aggregazione-del-basso-mendrisiotto-atto-primo
Visto dall’alto il territorio è già... aggregato (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
54 min

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
10 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
14 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
15 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
15 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
15 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
15 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
15 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
16 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
16 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
17 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
17 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
17 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
18 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
18 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
18 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
18 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
18 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
18 ore

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
Locarnese
18 ore

Due presentazioni librarie alle scuole di Riazzino

Domani dalle 17 incontro con gli autori Zeno Ramelli e Jan Gaggetta, grazie alla Commissione culturale del Municipio di Lavertezzo
Bellinzonese
18 ore

Ostilità digitale e odio reale: se ne parla a Bellinzona

Incontro pubblico il 24 maggio alla Biblioteca cantonale con quattro conferenzieri
21.10.2021 - 22:14

Aggregazione del Basso Mendrisiotto, atto primo

Balerna, Breggia, Chiasso, Morbio Inferiore, Novazzano e Vacallo allo stesso tavolo. L’idea è quella di partire ma con uno studio preliminare

Se si realizzerà, quella del Basso Mendrisiotto non sarà di sicuro una aggregazione di ‘sussistenza’ bensì una svolta verso un futuro di possibilità. Non sarà una necessità, ma un’opportunità; e per tutti: questo dato di fatto ora riecheggia come un mantra. I tempi dei progetti calati dall’alto, insomma, sono scaduti. Per giungere alla meta finale stavolta si dovrà percorrere tutti assieme, un passo alla volta, il cammino verso un solo Comune con anime diverse. Quante? Sei od otto. A Balerna, Breggia, Chiasso, Morbio Inferiore, Novazzano e Vacallo, infatti, potrebbero aggiungersi pure Coldrerio e Castel San Pietro. L’invito a partecipare a questa nuova ‘avventura’ in pratica è già pronto. Quando, in questo tardo pomeriggio di giovedi, sindaci e municipali dei sei Comuni sono entrati nell’aula magna di Vacallo, con tutta probabilità non avrebbero scommesso sulla buona riuscita dell’incontro promosso dall’autorità comunale di Vacallo. Due ore e mezzo dopo qualche chance in più l’idea di allargare i confini del comprensorio, invece, l’aveva conquistata, seppur a fatica. Sia chiaro, non tutti sono fan della ’fusione’, ma quella odierna sarà la prima di una serie di riunioni. Accompagnati dal capo della Sezione degli enti locali Marzio Della Santa, i rappresentanti comunali esploreranno una nuova via; non si partirà da uno studio di fattibilità ma da un esame preliminare. Prima di tutto, quindi, si darà la precedenza alla concretezza dei dati, poi si aprirà al confronto che coralmente si auspica costruttivo. La scadenza iniziale? L’esito del primo ‘test’ è atteso entro Natale.

Del resto, tutti oggi si sono seduti al tavolo della discussione con la consapevolezza che alle spalle c’è un flop (da non ripetere). Nel novembre del 2007, in effetti, è stata solo la popolazione di Chiasso - con quasi il 75 per cento di voti favorevoli - ad abbracciare l’idea di diventare un tutt’uno con i vicini di Morbio Inferiore e Vacallo. All’epoca a Morbio come a Vacallo in consultazione gli abitanti si erano detti a larga maggioranza contrari (con circa il 75 per cento nel primo caso, e con quasi il 61 per cento nel secondo). Ora però è giunto il momento di voltare pagina.

Il Basso Mendrisiotto apre una nuova strada

Si è dunque aperto un dialogo sull‘aggregazione nel Basso Mendrisiotto? «Innanzitutto, penso che questa serata sia stata assolutamente costruttiva e utile - a tirare le prime somme, a nome dei colleghi, è il ’padrone di casa’, il sindaco di Vacallo Marco Rizza -. Ci si è confrontati liberamente con le diverse sensibilità e posizioni - aggiunge -. Ma si è arrivati a una conclusione di continuità. Ma soprattutto - ribadisce Rizza - si è parlato di una aggregazione non più di necessità, bensì di opportunità. L’approccio, in altre parole, non sarà quello di avviare direttamente uno studio di fattibilità. Con il capo Sezione Della Santa abbiamo definito di valutare la possibilità di realizzare un approfondimento di opportunità, appunto, per poi prendere una decisione su dati concreti. E questo ‘modus operandi’ ha trovato il consenso di tutti i Comuni presenti. E ciò rappresenta un lato positivo dell’incontro. Di fatto uno studio di fattibilità porterebbe innegabilmente a una votazione consultiva. Lo anticiperemo invece con una nuova modalità, che è ancora da stabilire nei dettagli ma che ci permetterà in tempi brevi di prendere delle decisioni municipali sull’eventualità di passare o meno alla fase di studio».

Rizza rassicura anche chi teme si possa tergiversare: i risultati di questa analisi saranno parte integrante e base della tappa successiva. Nel frattempo, si potrebbe persino allargare lo sguardo, dunque i confini dell’operazione. «In effetti - conferma il sindaco di Vacallo -, c’è chi ha chiesto di includere pure Coldrerio e Castel San Pietro. Di conseguenza, domanderemo loro se sono interessati a far parte di questo studio preliminare».

‘Prima vanno fugati dubbi e paure’

La regione sembra, dunque, aver imboccato la strada giusta. «Questo modo di procedere è nato stasera - annota Rizza -. Un po’ per fugare i dubbi, le paure, tutte le perplessità che ogni cittadino e ogni politico comunque ha. Davanti a elementi precisi, alla concretezza delle opportunità che abbiamo di fronte, sarà più facile tramutare questo documento in uno studio di fattibilità». La prossima mossa? «Nei prossimi giorni il Comune di Vacallo con la Sezione degli enti locali coordinerà le modalità ma soprattutto la fattibilità di questo pre studio. A quel punto scriveremo a tutti i Comuni di prendere posizione per capire se vogliono aderire o meno a questa forma oppure passare immediatamente a uno studio di fattibilità. Ci siamo ripromessi di ricevere una risposta definitiva entro le festività natalizie». Vacallo in testa, il comprensorio pare determinato a stringere i tempi. D’altro canto, una tappa intermedia appare inevitabile: il traguardo finale ipotizzato a livello cantonale - il Comune unico del Mendrisiotto - è ancora troppo lontano. «Adesso - rimarca Rizza - dobbiamo valutare quale scenario vogliamo per i nostri Comuni nei prossimi decenni. Se ne saremo tutti convinti, lo porteremo avanti».

I precedenti nel Distretto

Da Pedrinate a Mendrisio, passando per Breggia

Per Chiasso non sarebbe la prima volta. La cittadina ha rotto il ghiaccio della fusione già il 28 settembre 1975, una domenica. Ovvero ormai 46 anni orsono, quando le popolazioni di Chiasso, Pedrinate e Seseglio decidono di unire le forze e i territori. Una scelta pagante, soprattutto per le frazioni, e ricordata nel 2016 in occasione del quarantesimo. Da quel momento nella regione si sono dovuti attendere diversi decenni per sentire di nuovo parlare di processo aggregativo. A rompere questa volta gli indugi nel 2001 è il Comune di Mendrisio che guarda lontano e immagina un’unica realtà dell’Alto Mendrisiotto. Il primo passo è con Salorino, nell‘aprile del 2004, poi nell’aprile del 2009 si stringe un’alleanza con Arzo, Capolago, Genestrerio, Rancate e Tremona: è la tappa costitutiva del progetto di aggregazione che sulle prime si prefigge di riunire dodici Comuni in uno solo. In realtà la tappa intermedia, nell’aprile del 2013, aggiunge ‘solo’ Besazio, Ligornetto e Meride. E lì ci si ferma, alla Città di dieci Quartieri, 15mila abitanti e oltre 3mila ettari di estensione, figlia di una iniziativa messa in campo “con energia, dialogo e passione”, per citare il motto di Mendrisio. La fase finale, quella che allargava il discorso anche a Brusino Arsizio, Castel San Pietro, Coldrerio e Riva San Vitale è rimasta, infatti, sulla carta. Un’altra missione compiuta, nel frattempo - è l’aprile del 2007 - è quella che conduce alla nascita del Comune di Breggia, espressione oggi della Valle di Muggio. Strada facendo si è registrato, però, anche un altro fallimento (oltre a quello di Chiasso, Morbio e Vacallo): la proposta di aggregare Stabio e Ligornetto, ad esempio, non è andata in porto. È l’aprile del 2008 quando Ligornetto dice ’sì’, e Stabio, di converso, non ci sta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aggregazione basso mendrisiotto pre studio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved