordola, grigliata per over 60

Organizza il locale Gruppo ricreativo della Parrocchia
Ticino
12 ore

Telelavoro e frontalieri: si chiede omogeneità

Un’interrogazione chiede di parificare le soglie di impiego da casa oltre le quali scattano l’imposizione fiscale e quella previdenziale in Italia
Ticino
12 ore

Giudici di pace, Emma Crugnola nominata presidente

Sarà affiancata da Antonella Grassi Coduri e Mariella Lombardi
Locarnese
13 ore

Minusio, uscita micologica con il quartiere Rivapiana

L’associazione propone una gita con un’esperta per il controllo dei funghi
Locarnese
14 ore

Torna a esibirsi in pubblico la Filarmonica di Losone

La prima ‘Matinée musicale’ è prevista sotto il portico delle scuole comunali
Locarnese
17 ore

Alpe Cedullo, giornata di pulizia dei pascoli

Organizzata dal Gruppo di lavoro dei Patriziati del Gambarogno e dalla Società cacciatori Locarnese e Valli
gallery
Mendrisiotto
18 ore

Furgone prende fuoco a Rancate

Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato
15.02.2021 - 15:14
Aggiornamento : 19:31

Prestazione ponte Covid da 8 milioni al via dal 1° marzo

De Rosa (Dss): 'Un aiuto mirato per chi è rimasto fuori dalla rete di sostegno'. Dafond (Comuni): 'Nostra la competenza, siamo l'ente di prossimità'

La prestazione ponte Covid da quasi 8 milioni di franchi scalda i motori ed è pronta, a partire dal 1° marzo, a prendere il via. Lo afferma davanti alla stampa il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa, ricordando come «si tratta di una misura supplementare destinata ad aiutare le persone che non beneficiano delle molte misure messe in atto in questi mesi a sostegno di cittadini e aziende». Un aiuto «temporaneo e mirato, per aiutare a riprendere un'autonomia finanziaria» e che è destinato «ai lavoratori indipendenti che dimostrano di aver subito una diminuzione del fatturato e ai salariati che hanno subito una perdita anche parziale e che non possono beneficiare di indennità». I requisiti da soddisfare sono stretti: occorre risiedere da almeno tre anni in Ticino, non aver raggiunto l'età ordinaria di pensionamento, non beneficiare di indennità Ladi, prestazioni complementari Avs/Ai, indennità di disoccupazione, assegni di prima infanzia e non essere in assistenza. I beneficiari del solo assegno famigliare integrativo, invece, possono richiedere la prestazione. Una prestazione che potrà essere chiesta per un massimo di tre volte e ammonterà a 1'000 franchi al mese per il richiedente e di 500 franchi al mese ulteriori per ogni componente della sua unità di riferimento, cioè le persone che fanno parte dell'economia domestica.

De Rosa: 'Temiamo un aumento di persone che chiederanno aiuto'

La misura che entrerà in vigore tra due settimane è per De Rosa «necessaria» anche guardando alla situazione attuale. Nel senso che se si guarda il grafico sull'evoluzione delle prestazioni sociali «la curva del Ticino sembra essere al minimo, con una situazione che parrebbe migliore rispetto alle altre regioni e quindi non così drammatica come preventivato». Ma, avverte il direttore del Dss, «riteniamo che queste indicazioni vadano prese con le pinze e interpretate. La scorsa settimana abbiamo visto come la disoccupazione sta crescendo: rispetto a 12 mesi fa abbiamo mille disoccupati in più, rispetto al mese di dicembre ne contiamo 500 in più. Tenuto conto delle restrizioni in vigore, così come pure degli effetti stagionali, riteniamo che nelle prossime settimane ci possa essere un aumento di persone che avranno bisogno».

Per aiutare i cittadini a orientarsi da oggi è attiva una hotline, raggiungibile al numero 0800 91 91 91, ed è anche prevista la possibilità di chiedere chiarimenti all'indirizzo mail infopontecovid@ias.ti.ch. Inoltre, sul sito internet www.ti.ch/prestazioneponte è possibile scaricare il formulario ufficiale di richiesta, con le indicazioni su come compilarlo e sui documenti necessari. A complemento di questo aiuto, De Rosa informa che «grazie alla collaborazione tra Dss e Decs, il Consiglio di Stato ha deciso attraverso il fondo Swisslos di stanziare un credito supplementare di 500 mila franchi a favore di enti e servizi sociali riconosciuti dalla Catena della solidarietà, per offrire un aiuto urgente a chi non ha diritto ad altri strumenti».

Il ruolo fondamentale dei Comuni

Tornando alla prestazione ponte, la competenza della valutazione dei casi, offrendo consulenza e accompagnamento, e di decidere se il richiedente ha diritto o meno a questa prestazione, è dei Comuni. «Il Comune determinerà, con una procedura più snella possibile, se vi è un'eventuale lacuna di reddito. In caso di decisione positiva la prestazione sarà erogata», informa De Rosa. Il presidente dell'Associazione dei comuni ticinesi e sindaco di Minusio Felice Dafond annota come «il ruolo dei Comuni è importante perché siamo notoriamente l'ente di prossimità, a contatto con i cittadini e con persone che hanno bisogno. Conoscono meglio di tutti il territorio e le esigenze». La chiave di riparto dei 7,9 milioni di franchi previsti è «per il 75% a carico del Cantone, per il 25% dei Comuni. Che, inoltre, mettono a disposizione anche i loro funzionari e le strutture per essere vicini al cittadino. Personale competente, disponibile nel tempo e pronto a gestire incontri, colloqui e lavori amministrativi. Così come ad aiutare per la compilazione dei formulari».

Pantani: 'Solo a Chiasso prevediamo di aiutare tra 250 e 300 persone'

Presente in sala anche Roberta Pantani, vicesindaco di Chiasso e capodicastero socialità, la quale ha fatto notare che «solo nel nostro comune contiamo di aiutare tra le 250 e le 300 persone. Numeri non indifferenti, questo tipo di lavoro necessiterà di un grande lavoro amministrativo». E aggiunge: «Speriamo che sia davvero una prestazione limitata nel tempo, non tanto perché scadrà il 30 giugno ma perché l'auspicio è che quanto prima tutti possiamo tornare, con gli accorgimenti del caso, a una vita più o meno normale. E che le attività posano riprendere per dare a tutti la possibilità di svolgere il proprio lavoro».

Rispondendo alla 'Regione' a margine della conferenza stampa sull'importanza del ruolo di prossimità dei Comuni, Pantani afferma che «è un ruolo che viene giustamente incrementato, durante tutta la pandemia ai Comuni è stato chiesto un grande lavoro per implementare nuovi servizi. Ci siamo accorti che ai servizi sociali si rivolge un numero sempre più in aumento di persone, e gli sportelli svolgono un ruolo quasi di consulenza. Credo che poter consigliare il cittadino che viene ai nostri sportelli per richiedere questa prestazione, ma magari dati i suoi presupposti ha diritto ad altre prestazioni, importantissimo». A volte succede che chi avrebbe diritto a un aiuto non lo fa, per vergogna, remora o semplicemente perché non sa di avere quel diritto. Come fare? «È fondamentale contattare il proprio comune - risponde Pantani -. Presto ci saranno hotline anche comunali da chiamare per qualsiasi informazione, ed è meglio telefonare una volta in più e farsi dare determinate risposte che esitare. Se non sarà questa la prestazione giusta magari se ne troveranno altre, ripeto: telefonate. Al Comune serve avere un contatto diretto con tutti i propri cittadini, ma soprattutto con quelli in difficoltà. Perché, sennò, non sapremmo come aiutare tutti in maniera corretta».

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
economia felice dafond prestazione ponte covid raffaele de rosa roberta pantani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved