la-variante-inglese-potrebbe-far-esplodere-i-casi
Ti-Press
Il medico cantonale Giorgio Merlani
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

"Il calo demografico in Ticino ci preoccupa?"

È l'interrogativo posto da Laura Riget (PS), Sabrina Aldi (Lega) e Fiorenzo Dadò (Ppd) al Consiglio di Stato attraverso un'interrogazione
Gallery
Locarnese
8 ore

Ciclopiste, lungo la Melezza si completano i raccordi

Passerelle ciclopedonali allo studio a Golino e nella campagna di Verscio, nuova rampa d'accesso a Tegna per il tratto che conduce in Vallemaggia
Mendrisiotto
10 ore

Terza corsia A2: 'Il rischio? Un cantiere infinito'

Cittadini e istituzioni si dicono preoccupati per la durata dei lavori, che al potenziamento autostradale fra Lugano e Mendrisio somma AlpTransit a sud
Luganese
10 ore

'Così in pochi giorni abbiamo fondato Arogno 2021'

L'ex magistrato Emanuele Stauffer è candidato per il Municipio, ma guarda all'intera lista. 'Siamo affiatati, possiamo sperare in almeno due seggi'
Bellinzonese
10 ore

Pannelli fotovoltaici al semisvincolo di Bellinzona?

È la domanda che la granconsigliera Ppd Maddalena Ermotti-Lepori ha rivolto al Consiglio di Stato
Bellinzonese
12 ore

Riviera Airport, una nuova realtà tra gli aeroporti ticinesi

Il Municipio rivierasco ha attivato la procedura federale per ottenere l'autorizzazione a gestire l’ex aerodromo militare di Lodrino
Ticino
13 ore

Mancano logopedisti, vari pazienti non possono essere seguiti

Un viaggio fra le caratteristiche della professione e le cause che portano a sviluppare un disturbo del linguaggio
Ticino
14 ore

In Ticino 52 nuovi contagi e due decessi

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri 8 ricoveri. In sette hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
18 ore

Comuni: meno soldi dai ricchi ai poveri? Il ‘no’ alza la voce

Perequazione, Covid e taglio provvisorio del contributo di livellamento: tra i beneficiari c'è già chi parla di referendum
Covid-19
20.01.2021 - 19:030

‘La variante inglese potrebbe far esplodere i casi’

Il dottor Giorgio Merlani, medico cantonale, sulla futura incidenza della versione britannica sull’epidemiologia di coronavirus

Dottor Merlani, perché preoccupano così tanto queste variazioni del virus? Si legge spesso che quella britannica è sì più contagiosa, ma non più pericolosa del coronavirus che causa il Covid-19.

Partiamo dal presupposto che la variante inglese non è meno pericolosa. Semplicemente non ci sono evidenze che lo sia di più. I dati che abbiamo per adesso sostanzialmente confermano che il decorso è lo stesso della ‘versione classica’. In Inghilterra si sono viste un po’ meno ospedalizzazione perché è circolato più tra i giovani, ma anche in Ticino la dinamica, con numeri più piccoli, è simile. Purtroppo, abbiamo già l'esperienza di persone a rischio per il coronavirus, ricoverate con la variante inglese, il cui decorso è stato come quello classico. Quindi in una situazione di pari virulenza, di pari complicazioni e letalità, avere una versione più contagiosa rischia di peggiorare rapidamente l’andamento epidemiologico e la situazione di affollamento negli ospedali che abbiamo conosciuto.

In questo momento la situazione epidemiologica sembra arretrare. Secondo l’Ufficio federale della sanità i casi di variante inglese sta raddoppiando di settimana in settimana. Addirittura, secondo un recente studio dello Chuv di Losanna, le variazioni del virus circolerebbero già dallo scorso ottobre. Come siamo messi in Ticino da questo punto di vista?

Lo studio ha preso in esame dei sequenziamenti del virus isolato e circa lo 0,5% di questi presentavano delle varianti 'preoccupanti’. In Inghilterra si è visto che da una quasi assenza della variante, in solo otto settimane si è arrivati al 30% dei casi individuati di Covid. Una sorta di evoluzione della specie e quella più contagiosa prende il sopravvento sulla prima.

Questa ipotese potrebbe mettere a rischio il piano vaccinale attualmente in corso?

Non si sa ancora, dipende. Diciamo che la risposta deve essere duplice. Dal punto vista logistico può essere un rischio perché se dovessimo avere tantissimi casi di persone malate, la distribuzione del vaccino verrebbe resa più difficile perché il personale sanitario che dobbiamo dedicare ai centri di vaccinazione dovrà essere messo di nuovo a disposizione del sistema sanitario.

E da quello dell’efficacia dei vaccini?

Per quello che riguarda l’efficacia della vaccinazione, allo stato attuale, tutti i dati che abbiamo mostrano che la vaccinazione copre anche le nuove varianti. Questo non vuol dire che sarà così in assoluto con eventuali altre varianti. Per ora non è dato di sapere cosa succederà.

Quindi dobbiamo attenderci una possibile esplosione di casi anche in Ticino?

In Inghilterra, con misure più restrittive di quelle che avevamo in Svizzera, c’è stato un aumento di casi con questa nuova variante che ha fatto aumentare il tasso di replicazione Rt di 0,4 punti percentuali. Se oggi abbiamo un Rt di 0,8, andremmo sopra l’1,2%. Invece di diminuire, i casi tornerebbero ad aumentare.

© Regiopress, All rights reserved