ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
14 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
16 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
21 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
1 gior

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
Bellinzonese
1 gior

Un rave party techno e tekno farà ballare l’Espocentro

‘Ambiente sicuro e controllato’ spiegano i giovani organizzatori che per l’evento del 4 febbraio hanno coinvolto anche Danno.ch
Grigioni
1 gior

Tra Soazza e Mesocco risanamento A13 da 35 milioni

Cantiere al via il 30 gennaio per la durata di tre anni. Si comincia con la corsia sud-nord
Locarnese
1 gior

A Minusio una chiacchierata con Leo Critelli

Appuntamento alla Villa San Quirico: organizza l’Associazione Quartiere Rivapiana
laR
 
20.01.2022 - 05:10

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso

aggregazione-il-distretto-prende-due-strade-parallele
Ti-Press
Si cambia prospettiva

L’aggregazione comunale è uno dei temi che in questi anni ha fatto più discutere nella regione. E ancora accende il dibattito. Rispolverata dopo una quindicina di anni l’idea di riaprire il discorso, almeno nella parte sud del Distretto, si è capito che Basso e Alto Mendrisiotto, per il momento, percorreranno strade diverse. Sondato il terreno, è emerso in modo chiaro che i Comuni di mezzo, così come quelli più a nord – Mendrisio in testa – non hanno intenzione di ragionare su un processo aggregativo allargato. Semmai il capoluogo riprenderà in mano il dossier lì dove lo ha lasciato, ma senza sconfinare al di fuori del comprensorio. Quanto al Comune unico del Mendrisiotto – così come lo si è prefigurato nel Piano cantonale delle aggregazioni – resta musica di un futuro che appare sempre più lontano.

Basso Mendrisiotto, ‘serve compattezza’

Esplorando la geografia regionale, nel Basso Mendrisiotto, per ora, si è pronti quindi a procedere un passo alla volta e con quella circospezione dettata dalla necessità di non rompere equilibri comunque fragili. La speranza, dichiarata dallo stesso sindaco di Vacallo – Comune che ha rotto gli indugi e oggi fa da capofila –, Marco Rizza, è che la regione muova «compatta» verso quello che si prospetta come uno studio preliminare delle virtù di una futura possibile aggregazione. «In questa fase – spiega a ‘laRegione’ in qualità di portavoce – è molto importante per avere una visione di ciò che sarà».

Manca all’appello Novazzano

Ecco che la decisione di non dare una risposta definitiva (per ora) da parte del Municipio di Novazzano ha un po’ spiazzato. Iscritto nell’agenda dell’esecutivo di martedì sera, la tematica ha alimentato un dibattito, fra pro e contro, che non si è ancora chiuso. Le valutazioni sono in corso. «La nostra posizione va affinata», ci fa sapere il sindaco Sergio Bernasconi. Si scioglieranno le riserve sulla partecipazione allo studio di opportunità “prossimamente”, come annunciato poi in una nota giunta nel pomeriggio di ieri.

Sin qui, dunque, a condividere l’intenzione di addentrarsi nel terreno, per certi versi accidentato, dell’aggregazione nel Basso Mendrisiotto, saranno Vacallo, Chiasso, Balerna, Morbio Inferiore e Breggia. Il che rappresenta, in ogni caso, un risultato incoraggiante. Lo scenario a tre - Chiasso, Morbio e Vacallo - bocciato alla prova del voto popolare e poi abbandonato nel 2007, oggi non avrebbe più ragione di essere.

Un occhio verso Mendrisio

Cosa tiene per adesso nel limbo Novazzano? Non tanto la proposta di avviare uno studio preliminare – e a dirla tutta il fatto di non avere la necessità di ‘fondersi’ –, ma bensì il parere espresso da Mendrisio. La Città in effetti si è chiamata fuori. Un tale esercizio non è fra le sue priorità. «Dal nostro punto di vista – annota ancora Bernasconi con rammarico – è un peccato. Sarebbe buona cosa poter avere una visione completa e non parziale dell’ipotesi aggregativa. Uno studio come quello previsto è interessante per tutti e non va lasciato perdere». Ad allettare Novazzano, però, c’è anche l’eventualità che Mendrisio possa inoltrarsi in un approfondimento simile nell’Alto Mendrisiotto.

«Come Comune – motiva il sindaco – gravitiamo anche su Mendrisio. Quindi, come confinanti, sarebbe bello essere coinvolti nell’analisi del capoluogo. Anzi, scriveremo al Municipio della Città per renderlo partecipe di questo nostro auspicio». Bernasconi non nasconde, insomma, che vedrebbe bene un Comune unico più ampio di quanto abbiano immaginato i colleghi del Basso Mendrisiotto.

La voglia di saperne di più per il futuro

In realtà, aver scritto a tutti gli enti locali del Distretto ha tutta l’aria di un gesto di cortesia. «Era giusto farlo per restituire una visione allargata», ci ricorda Rizza. Come dire nessun obbligo, nessuna aspettativa. A questo punto, appare strategico concentrarsi sul Basso Mendrisiotto e su chi aderisce allo studio preliminare. Ovvero lì dove, ribadisce il sindaco di Vacallo, «si sta delineando la volontà di acquisire quegli elementi in più utili a prendere una decisione nel futuro».

Accompagnati sin qui dalla Sezione enti locali, è difficile ora dire per quanto tempo occuperanno approfondimenti, analisi e verifiche. Per Rizza, però, si tratta di un percorso fattibile. Anche se la speranza a cui ha dato corpo il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni nel suo discorso di inizio anno – e meglio arrivare alla consultazione popolare entro questa legislatura – rischia di essere assai ottimistica. In ogni caso, ciò che conta è mettersi all’opera.

Alto Mendrisiotto: ‘Vale la pena valutare due zone’

Spostandosi nell’Alto Mendrisiotto, la Città sembra pronta a riallacciare i contatti con quei Comuni che già facevano parte di un’ulteriore tappa di un processo iniziato nel 2001 e che si è concretizzato tra il 2004 e il 2013, dando vita a una Città di dieci Quartieri. Un percorso rimasto, di fatto, incompiuto. Chi è rimasto fuori? Coldrerio, Castel San Pietro, Riva San Vitale e Brusino Arsizio. I moti del Basso Mendrisiotto, in fondo, hanno indotto una reazione anche dal resto del Distretto. In un certo senso, confessa il sindaco di Mendrisio Samuele Cavadini, il, capoluogo è stato messo un po’ alle strette.

Resta il fatto che all‘interno dell’esecutivo cittadino si vedono bene due tappe intermedie, l’una nel Basso e l’altra nell’Alto Mendrisiotto. «Vale la pena valutare due zone», chiarisce il sindaco. Da parte sua la Città intende ripartire «dagli studi già fatti e poi parcheggiati», proiettandosi oltre la ‘fase light’ realizzata sin qui ed entrando così nel merito di nuovi approfondimenti. Il perimetro dell’azione del Comune è, quindi, quello ’storico’, anche se pare possibile un coinvolgimento di Stabio. E gli altri enti locali? In altre parole, si darà udienza anche a Novazzano? «Se altri Comuni manifesteranno delle velleità se ne potrà discutere», ci risponde Cavadini senza sbilanciarsi troppo.

A questo punto l’autorità mendrisiense vedrà come sviluppare i suoi intendimenti. «Stiamo pensando di prendere un contatto preliminare anche per capire se sussiste la volontà di continuare su questa strada», ci dice Cavadini. «Non dimentichiamo – aggiunge – che nelle linee strategiche della Città il dialogo con i vicini non si iscrive solo nell’ottica dell’aggregazione, ma anche di una collaborazione legata a progetti sul territorio».

Stavolta sembra proprio che il discorso aggregativo nel Distretto non resterà parola morta o... sospesa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved