i-cinque-pp-chiedono-gli-atti-e-di-essere-sentiti
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
27 min

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
1 ora

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
2 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
5 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
9 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
13 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
22 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
23 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
23 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
25.09.2020 - 17:14
Aggiornamento : 18:16

I cinque pp chiedono gli atti e di essere sentiti

I magistrati sono però ancora in attesa di una risposta dal Consiglio della magistratura e dalla commissione parlamentare

Lunedì torna a riunirsi la commissione parlamentare Giustizia e diritti, ma ancora non ha deciso se e quando ascoltare i cinque procuratori pubblici la cui rielezione (la nomina di giudici e pp è di competenza del Gran Consiglio) è stata preavvisata negativamente dal Consiglio della magistratura. Nessuna risposta dalla commissione è infatti pervenuta finora alla richiesta dei procuratori interessati di essere sentiti. Così come non ha ottenuto sino a oggi risposta un’altra richiesta dei cinque: quella fatta al Consiglio della magistratura di accedere agli atti per capire come lo stesso Consiglio sia arrivato a formulare quei preavvisi. Ciò per poter esercitare con scienza e coscienza il diritto di essere sentito. Un diritto protetto costituzionalmente. La richiesta di accesso agli atti è del 14 settembre e il sollecito del 23.
I magistrati si sono inoltre costituiti accusatori privati nell’ambito del procedimento aperto dal pg contro ignoti per violazione del segreto d’ufficio: il passo compiuto dai cinque pp è in relazione alla divulgazione sui media del contenuto dei preavvisi del Consiglio della magistratura.

Una vicenda sulla quale si attendono spiegazioni (pubbliche) da parte della commissione Giustizia e diritti, da parte quindi del Gran Consiglio che a suo tempo ha stabilito la procedura di nomina dei magistrati. Nel caso concreto bisogna pure capire il ruolo avuto dal presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani nella formazione dei pareri, particolarmente severi, del Consiglio della magistratura dopo le indiscrezioni giornalistiche dei giorni scorsi. Ma da capire sono anche i ruoli avuti dal presidente del Consiglio Werner Walser e dal procuratore generale Andrea Pagani. Sembra che i cinque non siano stati oggetto in passato di richiami formali o ammonimenti. Insomma ci sono interrogativi che attendono di essere sciolti. Senza dimenticare le conseguenze pratiche della riapertura per procuratori pubblici, decisa dalla commissione parlamentare.

Tempi parziali anche in magistratura. Lo chiede una mozione

Intanto si segnala una mozione della deputata al Gran Consiglio Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd), sottoscritta da altri 17 deputati di altri partiti, con la quale si chiede la possibilità d'introdurre il lavoro a tempo parziale anche per i magistrati e le magistrate. Maddalena Ermotti-Lepori ricorda che nel Cantone di Ginevra la legge sull'organizzazione giudiziaria prevede già questa possibilità. A Berna, fanno notare i mozionanti, si prevede la possibilità del tempo parziale anche per i procuratori. A Zurigo è appena stato pubblicato il concorso per il procuratore generale e la carica può essere assunta al cento per cento, oppure anche all'80%. Da qui la richiesta al Consiglio di Stato di attivarsi per proporre una modifica legislativa che introduca la possibilità del tempo parziale anche per i magistrati e le magistrate, "non limitandosi alla possibilità del cinquanta per cento, ma anche aggiungendo la possibilità di lavorare all'ottanta o al settanta per cento".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved