i-cinque-pp-chiedono-gli-atti-e-di-essere-sentiti
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
18 min

Mendrisio, disagio negli eco-punti ‘relativamente contenuto’

Nel 2021 il dicastero Ambiente ha effettuato dei controlli: gli abusi commessi da persone non residenti che hanno consegnato carta, vetro e lattine
Locarnese
43 min

L’‘Agenzia matrimoniale’ dei Ticines in scena a Tenero

Domenica di divertimento a teatro con la commedia dialettale in un libero adattamento di Marco Allemann
Ticino
49 min

Il ‘solito’ venerdì di colonna al San Gottardo

A Göschenen il ‘serpentone’ di vetture si è formato già in mattinata. Per raggiungere i 9 km alle 14. Disagi anche tra Bellinzona e Locarno
Locarnese
54 min

Ascona, all’asta pubblica le biciclette non reclamate

Domani, sabato, l’incanto sul piazzale dell’autosilo. I mezzi potranno essere visionati dalle 8 alle 9.30
Luganese
1 ora

Il Gran Prix scacchistico fa tappa a Figino

La terza tappa si giocherà sabato 28 maggio. In palio anche il secondo trofeo Osteria degli Amici
Luganese
1 ora

Apparecchio elettronico in fiamme, fumo in casa a Cassarate

È accaduto questa mattina in uno stabile in via Arcioni. Nessuna conseguenza per le persone presenti
Bellinzonese
2 ore

Michele Tamagni da 40 anni anima della Cantoria di Giubiasco

Tanta passione e tenacia hanno fatto dell’attività del maestro un’esperienza coinvolgente per tutti coloro che hanno cantato nel coro
Mendrisiotto
2 ore

A Mezzana una giornata per le scuole dedicata alla biodiversità

Tra le classi premiate anche la 4A delle Elementari di Chiasso e la 5D di Minusio. Il progetto è stato lanciato lo scorso 9 ottobre
Ticino
2 ore

Dal Cantone un occhio di riguardo alle api

Come salvaguardale? In occasione della loro Giornata mondiale ecco una serie di consigli pratici per la loro tutela
25.09.2020 - 17:14
Aggiornamento : 18:16

I cinque pp chiedono gli atti e di essere sentiti

I magistrati sono però ancora in attesa di una risposta dal Consiglio della magistratura e dalla commissione parlamentare

Lunedì torna a riunirsi la commissione parlamentare Giustizia e diritti, ma ancora non ha deciso se e quando ascoltare i cinque procuratori pubblici la cui rielezione (la nomina di giudici e pp è di competenza del Gran Consiglio) è stata preavvisata negativamente dal Consiglio della magistratura. Nessuna risposta dalla commissione è infatti pervenuta finora alla richiesta dei procuratori interessati di essere sentiti. Così come non ha ottenuto sino a oggi risposta un’altra richiesta dei cinque: quella fatta al Consiglio della magistratura di accedere agli atti per capire come lo stesso Consiglio sia arrivato a formulare quei preavvisi. Ciò per poter esercitare con scienza e coscienza il diritto di essere sentito. Un diritto protetto costituzionalmente. La richiesta di accesso agli atti è del 14 settembre e il sollecito del 23.
I magistrati si sono inoltre costituiti accusatori privati nell’ambito del procedimento aperto dal pg contro ignoti per violazione del segreto d’ufficio: il passo compiuto dai cinque pp è in relazione alla divulgazione sui media del contenuto dei preavvisi del Consiglio della magistratura.

Una vicenda sulla quale si attendono spiegazioni (pubbliche) da parte della commissione Giustizia e diritti, da parte quindi del Gran Consiglio che a suo tempo ha stabilito la procedura di nomina dei magistrati. Nel caso concreto bisogna pure capire il ruolo avuto dal presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani nella formazione dei pareri, particolarmente severi, del Consiglio della magistratura dopo le indiscrezioni giornalistiche dei giorni scorsi. Ma da capire sono anche i ruoli avuti dal presidente del Consiglio Werner Walser e dal procuratore generale Andrea Pagani. Sembra che i cinque non siano stati oggetto in passato di richiami formali o ammonimenti. Insomma ci sono interrogativi che attendono di essere sciolti. Senza dimenticare le conseguenze pratiche della riapertura per procuratori pubblici, decisa dalla commissione parlamentare.

Tempi parziali anche in magistratura. Lo chiede una mozione

Intanto si segnala una mozione della deputata al Gran Consiglio Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd), sottoscritta da altri 17 deputati di altri partiti, con la quale si chiede la possibilità d'introdurre il lavoro a tempo parziale anche per i magistrati e le magistrate. Maddalena Ermotti-Lepori ricorda che nel Cantone di Ginevra la legge sull'organizzazione giudiziaria prevede già questa possibilità. A Berna, fanno notare i mozionanti, si prevede la possibilità del tempo parziale anche per i procuratori. A Zurigo è appena stato pubblicato il concorso per il procuratore generale e la carica può essere assunta al cento per cento, oppure anche all'80%. Da qui la richiesta al Consiglio di Stato di attivarsi per proporre una modifica legislativa che introduca la possibilità del tempo parziale anche per i magistrati e le magistrate, "non limitandosi alla possibilità del cinquanta per cento, ma anche aggiungendo la possibilità di lavorare all'ottanta o al settanta per cento".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved