laRegione
pp-bocciati-il-rapporto-in-giustizia-e-diritti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Ndrangheta, al maxi processo di Lamezia c’è pure Pulice

Killer giovanissimo, il collaboratore di giustizia ha trascorsi anche in Ticino dove avrebbe riciclato denaro per conto del clan Mancuso
Luganese
1 ora

Ponte Marca a Gola di lago, si ristruttura

Il Consorzio prevede lavori di manutenzione e un ristoro
Luganese
1 ora

Edilizia privata a Lugano, serve più personale

Ghisletta chiede alla Città di incrementare il personale, altrimenti si rischiano problemi di varia natura, come la disparità di trattamento
Grigioni
1 ora

Mesocco, 2020 positivo per la centralina Nan Ros

L'anno scorso l'impianto ha prodotto 1,4 milioni di kWh. Si tratta del 2,9% in più rispetto alla media decennale
Ticino
1 ora

I Verdi: ‘Test rapidi a tappeto nelle scuole’

Con un'interpellanza di Marco Noi gli ecologisti chiedono anche di inserire i docenti nella categoria prioritaria per il vaccino
Ticino
2 ore

Circolazione, Camorino aperta solo su appuntamento

La misura è legata all'emergenza coronavirus. Esami di guida e collaudi si svolgeranno regolarmente
Bellinzonese
2 ore

Covid-19, servizi comunali a domicilio

Arbedo-Castione, consegna della spesa, di farmaci urgenti e ritiro della spazzatura per persone in quarantena, in isolamento o vulnerabili
Mendrisiotto
2 ore

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula dal 15 marzo

Davanti alla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa compariranno padre e figlio per rispondere del delitto di Angelo Falconi
Luganese
2 ore

Alto Malcantone, petizione contro la chiusura della Posta

Preoccupa la decisione de La Posta che quando pose fine all'attività di Breno, promise il mantenimento del servizio ad Arosio-Mugena
Luganese
3 ore

Campione d'Italia, 51enne arrestato e incarcerato

I carabinieri lo hanno rintracciato nella sua casa. L'uomo deve scontare 5 anni e otto mesi per furto, possesso di armi, minaccia, calunnia e diffamazione
Locarnese
3 ore

Locarno, strumenti gratuiti con l'Atm

Aperte le iscrizioni per il secondo semestre dei corsi di musica
Locarnese
3 ore

Brione sopra Minusio, il Plr scalda i motori

Assemblea virtuale per l'approvazione delle liste in vista delle elezioni del prossimo 18 aprile
Ministero pubblico
14.09.2020 - 21:050

Pp bocciati, il rapporto in 'Giustizia e diritti'

La commissione parlamentare sollecita (e riceve) il documento del Consiglio della magistratura

È da oggi nelle mani della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’ il rapporto nel quale il Consiglio della magistratura (Cm) preavvisa le candidature dei procuratori pubblici uscenti che hanno postulato un nuovo mandato decennale (1. gennaio 2021-31 dicembre 2030). Nel documento, sollecitato in mattinata al Cm dalla stessa commissione, figurano quindi anche i preavvisi negativi, e le relative motivazioni, alla rielezione di ben cinque pp - cosa di cui la ’Regione’ ha dato notizia venerdì scorso - in vista dell’imminente rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico da parte del Gran Consiglio, chiamato ad eleggere ventuno magistrati, procuratore generale incluso. Il Consiglio della magistratura ha preavvisato favorevolmente la rielezione di quindici pp, e tra questi l'attuale pg Andrea Pagani, mentre ha ritenuto non idonei, come detto, cinque procuratori.

I rimproveri del Cm

Al concorso, scaduto ai primi di giugno, si erano ripresentati tutti i procuratori in carica. Nelle settimane successive vi sono state le dimissioni di un magistrato. Sono poi scattate le audizioni dei pp in corsa condotte dal Consiglio della magistratura. Venerdì la clamorosa notizia: la bocciatura delle candidature di cinque procuratori decretata dall’autorità che vigila sul funzionamento del sistema giudiziario ticinese. Tra i problemi riscontrati dal Consiglio della magistratura, stando a quanto riportato stasera dalla Rsi, vi sarebbero, a seconda dei candidati, mancanza di produttività e precisione e tendenza ad allungare i tempi nella gestione delle pratiche. Un magistrato, sempre secondo l’emittente di Comano, sarebbe stato criticato dal Cm per l’eccessiva autoreferenzialità e per una mancanza di equilibrio nel giudizio personale che rischierebbe di nuocere tanto all’imputato quanto al Ministero pubblico: atteggiamenti intemperanti verso i superiori completerebbero la lista. I preavvisi non sono vincolanti. L’ultima parola sul destino sia dei procuratori ritenuti idonei dal Consiglio della magistratura, sia di quelli considerati non idonei dallo stesso, sempre che decidano di non ritirare la candidatura, l’avrà comunque l’autorità che nomina procuratori e giudici, ovvero il Gran Consiglio.

In passato? Non risultano né richiami formali né ammonimenti 

La palla è però adesso nel campo della commissione ’Giustizia e diritti’. Che non ha voluto attendere oltre per prendere visione del rapporto di due pagine e dunque per leggere la manciata di righe che motivano i cinque preavvisi negativi e per capire quale sia stata la loro genesi. Dagli approfondimenti commissionali ci si attende dunque un’aupicabile chiarezza su quali dati ed eventuali segnalazioni (partite da chi?) si sono basate le valutazioni del Consiglio della magistratura. Il quale non risulta aver mai adottato provvedimenti nei confronti dei cinque magistrati, così come non emerge traccia di situazioni a loro addebitabili nei suoi rendiconti. E non risultano neppure richiami formali o ammonimenti da parte della direzione del Ministero pubblico. Nella riunione di stamattina la ’Giustizia e diritti’, stando a nostre informazioni, ha anche sollecitato la Commissione di esperti indipendenti a trasmetterle il rapporto nel quale i periti preavvisano, sempre all’indirizzo del parlamento, le candidature 'esterne' di sette aspiranti procuratori pubblici. Al concorso hanno infatti partecipato anche avvocati (un paio), segretari giudiziari e cancellieri, tra cui una persona oggi professionalmente attiva al Tribunale penale cantonale. 

Seduta straordinaria

Lunedì prossimo è in programma una riunione straordinaria della commissione ’Giustizia e diritti’. Straordinaria perché nella settimana nella quale c’è la sessione di Gran Consiglio, come la prossima, non vi è di regola seduta commissionale. Straordinaria perché il tempo stringe. I mandati in Procura scadono infatti alla fine di quest’anno. Lunedì prossimo la ’Giustizia e diritti’ dovrebbe sentire il presidente del Consiglio della magistratura, il giudice d’Appello Werner Walser, e un rappresentante della Commissione di esperti indipendenti. Il 21 se ne saprà di più o se ne dovrebbe sapere di più dell'agenda dei lavori della commissione per fare piena luce sulla bocciatura decisa dal Cm di un quarto della squadra del Ministero pubblico.

© Regiopress, All rights reserved