laRegione
Nuovo abbonamento
menu-vegani-a-scuola-l-importante-e-evitare-gli-eccessi
I Verdi: 'Un giorno alla settimana solo piatti vegani nelle mense delle Medie' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Balerna introduce regole di mobilità aziendale

Pronto il Regolamento che, dal 2021, porterà posteggi a pagamento per i dipendenti e alla concessione di incentivi per la mobilità sostenibile
Ticino
5 ore

Più di 30mila firme contro l'eutanasia degli animali sani

La maggior parte sono state raccolte sulla piattaforma internet change.org. La petizione è stata consegnata al presidente del Gran Consiglio
Bellinzonese
5 ore

Liquami nel fiume in Alta Valle di Blenio

La situazione è stata segnalata al Dipartimento del territorio e al Comune. Si tratta di uno scarico proveniente da un alpe
Locarnese
5 ore

Un caso positivo alle Medie di Losone, classe in quarantena

Dopo aver informato la direzione dell’istituto, l’Ufficio del medico cantonale ha già provveduto a notificare alle famiglie via Sms
Bellinzonese
5 ore

Patriziato di Bellinzona in assemblea

Tra i temi all'ordine del giorno, verrà anche presentato il progetto di restauro della Chiesa Madonna della Neve
Luganese
5 ore

Clima, i Comuni che possono fare? Se ne parla a Lugano

Se ne discuterà in un pomeriggio informativo che si terrà il 7 ottobre al Palazzo dei congressi. Prenotazione entro il 30 settembre
Luganese
5 ore

Manno, EspaceSuisse in assemblea

Il gruppo regionale si riunirà sabato 1 ottobre nella sala Aragonite e voterà il sostituto di Giancarlo Re alla guida dell'associazione dal 2004
Bellinzonese
5 ore

A S. Antonino premiato il podista Gaetano Genovese

Scopre la passione per la corsa alla soglia dei 50 anni e da lì nessuno lo ferma più. Il Comune gli ha dato un riconoscimento al merito
Luganese
6 ore

Muzzano, Ubs mette in campo 150 volontari

Al quarto anno l'iniziativa dei dipendenti per salvaguardare il natura e paesaggio. Interventi di pulizia anche al Monte Verità
Luganese
6 ore

Cambio al vertice al Soroptimist di Lugano

Nuova timoniera del club è Elena Bittante, che subentra a Catherine Gasser-Clément
Bellinzonese
6 ore

Educare con empatia, tre incontri a Bellinzona

Gli appuntamenti gratuiti affronteranno alcuni aspetti delle relazioni con i figli, dei conflitti e della gestione delle emozioni
Bellinzonese
6 ore

A Villa dei Cedri si pianta un nuovo melo

L'evento viene organizzato domenica in collaborazione con la Società ticinese di scienze naturali
Luganese
6 ore

Lugano, Acli verso il 14esimo congresso

Le Associazioni cristiane lavoratori internazionali si riuniranno sabato. Fra le trattande, la votazione del presidente e del Consiglio cantonale
Ticino
6 ore

Gran Consiglio: approvati i conti 2019, scintille sui permessi

Con 43 favorevoli e 30 contrari il parlamento dà il proprio via libera al consuntivo dello scorso anno. Gobbi rinvia le polemiche a giovedì
Bellinzonese
6 ore

Serata pubblica su case anziani e Covid

La organizza l'Mps il 30 settembre alle Scuole Nord di Bellinzona. Sul piatto del giorno la gestione durante l'emergenza e nella fase degli allentamenti
Bellinzonese
7 ore

Bellinzona verso un Ente autonomo unico per le zone collinari

Il Municipio risponde a un'interrogazione di Pedrioli (Ppd) sulla Sponda sinistra. Rimangono per ora esclusi i territori di Claro, Giumello e le cime di Medeglia
Luganese
7 ore

Campione d'Italia, primo passo: una deroga a Roma

Il neo sindaco Roberto Canesi parla delle sfide imminenti del Comune;: la riapertura del casinò, i debiti, l'unione doganale europea e la questione sanità
Ticino
7 ore

L'Ocst: 'Impiegati amministrativi e gestionali da tutelare'

Il sindacato cristiano sociale denuncia una situazione in continuo peggioramento, e formula tre richieste alle associazioni padronali
Locarnese
7 ore

Ultimo tiro obbligatorio a Quartino

In concomitanza con il tiro federale in campagna
Luganese
8 ore

Lugano, al via il quinto Grand Prix di scacchi

Si svolgeranno domenica prossima 'Al Bagutt' i tornei per giovani con meno di 16 anni. Iscrizione obbligatoria entro venerdì
Locarnese
8 ore

Tegna, tre incontri per educare con empatia

Un progetto sostenuto da Infogiovani. Relatrice: Elena Bernasconi Tabellini
Ticino
26.06.2020 - 06:000
Aggiornamento : 09:16

Menu vegani a scuola, 'l'importante è evitare gli eccessi'

Secondo la dietista Pamela Beltrametti un'alimentazione priva di derivati animali è possibile, ma può anche generare carenze nutritive: 'Bisogna variare'

Un giorno alla settimana le mense di scuola media dovrebbero offrire solamente "un menu privo di derivati animali", vale a dire vegano. Con questa proposta i Verdi vorrebbero orientare l’alimentazione dei ragazzi, con l’intenzione di sensibilizzarli in particolare sull’impatto che ha il consumo di carne sull’ambiente. Se da un lato «tutte le organizzazioni mondiali più importanti che si occupano di salute spingono per diminuire il consumo di carne, favorendo quello di legumi», dall’altro rinunciare completamente a cibi di origine animale, può in alcuni casi sfociare anche in «disturbi alimentari». La dietista Pamela Beltrametti raccomanda dunque di «variare il più possibile».

In generale «le linee guida scientifiche che seguiamo, non raccomandano di seguire un’alimentazione esclusivamente vegana. Ma se è impostata coscienziosamente, è equilibrata e monitorata, allora può essere adatta anche nell’età evolutiva. Tuttavia, in base alla mia esperienza, ci sono corpi che assimilano meno bene certi nutrienti», afferma Beltrametti. È quindi possibile che «un’alimentazione priva di prodotti animali possa portare a un disturbo alimentare. In ogni caso questo non significa che non si possa seguire un’alimentazione vegana», ma bisogna avere le giuste competenze in materia.

Concretamente i Verdi, in una mozione depositata circa due settimane fa, chiedono al Consiglio di Stato di "assicurare che in tutti i ristoranti scolastici di scuola media sia sempre garantita un’alternativa vegetariana/vegana al piatto principale". Domandano inoltre di "limitare l’offerta di carne e pesce a soli due giorni alla settimana". In uno dei due giorni restanti, bisognerebbe poi prevedere "un menu privo di derivati animali". A differenza delle scuole post obbligatorie dove ogni giorno viene offerto anche un piatto vegetariano o vegano, nelle mense delle Medie viene proposto solo un "menu completo, senza alternative, per dare un’educazione alimentare corretta e completa", si legge nelle direttive cantonali della refezione scolastica. Tuttavia, la carne come piatto principale viene servito solo due volte alla settimana. «Bisogna essere coscienti che i pasti che i ragazzi consumano a scuola sono quattro su 21 (colazione, pranzo e cena) alla settimana», rileva Beltrametti. La maggior parte dei pasti viene quindi consumata fuori dall’istituto scolastico: sarebbe quindi possibile «equilibrare la nostra alimentazione», indipendentemente dal menu che viene offerto a scuola.

'Trovare la modalità giusta per sensibilizzare i ragazzi'

Variare il menu e proporre cibi diversi può essere visto come «un arricchimento per i ragazzi, se inserito all’interno di una formazione su come ci si alimenta correttamente», afferma da parte sua Anna De Benedetti-Conti, presidente della Conferenza cantonale dei genitori. E questo perché da un lato si può generare una sensibilità maggiore rispetto all’alimentazione vegana o vegetariana che «tendenzialmente tutela maggiormente l’ambiente». Dall’altro si può venire in contatto con piatti «che magari a casa non si mangiano, aumentando così le proprie conoscenze su altri cibi». Il problema della proposta degli ecologisti è che può essere percepita come un’imposizione: «Bisogna trovare la modalità adatta che favorisca questa sensibilizzazione». Ma vi sono state richieste da parte di genitori a favore dell’introduzione di menu esclusivamente vegani? «Solo sporadicamente», prosegue De Benedetti-Conti. Tuttavia, «negli ultimi anni abbiamo ricevuto sempre più richieste a favore di una differenziazione dei menu. Sia per questioni ambientali, sia per motivi di salute».

Oltre alla questione dei piatti vegani, la mozione dei Verdi chiede anche al Consiglio di Stato di "integrare in maggior proporzione prodotti biologici nei menu delle mense scolastiche cantonali", di "diminuire gli sprechi" alimentari, di "istituire una campagna di sensibilizzazione" e di "prevedere nelle scuole medie momenti formativi obbligatori sull’impatto ambientale delle proprie scelte alimentari da inserire in maniera trasversale nel programma di varie discipline". Stando agli ecologisti l’impatto ambientale può infatti essere ridotto "sensibilmente" con "un’alimentazione equilibrata, basata su una maggiore quantità di alimenti locali e vegetali". Inoltre, "un consumo moderato di prodotti di origine animale è auspicabile non solo per l’ambiente, ma anche per la salute", sostengono i Verdi, citando l’Ufficio federale della sicurezza alimentare.

Beltrametti conferma che mangiare piatti «della tradizione mediterranea, basati su legumi e cereali è meglio sia per la salute, sia per l’ambiente». La dietista ricorda inoltre che «un’alimentazione basata solo su elementi vegetali, come può essere la polenta con lenticchie in umido, non è qualcosa di esotico o troppo lontano dalle nostre abitudini alimentari». Per quanto riguarda i prodotti biologici, ci sono poi dati che dimostrano come siano migliori ad esempio «a livello di sali minerali e vitamine». Resta il fatto che la via da seguire è quella di «evitare gli eccessi» sia in un senso, sia nell’altro. Insomma, bisognerebbe variare il più possibile dando «spazio a diversi stili alimentari». Una variazione che può però essere «difficile» da mettere in pratica «consumando solo prodotti regionali», visto che l’offerta proveniente dal nostro territorio è comunque limitata. La dietista ricorda poi che «la varietà alimentare più ampia per quanto riguarda le verdure è l’estate, quando le scuole sono chiuse».

La stessa osservazione è stata fatta l’anno scorso dal Consiglio di Stato, rispondendo alla risoluzione del 19° Consiglio Cantonale dei giovani (Ccg). Tra le altre cose «abbiamo chiesto al governo di ridurre il consumo di carne nelle mense scolastiche, introducendo un giorno alla settimana un menu che non la comprende», afferma da noi contattato il presidente del Ccg Riccardo Khoyi. Secondo l'esecutivo, tuttavia, di fatto "il giorno senza carne nelle scuole medie esiste già".

 

Ricercatori propongono una strategia alimentare nazionale

A livello federale, proprio ieri sono stati presentiti i risultati del programma nazionale di ricerca 'Alimentazione sana e produzione alimentare sostenibile', promosso dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica. Ventisei studi svolti tra il 2013 e il 2019 – che hanno analizzato le interazioni tra alimentazione, salute e ambiente – sono giunti alla conclusione che il sistema alimentare svizzero è in grado di offrire cibo sano (ottenuto con sistemi di produzione, lavorazione e distribuzione sostenibili), rafforzando anche la sicurezza dell'approvvigionamento del Paese. Tuttavia, ci vuole una strategia globale, promossa dalla Confederazione.

La strategia alimentare 2050 dovrà ruotare attorno ad alcuni punti essenziali, come la riduzione degli sprechi alimentari. Stando ai ricercatori, per ridurre l'impronta ecologica bisognerebbe poi limitare il consumo di carne, con effetti positivi anche sulla salute pubblica. Per compensare le conseguenti perdite finanziarie, le famiglie di allevatori dovrebbero venir sovvenzionate. Inoltre, per incentivare una sorta di transizione agricola, bisognerebbe sostenere maggiormente la produzione interna di frutta, verdura e legumi.

 

© Regiopress, All rights reserved