laRegione
procuratori-pubblici-indennizzi-per-chi-non-e-rieletto
(Ti-Press)
Ticino
23.09.2020 - 21:030

Procuratori pubblici, indennizzi per chi non è rieletto

Cosa succederebbe se i magistrati bocciati dal Consiglio della magistratura non venissero rieletti? Le 'buonuscite' sono importanti

Quanto potrebbe costare alle casse pubbliche la mancata conferma dei cinque procuratori pubblici 'bocciati' dal Consiglio della magistratura? È presto per dirlo con precisione – tanto più che il concorso è riaperto e l'ultima parola spetta al Gran Consiglio –, ma gli indennizzi previsti potrebbero arrivare anche oltre i 150mila franchi a testa. L’articolo 10a della Legge sugli onorari dei magistrati prevede infatti che “in caso di mancata rielezione" il magistrato abbia "diritto ad un’indennità di uscita" che equivale a una mensilità – calcolata all'ultimo livello retributivo raggiunto – per ogni anno passato in servizio. Per un mandato decennale, dunque, si devono calcolare dieci mensilità (se invece "la durata in carica è di almeno 15 anni e il magistrato ha compiuto 45 anni", allora "questi ha diritto ad una rendita corrispondente al 2% dell’onorario assicurato presso l’Istituto di previdenza del Cantone Ticino per ogni anno di funzione prestata, ritenuto un massimo del 60%"). Un 'paracadute' notevole in una vicenda che la Commissione giustizia e diritti del Gran Consiglio attende ancora di chiarire, in particolare per comprendere come mai il Consiglio della magistratura abbia emesso preavvisi così insolitamente negativi.

© Regiopress, All rights reserved