la-variante-inglese-potrebbe-far-esplodere-i-casi
Ti-Press
Il medico cantonale Giorgio Merlani
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
31 min

Il coro S. Michele di Sementina ha ripreso l’attività

Le prove si svolgono il lunedì sera dalle 20 alle 22 durante il periodo scolastico, al centro Ciossetto
Mendrisiotto
39 min

‘Mendrisio incoraggi l’agricoltura biologica’... bis

Dopo aver presentato una mozione sul tema lo scorso giugno, l’Alternativa torna a bussare ora sulla porta della Città con un’interrogazione
Luganese
1 ora

Melide investe nell’energia solare

Il Comune intende promuovere la formazione di un gruppo d’acquisto per chi è interessato a posizionare pannelli fotovoltaici sul proprio tetto
Ticino
1 ora

Caccia 2021, in Ticino abbattuti meno cervi del dovuto

Il numero di cinghiali abbattuti è invece su livelli record. In calo il bilancio della caccia a caprioli e camosci
Luganese
1 ora

Curio, la Biblioteca Volalibro cerca volontari

La biblioteca malcantonese necessita di supporto per restare aperta il martedì pomeriggio, in due diversi turni
Luganese
2 ore

I giovani liberali-radicali del Luganese si rinnovano

La nuova presidente sezionale è Lara Olgiati. Durante l’assemblea il gruppo ha anche dato l’indicazione di voto favorevole per il Polo sportivo
Luganese
2 ore

Caslano, in arrivo il corteo dei lampioncini

Torna la tradizionale manifestazione autunnale, che avrà luogo - in caso di bel tempo - sabato 13 novembre
Ticino
2 ore

Aumentano i contagi del weekend in Ticino ma calano i ricoverati

Sono 54 i nuovi casi a fronte dei 32 dello scorso weekend. Attualmente vaccinati i due terzi della popolazione del cantone (66,1%)
Ticino
3 ore

Strade cantonali, sette milioni contro i danni del maltempo

Il Consiglio di Stato ha chiesto un credito per realizzare opere di protezione e premunizione dei pericoli naturali sulle strade cantonali
Covid-19
 
20.01.2021 - 19:030

‘La variante inglese potrebbe far esplodere i casi’

Il dottor Giorgio Merlani, medico cantonale, sulla futura incidenza della versione britannica sull’epidemiologia di coronavirus

Dottor Merlani, perché preoccupano così tanto queste variazioni del virus? Si legge spesso che quella britannica è sì più contagiosa, ma non più pericolosa del coronavirus che causa il Covid-19.

Partiamo dal presupposto che la variante inglese non è meno pericolosa. Semplicemente non ci sono evidenze che lo sia di più. I dati che abbiamo per adesso sostanzialmente confermano che il decorso è lo stesso della ‘versione classica’. In Inghilterra si sono viste un po’ meno ospedalizzazione perché è circolato più tra i giovani, ma anche in Ticino la dinamica, con numeri più piccoli, è simile. Purtroppo, abbiamo già l'esperienza di persone a rischio per il coronavirus, ricoverate con la variante inglese, il cui decorso è stato come quello classico. Quindi in una situazione di pari virulenza, di pari complicazioni e letalità, avere una versione più contagiosa rischia di peggiorare rapidamente l’andamento epidemiologico e la situazione di affollamento negli ospedali che abbiamo conosciuto.

In questo momento la situazione epidemiologica sembra arretrare. Secondo l’Ufficio federale della sanità i casi di variante inglese sta raddoppiando di settimana in settimana. Addirittura, secondo un recente studio dello Chuv di Losanna, le variazioni del virus circolerebbero già dallo scorso ottobre. Come siamo messi in Ticino da questo punto di vista?

Lo studio ha preso in esame dei sequenziamenti del virus isolato e circa lo 0,5% di questi presentavano delle varianti 'preoccupanti’. In Inghilterra si è visto che da una quasi assenza della variante, in solo otto settimane si è arrivati al 30% dei casi individuati di Covid. Una sorta di evoluzione della specie e quella più contagiosa prende il sopravvento sulla prima.

Questa ipotese potrebbe mettere a rischio il piano vaccinale attualmente in corso?

Non si sa ancora, dipende. Diciamo che la risposta deve essere duplice. Dal punto vista logistico può essere un rischio perché se dovessimo avere tantissimi casi di persone malate, la distribuzione del vaccino verrebbe resa più difficile perché il personale sanitario che dobbiamo dedicare ai centri di vaccinazione dovrà essere messo di nuovo a disposizione del sistema sanitario.

E da quello dell’efficacia dei vaccini?

Per quello che riguarda l’efficacia della vaccinazione, allo stato attuale, tutti i dati che abbiamo mostrano che la vaccinazione copre anche le nuove varianti. Questo non vuol dire che sarà così in assoluto con eventuali altre varianti. Per ora non è dato di sapere cosa succederà.

Quindi dobbiamo attenderci una possibile esplosione di casi anche in Ticino?

In Inghilterra, con misure più restrittive di quelle che avevamo in Svizzera, c’è stato un aumento di casi con questa nuova variante che ha fatto aumentare il tasso di replicazione Rt di 0,4 punti percentuali. Se oggi abbiamo un Rt di 0,8, andremmo sopra l’1,2%. Invece di diminuire, i casi tornerebbero ad aumentare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved