niente-fondi-per-la-como-lecco-appello-dei-pendolari
Tanti i frontalieri che vengono a lavorare in Ticino (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
9 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
10 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
10 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
10 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
11 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
11 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
11 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
12 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
12 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
12 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
12 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
13 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
13 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
Bellinzonese
13 ore

Rodi, ecco la Festa di Lèras

Domenica 21 agosto al campo da calcio pranzo a base di polenta e contorni, musica e tombola
Locarnese
13 ore

Festa di San Bartolomeo a Indemini

La messa sarà celebrata dal vescovo Valerio Lazzeri
Locarnese
13 ore

Corso di pesca con la Locarnese

Lezioni per ragazzi dai nove anni e per principianti
26.01.2021 - 21:27

Niente fondi per la Como-Lecco. Appello dei pendolari

Gli utenti del trasporto pubblico lombardi e ticinesi lanciano l'sos. Elettrificare la linea potenzierebbe i collegamenti Tilo a cavallo del confine

Sulla cartina allungare sino a Lecco la linea dei pendolari che corre lungo la strada ferrata fra Ticino e Lombardia appare semplice quanto naturale. Insomma, se da Mendrisio si è arrivati a Varese, perché mai i treni Tilo che puntano su Como non potrebbero andare oltre? L'interrogativo fra gli utenti-frontalieri rimbalza da tempo.  In fondo, per far proseguire i convogli fino al capolinea, toccando tredici Comuni lariani e un bacino di 250mila persone, basterebbe elettrificare un tronco della linea ferroviaria esistente, quello tra Albate-Camerlata e Lecco, lungo 37 chilometri. Del resto, il progetto ha già dei padrini istituzionali convinti, di sicuro da questo lato del confine. Il Dipartimento del territorio, prima, e l'Ufficio federale dei trasporti (Utp), poi, hanno messo nero su bianco il loro interesse. La prova è nelle missive recapitate di recente (la lettera di Berna è giunta nei giorni scorsi) all'Astuti, l'Associazione ticinese degli utenti del trasporto pubblico. Associazione che si è mobilitata, al fianco della consorella Utp, l'Associazione degli utenti del trasporto pubblico Lombardia, a difesa di questo collegamento. Il rischio che possa finire in un cassetto oggi è più che mai concreto. Il nodo gordiano? Ancora una volta è la disponibilità finanziaria. All'appello mancano, infatti, circa 80 milioni di euro. Un ostacolo che i pendolari lombardi confidano si possa superare. E per questo hanno chiesto una mano ai colleghi ticinesi.

A Berna credono in quella tratta transfrontaliera

I collegamenti tra Svizzera e Italia - in particolare fra Ticino e Lombardia - sono strategici. E alla direzione dell'Ufficio federale dei trasporti lo sanno bene. Non a caso, sottolinea il direttore Peter Füglistaler nello scritto indirizzato ad Astuti, "sulla scia del progetto Alptransit, nel 1999 i ministeri italiano e svizzero hanno formalizzato la propria collaborazione costituendo un comitato direttore". È stato il primo passo verso un 'memorandum of understanding' firmato nel 2012 aprendo così la via a un "ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria italiana con Alptransit". D'altro canto, questa intesa ha dato modo, si fa notare ancora, "di aumentare la capacità delle linee di accesso, di realizzare terminali intermodali e di uniformare gli standard d'esercizio quali la lunghezza e il peso dei treni". In un certo senso la Como-Lecco chiuderebbe il cerchio della Mendrisio-Varese. Certo senza elettricità, su quella linea i treni Tilo non potranno viaggiare.

Adesso si guarda al 2035 grazie a un memorandum

Le aspirazioni politiche, in effetti, vanno oltre. Tant'è che, come ribadisce lo stesso Uft, i ministeri dei due Paesi sono intenzionati a continuare a coltivare questa collaborazione con l'obiettivo di sottoscrivere un nuovo memorandum, orizzonte temporale il 2035. "In questo contesto - annota il direttore dell'Ufficio - il Cantone Ticino e la Regione Lombardia hanno evidenziato la necessità di valutare un’estensione della rete regionale ticinese verso Lecco ed Erba". Di conseguenza, si conferma, "l'elettrificazione della linea Como-Lecco sarà pertanto sottoposta a un'analisi socio-economica, sulla quale si baserà la scelta dei progetti da realizzare nel quadro del 'MoU 2035'". E qui la questione si complica. Anche perché, si rammenta, il progetto di elettrificazione si trova "completamente su territorio italiano". Quindi, la decisione finale spetta al ministero italiano.

A caccia dei fondi necessari

Parlarne ai pendolari lombardi (che fanno capo a un Comitato) fa persino male. La possibilità di attingere al pacchetto di investimenti destinati alle infrastrutture d'accesso alle località che ospiteranno le Olimpiadi invernali del 2026 - si parla di circa 474 milioni di euro - è sfumata definitivamente. L'annuncio è calato sull'ultimo incontro fra Astuti e Utp, assieme all'amarezza che quei fondi saranno spesi quasi per intero nelle strade. In effetti, ha spiegato Giovanni Galimberti del Comitato pendolari ai colleghi di entrambi i lati della frontiera, a differenza di quanto dichiarato l'estate scorsa, la Como-Lecco non è stata inserita fra le opere fondamentali legate ai giochi olimpici di Milano-Cortina, bensì fra quelle accessorie: come dire niente da fare. A quel punto, si lascia intendere, è partito il rimpallo di responsabilità fra autorità lombarde e centrali. Tanto più che ai lettori più attenti non è sfuggito che l'elettrificazione della Como-Lecco è scomparsa dagli ultimi documenti di Rfi, Rete ferroviaria italiana, persino alla voce 'opere future'.

Ai pendolari resta la speranza

Adesso al di là del valico sperano sia possibile far capo alla legge di bilancio dello Stato italiano, all'interno della quale il ministero potrebbe trovare quegli 80 milioni necessari a realizzare i lavori. D'altro canto nel 1999, ricordano da Utp, si era trovato un angolino per l'elettrificazione delle linee briantee. Certezze, è indubbio, al momento non ve ne sono, ci si lamenta: le istituzioni d'oltrefrontiera non hanno messo nero su bianco il proprio impegno. E allora che fare? Gli utenti del trasporto pubblico in terra di Lombardia sono pronti a richiamare i governi lombardo e centrale alle loro responsabilità. 

Loro, i pendolari a cavallo del confine, a quella linea ci credono, eccome. Il potenziale per trasferire un buon numero di frontalieri - e ve ne sono parecchi che arrivano dal Lecchese - dalla strada alla rotaia c'è tutto, si insiste perorando la causa della Como-Lecco. Ed è questo il messaggio che intendono veicolare là dove si prendono le decisioni politiche. Certo, si ammicca, se le autorità svizzere potessero dare una spinta - si tratta pur sempre di collegamenti transfrontalieri -, aiuterebbe.

Leggi anche:

In treno da Como a Lecco: 'È la sola soluzione'

A Lecco in treno, Zali confida nell'intesa con la Lombardia

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
como-lecco elettrificazione linea trasporto pubblico utenti trasporto pubblico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved