Galles
0
Svizzera
0
1. tempo
(0-0)
quelle-quasi-bistecche-di-carne-vegetale
Polpettine di carne vegetale
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
3 ore

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
8 ore

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
5 gior

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
1 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
1 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
1 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
1 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
1 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
2 sett

Teatro: vivere il palco, ma in modo diverso

La recitazione può diventare un laboratorio dove rileggere il proprio vissuto, a volte drammatico e molto doloroso. Ecco alcune esperienze e testimonianze
Ticino7
2 sett

Un giorno da nulla

Una buona azione fa bene agli altri, ma soprattutto fa bene a noi. Non avete ancora deciso cosa fare?
Ticino7
2 sett

United Roads of America. La battaglia sull'aborto

Qui gli animi si sono accesi 50 anni fa e oggi tutti attendono di capire come si pronuncerà la Corte Suprema. In gioco c'è la vita o la morte, e i diritti civili
Ticino7
2 sett

C'era una volta la Valascia (con Danilo Gobbi)

Se volevate una birra e qualcosa da mettere sotto i denti dovevate vedervela con lui, lì, davanti alla "Buvette". E poi tutti in Curva a cantare e saltare
Ticino7
2 sett

Tecnologia e sicurezza. Una faccia, una persona?

Polizie e governi in tutto il mondo li usano, ma gli studi sembrano dimostrare come i sistemi di riconoscimento del viso siano spesso imprecisi e discriminatori
Ticino7
3 sett

Tu, fratello neanderthaliano

Viveva in società, cacciava e pescava, costruiva capanne, utilizzava un linguaggio articolato e cuoceva il suo cibo. Poi un giorno, dalla lontana Africa...
Ticino7
3 sett

Insomma, quante sarebbero: una, alcune o parecchie razze?

ʻNo, la razza non esiste. Sì, la razza esiste. No, certo essa non è ciò che si dice che sia; tuttavia essa è la più tangibile, reale, brutale, delle realtàʼ
Ticino7
3 sett

Siamo sempre, le solite, scimmie

LʼHomo sapiens cerca un nuovo salto evolutivo. La tecnologia lo aiuta, ma non è detto basterà
Ticino7
3 sett

A una certa età (tutti i problemi vengono al pettine)

Le amiche che fino a ieri si interrogavano sul prodotto miracoloso anticellulite oggi sono attanagliate da altri dilemmi. I principali sono botox e capelli bianchi
Ticino7
3 sett

United Roads of America. Chiedi alla ruggine

Una volta la "Rust Belt" era il cuore industriale e produttivo degli USA. Oggi questa manciata di Stati orientali cerca di ripartire, come può e a fatica
Ticino7
3 sett

In pista. Corrente per andare veloci

Il mondo delle gare è tutt’altro che disgiunto da tendenze ed evoluzioni della mobilità di tutti i giorni. Anche qui l’elettrificazione è una solida realtà
Ticino7
4 sett

Dietro al volante con Ivano Di Remigio

Tra i vostri propositi per il 2021 vi è quello di cambiare vettura? Ecco la testimonianza di chi ha fatto la sua scelta, con cognizione di causa va da sé
Ticino7
4 sett

"Sulla Rolls di Lennon". Un racconto di Giorgio Genetelli

Un manipolo di amici, una macchina musicalmente leggendaria, un viaggio senza meta, quella voglia di trasgredire e mandare tutti a quel paese. Se ancora si può fare
Ticino7
4 sett

Auto elettriche: attaccati alla presa

Quello che stiamo vivendo sarà ricordato come il punto di non ritorno per il comparto automobilistico. Per forza di cose, visti i cambiamenti sociali in atto
Ticino7
4 sett

Se non ora, quando?

Se siamo di fronte al tracollo dellʼOccidente post-Covid non saprei. Di certo non tutti stanno così male.
Ticino7
1 mese

United Roads of America. Il business della sofferenza

Sono usati e abusati i detenuti di alcune contee. Ma c'è chi lucra anche sulla pelle di migranti e richiedenti asilo. E i carnefici non sono i "soliti" repubblicani...
Ticino7
1 mese

Guardatevi dal tatagattamortismo

Mai dare il numero di telefono della propria fedele babysitter ad amiche e conoscenti. Piuttosto sacrificate (col suo accordo) l'uomo di casa, se necessario
Ticino7
1 mese

In quel posto. Storie e vicende di gabinetti, pubblici e privati

Secondo alcuni studi, una persona in salute dovrebbe espellere almeno 150 grammi di feci al giorno. Dove e come queste vengono fatte oggi è un segreto, una volta...
Ticino7
1 mese

Nella penna e sulle pagine di Roberto Genazzini

“Per Rialto” dice un cartello appeso in casa, e una freccia segnala di andare verso sinistra. Non potrebbe essere altrimenti: se ami Gandria, ami anche Venezia
Ticino7
1 mese

Greg, la Schiappa più famosa del mondo

Perché le avventure del personaggio creato da Jeff Kinney piacciono tanto? Lo chiediamo a Rossella Bernascone, traduttrice dei famosi ‘Diari’ di Gregory Heffley
Ticino7
1 mese

Fare per crescere, sin da bambini

Autostima e manualità si coltivano sin da piccoli. Anche se la materia parrebbe non essere la più consona
L'approfondimento
11.07.2020 - 15:000
Aggiornamento : 13.07.2020 - 14:48

Quelle quasi-bistecche di carne vegetale

È arrivata anche in Svizzera. Un prodotto con tanti pregi e alcuni difetti

Il titolo BYND è letteralmente volato durante i primi mesi di contrattazione. Quotato alla borsa di New York il 2 maggio 2019, dopo la prima giornata ha chiuso a 65,75 dollari. Un aumento del 163% rispetto al prezzo iniziale di 25 dollari. Gli investitori erano tutti desiderosi di comprare i nuovi titoli. E l’appetito non è calato. Quasi 3 mesi dopo ha toccato i 230 dollari; un’esplosione dell’820% rispetto al prezzo iniziale. Ma qual è il segreto del suo incredibile successo?

Sembra, ma non è

Dietro il titolo BYND si nasconde l’azienda californiana Beyond Meat, la prima azienda produttrice di carne vegetale al mondo. Carne vegetale? Ma non è una contraddizione? La carne deriva dagli animali, lo sanno tutti. Fino a ieri forse, oggi non più. Oggi esiste la carne vegetale, un prodotto alimentare che ha il sapore e l’aspetto di carne ma è a base di vegetali come fagioli, soia o piselli. Per gustarsi un buon hamburger di manzo, una salsiccia di maiale o un petto di pollo non è quindi più necessario macellare gli animali. Basta comprare la carne vegetale e il risultato per il palato è più o meno lo stesso.

L’azienda californiana Beyond Meat ha bruciato tutti sul tempo offrendo i propri prodotti già dal 2012. Dopo 8 anni di crescita continua, oggi i suoi prodotti vengono venduti in 50 paesi in tutto il mondo tra cui la Svizzera. Spine dal successo di Beyond Meat, altre aziende si sono buttate nel nuovo lucrativo business. Il colosso alimentare svizzero Nestlé l’anno scorso ha lanciato i propri prodotti a base di carne vegetale: l’Incredible burger e l’Incredible bratwurst. Gli alimenti vengono prodotti dall’azienda tedesca Garden Gourmet di proprietà della multinazionale svizzera. Mentre due start-up svizzere hanno sviluppato prodotti a base di carne vegetale made in Switzerland. The Green Mountain Burger sviluppato da Hilcona Taste Factory è un hamburger vegetale a base di piselli prodotto nella località grigionese di Landquart. Lo spin-off dell’ETH di Zurigo Planted food invece offre il planted chicken, un pollo vegetale sempre a base di piselli prodotto nei laboratori dell’ateneo zurighese. Nonostante siano a base vegetale, i prodotti di carne vegetale non sono pensati per i vegetariani o i vegani. Anzi, con il loro caratteristico gusto di carne per queste categorie di consumatori sono probabilmente poco appetibili. No, la carne vegetale mira a quel 92% di popolazione mondiale che divora la carne. Sì, perché i prodotti a base di carne vegetale sembrano in tutto e per tutto carne e sono quindi ottimi sostituti. Sostituti che nascondono anche degli interessanti vantaggi rispetto alla carne tradizionale.

Pensando (anche) all’ambiente

Il primo vantaggio della carne vegetale è il suo minore impatto ambientale. La produzione di carne, si sa, è dannosa per l’ambiente. “Una prima causa dell’elevato impatto ambientale della carne è legata alla produzione di mangimi” afferma Thomas Kägi, consulente ambientale della società svizzera Carbotech di Basilea. “La Svizzera importa una grande quantità di mangimi per animali. Per coltivarli è necessaria un’area grande come il nostro paese - dice Kägi -. Se mangiassimo direttamente noi gli alimenti, la produzione di cibo sarebbe molto più efficiente”. La coltivazione di mangimi (mais, soia) non solo consuma risorse e produce emissioni di gas serra, ma causa anche direttamente o indirettamente la deforestazione. In Asia e America Latina, intere aree di foresta pluviale scompaiono ogni anno per fare spazio a pascoli e terreni agricoli per la produzione di mangimi. “-Un secondo fattore per l’elevato impatto ambientale della carne sono le emissioni dirette dei ruminanti - spiega Kägi -. I bovini e gli ovini contribuiscono direttamente alle emissioni di gas a effetto serra, perché nei loro sistemi digestivi producono gas (metano) che viene rilasciato nell'ambiente”. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), il 18% delle emissioni globali di gas a effetto serra è causato dall’allevamento di animali. La carne vegetale al contrario consuma molte meno risorse. Uno studio indipendente del 2018 condotto dal Center for Sustainable Systems dell’Università del Michigan ha confrontato l’impatto ambientale della produzione di un hamburger a base vegetale con quello di un hamburger tradizionale. I risultati mostrano che l’hamburger di carne vegetale causa molte meno emissioni di gas serra (90% in meno!) e consuma molta meno acqua, energia e suolo. Un punto critico sono le emissioni causate dal trasporto. Alcuni alimenti di carne vegetale sono prodotti negli Stati Uniti, spediti congelati in Europa e offerti qui da noi negli scaffali frigoriferi: ciò provoca molte emissioni di gas serra. Le emissioni dannose causate dal trasporto non sono però un problema per quegli alimenti prodotti in Svizzera. Il loro impatto ambientale è molto ridotto.

La questione morale

Non meno importante è la questione etica. È moralmente giusto uccidere gli animali per soddisfare il nostro desiderio di carne? Come indica un sondaggio del 2017 del gruppo di interesse svizzero dei vegetariani e vegani Swissveg, non sono gli aspetti ambientali che spingono gli svizzeri a rinunciare alla carne, ma questioni etiche e legate al benessere degli animali. “Per diversi argomenti morali possiamo essere contrari al consumo di carne - afferma Jean-Claude Wolf, professore emerito di etica e filosofia politica -. Innanzitutto c’è la questione del benessere degli animali. Il consumo di carne è moralmente problematico perché non possiamo controllare adeguatamente le condizioni in cui gli animali vengono allevati e uccisi”. Un secondo importante fattore è il problema dell’alimentazione mondiale. “Il consumo di carne è uno spreco di risorse. Risorse che potremmo mangiare noi stessi invece di darle agli animali - spiega il prof. Wolf -. Oggi disponiamo di sufficienti alternative alimentari, quindi non siamo più obbligati a consumare (tanta) carne”. Con la carne vegetale il problema etico non si pone perché l’animale viene cancellato dall’equazione. Ma in che modo la carne vegetale influenza la discussione etica? “L’ampia gamma di alternative nutrizionali consente di ridurre i prodotti animali. A questo proposito, l’offerta di prodotti simili alla carne è una benedizione per consumare meno carne” conclude il prof. Wolf.

Non solo fattori ambientali ed etici, con il Covid-19 si è tornati a puntare il dito contro la produzione di carne come causa di malattie. “Gli animali sono repositori di molte malattie che possono essere trasmesse all’uomo - spiega il dottor Christian Garzoni, direttore sanitario presso la Clinica luganese Moncucco e specialista in medicina interna generale e malattie infettive –. Per quanto riguarda l’attuale pandemia, il nuovo virus SARS-CoV-2 è molto simile ad un coronavirus presente nei pipistrelli. È quindi ragionevole supporre che ci sia stato un salto di specie”. Come e quando questo sia avvenuto è molto difficile da stabilire. È possibile che la trasmissione da animale a uomo sia collegata al mercato del pesce di Wuhan, dove prima della sua chiusura veniva offerta una selezione di oltre 75 specie di animali selvatici. “Avvicinare specie di animali diversi che normalmente in natura non sono in contatto tra loro rappresenta un grave pericolo e fattore di rischio, perché può facilitare il salto di specie dei virus” spiega il dott. Garzoni. Il problema è presente soprattutto nei paesi asiatici, dove nelle fattorie e nei mercati vengono tenuti vicini diversi animali di specie differenti. Un secondo punto critico della carne è legato agli antibiotici. Ogni anno tonnellate di antibiotici vengono somministrate agli animali da allevamento. “Da quando l’umanità ha scoperto gli antibiotici e li usa, si sa che i batteri possono mutare e diventare resistenti – dice il dott. Garzoni –.  A partire dal 2010 si è però scoperta una nuova classe di batteri, denominati ESBL, resistenti a tutte le penicilline (la classe di antibiotici più comuni). Questi batteri hanno colonizzato anche il nostro intestino e occasionalmente possono causare infezioni molti difficili da trattare a causa delle resistenze, e richiedono l’uso di tutti gli antibiotici disponibili”. Ma qual è l’origine di questa nuova classe di batteri? “Si è scoperto che i batteri ESBL hanno origine dagli animali – conclude il dott. Garzoni –. La causa è l’elevato uso di antibiotici negli allevamenti intensivi”. Alcune pratiche di produzione e vendita della carne favoriscono quindi la comparsa di malattie nell’uomo. Tuttavia, anche l’agricoltura è un fattore di rischio. L’uso intensivo di fungicidi crea funghi resistenti che possono causare malattie nell’uomo molto difficili da curare. Pertanto, la carne vegetale prodotta dalle piante minimizza solo in parte i problemi legati alla diffusione di malattie infettive nell’uomo.

Alcuni nei

La carne vegetale sembra essere la soluzione a molti problemi. Ma davvero non ha difetti? Quando parli con un nutrizionista, ti accorgi che non è tutto rose e fiori. "Un aspetto positivo della carne vegetale è l'elevato contenuto proteico - afferma Ruth Ellenberger, direttrice del Centro nutrizionale di Zurigo (Ernährungszentrum Zürich) -. La dieta vegana o vegetariana è povera di proteine. Bisogna mangiare molti alimenti vegetali come lenticchie, fagioli o piselli per avere un apporto di proteine sufficiente”. Non solo proteine, in una dieta vegana e vegetariana anche la vitamina B12 scarseggia. Un nutriente, questo, che viene spesso aggiunto ai prodotti a base di carne vegetale. Tuttavia, la carne vegetale presenta anche alcuni punti critici. "A causa dell'elevata lavorazione, alcuni dei micronutrienti presenti nelle materie prime vegetali vengono persi durante il processo di produzione - spiega Ellenberger –. La carne vegetale è quindi più povera di micronutrienti dei prodotti vegetali non lavorati”. Ma c’è carne vegetale e carne vegetale. "È importante distinguere tra hamburger e pollo vegetali - afferma Ellenberger -, gli hamburger a base vegetale contengono molto grasso (circa il 15-20%) e sono un concentrato di additivi. È quindi consigliabile consumare questi prodotti solo occasionalmente”. E il pollo? "Il pollo vegetale come il planted chicken è invece un'innovazione alimentare - afferma Ellenberger -. Contiene poco grasso e solo pochi additivi naturali. Può quindi essere un’interessante fonte di proteine per la nostra dieta”. Un altro punto critico sono le contaminazioni. In un test svolto dalla rivista tedesca Öko-Test, cinque hamburger di carne vegetale su sei erano contaminati da sostanze pericolose (olio minerale). Ma come dimostra l’unico hamburger di carne vegetale che non ha presentato contaminazioni, è possibile produrre carne vegetale priva di sostanze pericolose. Questioni di salute a parte, chi ha provato la carne vegetale assicura che quasi non si nota la differenza con la carne tradizionale. Se la carne vegetale sarà solo una moda passeggera o una vera rivoluzione alimentare lo sapremo presto. Intanto il pianeta ringrazia, gli animali sorridono, i virus piangono, mentre la nostra salute si preoccupa un po’.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved