conferenza-sull-ucraina-lugano-non-blindata-ma-semivuota
Keystone
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
21 min

‘Castello incantato’, dalle rive lacustri alla montagna

La rassegna dedicata al teatro di burattini e marionette farà tappa nel Gambarogno e a Cardada nei prossimi giorni
Locarnese
43 min

Moghegno, lunedì la festa patronale

Oltre alla funzione religiosa, vi sarà un pranzo in comune all’ombra dei faggi; nel pomeriggio lotteria e musica
Bellinzonese
1 ora

‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’

È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, quell’edificio merita di essere tutelato

Interrogazione chiede lumi al Municipio sul lavoro della commissione preposta ad allestire la lista dei beni culturali di interesse locale
Bellinzonese
3 ore

Il cinema di Pieraccioni sotto le stelle di Dalpe

Giovedì 11 agosto alle 21.15 nei prati allo skilift Bedrina verrà proiettato il nuovo film del regista italiano. Entrata libera
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, torna in settembre Penz...iamo

Alla tradizionale corsa podistica di 10 chilometri, si aggiunge un percorso di due miglia per chi vuole divertirsi senza l’assillo della competizione
Locarnese
4 ore

Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali

Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Bellinzonese
4 ore

Alla scoperta della villa di Mèdra tra natura e cultura

L’omonima associazione domenica 21 agosto organizza una visita guidata per conoscere la storia e gli aspetti naturalistici del territorio
Bellinzonese
5 ore

Carì, serata jazz a 2’000 metri

Sabato 13 agosto a partire dalle 17 il clarinettista Marco Santilli si esibirà in un trio ad hoc sulla terrazza dell’osteria Belvedere
Luganese
5 ore

Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia

Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
7 ore

Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova

Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
Bellinzonese
10 ore

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
04.07.2022 - 15:07
Aggiornamento: 19:26

Conferenza sull’Ucraina: Lugano non blindata, ma semivuota

Senza aperitivi, ma con disagi tutto sommato contenuti. E sopra le teste il ronzio degli elicotteri, che fa da... colonna sonora alla due-giorni

«Non chiamatela città blindata, se non lo è realmente», ci ammoniscono i maestri di giornalismo durante le formazioni. E no, in effetti Lugano per la Ukraine Recovery Conference (Urc) 2022 non è stata blindata. Certo: alcune strade sono state chiuse, la viabilità è stata parzialmente modificata, la cosiddetta zona rossa attorno al Palazzo dei Congressi è assolutamente off the limits persino per noi giornalisti accreditati (!), il golfo di Lugano nei pressi del Parco Ciani è inaccessibile.

L’aperitivo a Lugano Marittima non lo si può fare, peccato. La città però non è stata rivoluzionata e i disagi appaiono tutto sommato contenuti. La maggior parte dei negozi ed esercizi pubblici è rimasta aperta. A impressionare sono gli spazi: la città appare svuotata. Prima delle 11 il traffico è stato praticamente assente, mai stato più facile trovare parcheggio nel centralissimo autosilo Balestra, completamente deserto il solitamente congestionato corso Elvezia. Lugano è l’ombra di quella che è stata durante gli scorsi tre giorni, quando decine di migliaia fra centauri e turisti l’hanno invasa per gli Swiss Harley Days. «Oggi in giro di gente se ne vede poca – osserva una commerciante –. Altri non sono contenti, ma a noi non disturba: è solo per due giorni e per una buona causa».

Come sul set di un James Bond

Non una città blindata dunque, ma l’impressione di trovarsi sul set di uno spy movie alla James Bond c’è tutta. Gli annunciati 1’600 militari e gli agenti – quanti, questi, non è dato sapere – di Polcantonale, Polcom e altri Corpi di sostegno sono dovunque tutt’attorno alla zona rossa. Proprio gli elicotteri dell’esercito, che da ieri pomeriggio hanno iniziato a sorvolare i cieli ticinesi, hanno contribuito stamattina a rompere la cappa di silenzio irreale nella quale è piombata la città dopo il temporale della scorsa notte.

In una babele di lingue

Attorno alle 11, l’ora di arrivo prevista delle principali delegazioni, aumenta il pattugliamento aereo sopra via Ciani. Alcuni macchinoni dai vetri oscurati sfrecciano verso il centro. E poi ci sono gli agenti di sicurezza privata a ogni angolo della città, auricolari accesi e sguardo da duro d’ordinanza, anche lontano dalla zona rossa. Ma a dare il vero tocco d’internazionalità che da un evento come l’Urc ci si aspetta, non è tanto quel che si vede quanto quel che si sente. L’inglese e il francese della diplomazia si fondono con il tedesco, l’arabo e – chissà – il russo dei turisti a poche decine di metri gli uni dagli altri. Oggi Lugano non è italofona, fascino anche questo dell’atmosfera da spionaggio che pervade la città.

Nonostante l’imponente dispositivo di sicurezza, le azioni di protesta non mancano. La principale manifestazione annunciata, organizzata dall’Mps, si svolgerà nel tardo pomeriggio in piazza Dante. In mattinata gli attivisti di Greenpeace hanno allestito una simbolica turbina eolica sul lungolago nei pressi del Belvedere, mentre la controcultura autogestita si è data appuntamento in questi giorni a Massagno.

La movida dell’Urc invece è principalmente in piazza Indipendenza, accanto al Quartiere Maghetti. Qui sfilano le eleganti delegazioni estere, personaggi che indossano camicie che richiamano gli elementi folk ucraini, personalità di spicco della politica e dell’economia locali, giornalisti. Qualcuno si riesce ad agganciare, molti sono disponibili, ma ‘off the records’: le interviste le rilasciano solo i big ticinesi.

Attorno alle 13.30 il viavai cessa, a Lugano torna il silenzio. Al Palacongressi vanno in scena gli interventi del presidente della Confederazione Ignazio Cassis e, in collegamento, del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Invalicabili anche con lo sguardo le scure transenne attorno alla zona rossa: l’attenzione è tutta lì ora, i lavori sono iniziati. Il popolo dell’Urc si ritroverà in serata, in piazza Manzoni, dove sventolano bandiere gialloblù e sia stasera sia domani sono previsti concerti di performer ucraini. Un’altra musica, rispetto all’incessante rombo degli elicotteri sopra le nostre teste.

Leggi anche:

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano ucraina urc 2022
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved