ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
2 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
2 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
3 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
3 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
3 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
3 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
4 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
Bellinzonese
4 ore

Cinema, teatro, libri e castagne: ad Acquarossa la nespolata

L’incontro prenatalizio torna il 14 dicembre con una ricca 22esima edizione
Luganese
4 ore

Lugano, torna il presepe sott’acqua

Fervono i preparativi per l’allestimento del tradizionale evento. L’inaugurazione è prevista sabato 17 dicembre
Bellinzonese
4 ore

A Campo Blenio un assaggio di inverno già questo weekend

Sabato 10 e domenica 11 saranno aperti tappeto mobile e pista di ghiaccio
Bellinzonese
4 ore

A Sementina scocca l’ora della tanto attesa nuova scuola

Il Municipio di Bellinzona rispedisce al mittente la critica e il timore che si voglia procedere con una soluzione d’urgenza provvisoria
28.02.2022 - 16:32
Aggiornamento: 01.03.2022 - 16:58

Basso Mendrisiotto, anche Novazzano allo studio preliminare

Il Comune ha dato la sua adesione e messo nero su bianco alcuni punti. Tra questi la volontà di tenere aperta una porta anche verso Mendrisio

basso-mendrisiotto-anche-novazzano-allo-studio-preliminare
archivio Ti-Press
Una veduta su Novazzano

Novazzano alla fine ha detto sì. Ci sarà anche il Comune guidato da Sergio Bernasconi nello studio preliminare d’opportunità su un’ipotesi aggregativa nel Basso Mendrisiotto. La decisione è stata formalizzata in una lettera inviata nel fine settimana al Municipio di Vacallo, Comune che prima delle festività natalizie aveva a sua volta inviato una missiva a tutti i Comuni del Distretto per sondare il loro interesse, e quindi la loro eventuale adesione, a questo studio. Ai blocchi di partenza si sono annunciati Balerna, Breggia, Chiasso, Morbio Inferiore, Vacallo e, come detto, Novazzano. Tutti gli altri Comuni del Distretto non hanno invece aderito all’iniziativa. Prima di chinarsi sul tema, Novazzano ha voluto archiviare il referendum per l’edificazione del complesso residenziale destinato agli anziani autosufficienti. «Non volevamo che, con una decisione o l’altra, vi fossero delle speculazioni di vario tipo», spiega raggiunto da ‘laRegione’ il sindaco Sergio Bernasconi.

‘Vogliamo avere tutti gli scenari’

Oltre alla conferma sulla sua partecipazione allo studio intermedio, nella sua comunicazione il Municipio di Novazzano ha voluto mettere nero su bianco alcuni punti. «Abbiamo dato il consenso – conferma il sindaco –, ma senza nessun impegno a continuare. Abbiamo inoltre chiesto di guardare e analizzare tutte le criticità e abbiamo pure deciso di tenere aperta la porta anche verso Mendrisio, visto che il sindaco ha dichiarato che entro fine anno sarebbero stati ricontattati i Comuni confinanti». Il messaggio è chiaro. «Non vogliamo restare incollati unicamente al Basso Mendrisiotto – aggiunge Bernasconi –. Infine non capiamo la fretta con cui si vuole procedere». Quella presa dall’esecutivo è stata «una decisione anche sofferta: c’è chi è convinto e chi lo è un po’ meno». A creare unione è stata in particolare «l’idea di avere la possibilità su Mendrisio». Considerata la sua posizione, Novazzano ha una caratteristica che lo differenzia dagli altri Comuni che hanno aderito allo studio. «Novazzano gravita su entrambi i poli: per questo non vogliamo essere vincolati – precisa ancora il sindaco –. Se un domani volessimo organizzare un sondaggio tra la nostra popolazione, è giusto poter fornire tutti gli scenari su cui potersi esprimere».

‘Comune unico come soluzione migliore’

Sergio Bernasconi non lo ha mai nascosto. «Per me il Comune unico resta la soluzione migliore. Non competeremo mai con Lugano, ma se si vuole arrivare ad avere un polo con una certa attrattività, con un Comune unico si riuscirebbe a rivendicare meglio i nostri diritti». Pensando alla situazione attuale, e in particolare alle discussioni in corso sulla terza corsia dinamica e sulla corsia dei Tir, «siamo anche un po’ abbandonati e non abbiamo un grande appoggio – conclude Sergio Bernasconi –. Dobbiamo combattere: non mi sembra ci si renda conto di quella che è la nostra realtà. Questo dà fastidio ed è un peccato perché siamo già in una situazione critica».

I prossimi passi

Nelle scorse settimane il Municipio di Vacallo ha già spiegato quelli che saranno i prossimi passi. Durante il primo incontro del 21 ottobre dell’anno scorso, alla presenza del capo della Sezione degli enti locali Marzio Della Santa, è stato sottolineato che tra i presenti non c’era alcun Comune nella necessità di aggregarsi per ragioni finanziarie o organizzative e che la discussione doveva essere impostata al fine di definire le opportunità di crescita. Della Santa, ricorda il Municipio di Vacallo in un comunicato, "ha accettato la sfida di effettuare una procedura differente dal solito, dichiarandosi pronto a creare uno strumento per mostrare cosa porterebbe il nuovo Comune". Con il beneplacito della direzione del Dipartimento delle istituzioni, nell’incontro del 2 dicembre scorso – presenti anche rappresentanti dei Comuni di Castel San Pietro e Coldrerio – il capo della Sel ha precisato le modalità per svolgere uno studio preliminare. "Al tavolo di lavoro, che dovrebbe impegnare i partecipanti per circa 3-4 mesi, saranno chiamati rappresentanti delle istituzioni e della società civile dei Comuni aderenti". Preso atto delle risposte ottenute dai Municipi interpellati, "Vacallo ha pertanto invitato la Sezione enti locali a proseguire con l’organizzazione dello studio".

Leggi anche:

Il Basso Mendrisiotto guarda oltre i suoi confini

A Novazzano non si progetteranno gli alloggi per anziani

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Aggregazione del Basso Mendrisiotto, atto primo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved