ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
11 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
14 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
14 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
15 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
18 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
20 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
23 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
1 gior

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
1 gior

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
1 gior

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
1 gior

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
01.09.2022 - 18:36
Aggiornamento: 18:52

Accoltellamento Manor: ‘È tentato omicidio non assassinio’

I difensori della 29enne ritengono che il 24 novembre 2020 non ci sia stata premeditazione ma che sia stato un atto di violenza improvviso e improvvisato

accoltellamento-manor-e-tentato-omicidio-non-assassinio
Ti-Press
La sentenza è attesa il 19 settembre

Ripetuto tentato omicidio intenzionale e non tentato assassinio. E nessun legame reale con jihadisti: proscioglimento pertanto dal reato di violazione della Legge federale che vieta i gruppi al-Qaida e Stato Islamico, nonché organizzazioni associate. Questa, in sunto, la lunga arringa degli avvocati Daniele Iuliucci e Simone Creazzo, che oggi alla terza giornata processuale al Tribunale penale federale di Bellinzona per il duplice accoltellamento alla Manor di Lugano del 24 novembre 2020 hanno chiesto una pena nettamente minore rispetto ai quattordici anni chiesti dalla procuratrice federale Elisabetta Tizzoni: otto anni.

‘Atto di violenza improvviso e improvvisato’

«Non c’è stata alcuna premeditazione – ha detto Iuliucci –. Questa è negata dallo shopping mattutino svolto dall’imputata prima dei fatti. Nemmeno luogo e ora scelti, nonostante quanto da lei detto, possono sostenere la tesi della premeditazione in quanto non trovano riscontro nei fatti: al momento dell’aggressione c’erano al quinto piano della Manor solo sei persone. Ce n’erano molte di più fuori, in piazza, dove un elicottero stava trasportando l’albero di Natale. Persino il coltello scelto non era il più adatto a uccidere». Oltre alla premeditazione, la difesa contesta anche la brutalità e la perversione dell’atto: «L’uso di un coltello e il fatto di averla colpita 4-5 volte non costituisce un agire particolarmente brutale – per il legale –. E non si riscontra una particolare freddezza, anzi: si è trattato di un’azione caotica, indice se caso del contrario. Infine, le lesioni: non hanno, fortunatamente, messo in pericolo la vita delle vittime. Ai sensi del Codice penale, non sono da quantificare nemmeno come lesioni gravi. In generale, l’imputata non si è in alcun modo preparata, ma è stato un atto di violenza improvviso e improvvisato».

‘Non c’è stato alcun atto terroristico’

Un atto di violenza dettato dunque da cosa? Dai problemi mentali della donna. «Definirlo atto terroristico, è un errore. È stato il gesto di una folle persona con gravi problematiche psichiatriche». Concordando con le conclusioni delle perizie, ma criticando in parte quella del dottor Carlo Calanchini che sostiene ci sia stata premeditazione, la difesa ha evidenziato che la 29enne ha agito in un contesto alterato dalla psicosi. «In lei convivono la donna ingenua e buona e la jihadista spietata. Quest’ultima però vive in un mondo inventato e fantasioso, frutto di una vita fatta di solitudine, isolamento, sottomissione, bullismo e umiliazione. Questa è stata la reale motivazione del suo gesto di violenza. Non c’è stato alcun atto terroristico» ha detto Creazzo.

‘Nessuno l’ha sentita urlare Allah U Akbar’

A causa dei suoi legami fantasiosi con il jihadismo, tra i quali una relazione sentimentale inventata, secondo la difesa, con un terrorista, Iuliucci e Creazzo la ritengono incapace di discernimento. Pertanto, mentre il Ministero pubblico della Confederazione l’ha definita una radicalizzata, un lupo solitario, per la difesa «i riscontri oggettivi non dimostrano nulla di tutto ciò, se non che ha agito da sola e che non fa parte di gruppi terroristici. Al contrario, sappiamo dalle dichiarazioni dei familiari che è un po’ ingenua e sciocca e che non parla mai di religione, non prega, va in chiesa con la madre e partecipa alle grigliate di famiglia dove si mangia carne di maiale». «Più che le dichiarazioni confuse della donna – sostengono infatti gli avvocati – bisogna tenere maggiormente in considerazione le testimonianze più credibili: dei presenti e del fidanzato della vittima. E nessuno di loro ha parlato in un primo momento di legami con il terrorismo. Nessuno l’ha sentita parlare di Allah U Akbar, né che avrebbe voluto vendicare il profeta Maometto. Nessuno riferisce di essere andato nel panico, diversi hanno pensato a una lite fra donne». Nessuno tranne la prima vittima, che riferisce di aver sentito Allah U Akbar una volta. Un falso ricordo, a causa del sensazionalismo mediatico, tuttavia secondo la difesa.

Il non luogo a procedere del 2017

La difesa contesta anche l’estensione dell’atto d’accusa al sostegno all’Isis: non vi sarebbe alcuna prova delle transazioni finanziarie in Siria. E se anche la 29enne avesse inviato soldi ai propri contatti, questi, ha ricordato Iuliucci, sono un giovane estraneo al terrorismo e un account inattivo col quale non era in realtà in contatto. «Nel 2017 era stato pronunciato un non luogo a procedere – ha ricordato –, in quanto giudicata incapace di valutare la sua decisione di intraprendere quel viaggio in Siria, a causa della sua malattia». I gravi limiti mentali dell’imputata non le permetterebbero inoltre di valutare un reato di carattere ideologico quale è quello legato al terrorismo. «La responsabilità penale richiede che avesse la consapevolezza di sostenere un’organizzazione terroristica, mentre ricordiamo che l’imputata è invalida al 100% per motivi psichiatrici».

La pena? ‘Oltre Gottardo’

Non avendo a che fare con una reale jihadista, «particolare attenzione dovrà essere individuata nella cura e nella risocializzazione dell’imputata». Sottolineando anche che se restasse in Ticino sarebbe costretta a scontare la pena alla Farera, che notoriamente ha condizioni di detenzione più dure, dato che alla Stampa non esiste una sezione femminile del carcere, la difesa ha quindi chiesto che la pena con trattamento stazionario chiuso venga espiata Oltre Gottardo, o al carcere per detenuti psichici pericolosi Curabilis del Canton Ginevra o al carcere femminile di Hindelbank del Canton Berna. Così come prospettato da Canuto. «Non è una persona malvagia. Non si deve buttare via la chiave della cella ma trovare una soluzione adeguata».

Domani è attesa la replica della procuratrice federale Tizzoni, mentre la sentenza verrà pronunciata il 19 settembre.

Leggi anche:

Accoltellamento alla Manor, chiesti quattordici anni

La difesa: l’accoltellatrice ‘chattava con un account fantasma’

‘Non solo non è jihadista, ma forse neanche musulmana’

‘La vittima dell’accoltellatrice è diventata una sopravvissuta’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved