conferenza-ucraina-simbolica-direi-piuttosto-solidale
L’ambasciatore ucraino a Berna Artem Rybchenko
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 min

‘Castello incantato’, dalle rive lacustri alla montagna

La rassegna dedicata al teatro di burattini e marionette farà tappa nel Gambarogno e a Cardada nei prossimi giorni
Locarnese
32 min

Moghegno, lunedì la festa patronale

Oltre alla funzione religiosa, vi sarà un pranzo in comune all’ombra dei faggi; nel pomeriggio lotteria e musica
Bellinzonese
58 min

‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’

È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, quell’edificio merita di essere tutelato

Interrogazione chiede lumi al Municipio sul lavoro della commissione preposta ad allestire la lista dei beni culturali di interesse locale
Bellinzonese
3 ore

Il cinema di Pieraccioni sotto le stelle di Dalpe

Giovedì 11 agosto alle 21.15 nei prati allo skilift Bedrina verrà proiettato il nuovo film del regista italiano. Entrata libera
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, torna in settembre Penz...iamo

Alla tradizionale corsa podistica di 10 chilometri, si aggiunge un percorso di due miglia per chi vuole divertirsi senza l’assillo della competizione
Locarnese
4 ore

Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali

Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Bellinzonese
4 ore

Alla scoperta della villa di Mèdra tra natura e cultura

L’omonima associazione domenica 21 agosto organizza una visita guidata per conoscere la storia e gli aspetti naturalistici del territorio
Bellinzonese
5 ore

Carì, serata jazz a 2’000 metri

Sabato 13 agosto a partire dalle 17 il clarinettista Marco Santilli si esibirà in un trio ad hoc sulla terrazza dell’osteria Belvedere
Luganese
5 ore

Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia

Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
6 ore

Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova

Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
Bellinzonese
10 ore

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
10 ore

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’
Ticino
10 ore

Il Plr: ‘Un Piano d’azione per razionalizzare la luce pubblica’

Illuminazione e lotta agli sprechi, con una mozione Michela Ris chiede al Cantone di fare la sua parte. Nostra panoramica nei Comuni, che fanno già molto
Luganese
20 ore

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
21 ore

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
21 ore

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
21 ore

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
21 ore

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
21 ore

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
22 ore

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
22 ore

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
22 ore

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
22 ore

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
laR
 
04.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:16

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’

Dopo settimane di attesa, e non senza discussioni, la Ukraine Recovery Conference (Urc) 2022 sta per partire. Occhi puntati oggi e domani su Lugano, sul Palazzo dei Congressi. Volodymyr Zelensky non ci sarà, ma l’evento per il governo di Kiev appare di grande importanza. Per discutere delle aspettative, abbiamo incontrato l’ambasciatore ucraino a Berna Artem Rybchenko.

Che cosa si aspetta dalla conferenza? Quali sono i vostri obiettivi?

Il primo obiettivo è aggiornare i partner e i Paesi che ci supportano sull’andamento della guerra, sulla situazione sul terreno. Siamo stati vittime di nuovi attacchi missilistici, che hanno colpito strutture civili e persone in diverse parti del Paese e desideriamo sottolineare quanto sta accadendo. Secondariamente, intendiamo presentare l’iniziativa del presidente Volodymyr Zelensky ‘United 24’, indispensabile per la ricostruzione del Paese. E in terzo luogo, per noi è una preziosa opportunità di incontro con i nostri partner internazionali. Prima dell’invasione, da Kiev a Zurigo bastavano due ore e mezza di volo, mentre adesso per raggiungere la Svizzera e l’Europa occidentale ci vogliono fra un giorno e mezzo e due giorni di viaggio.

Finanziariamente parlando, vi siete posti un obiettivo da raggiungere?

No. Il denaro necessario per la ricostruzione è un discorso aperto. Non sappiamo quanto ce ne vorrà, la situazione non è ancora chiara e il conflitto è ancora in corso. Ma bisogna iniziare a ricostruire subito: c’è una forte esigenza di strutture per i civili.

Che cos’è di preciso ‘United 24’?

È una piattaforma molto importante per l’Ucraina. Ci sono, negli Stati amici come la Svizzera, numerosi enti che stanno raccogliendo fondi sin dall’inizio della guerra, donazioni per progetti in supporto all’Ucraina. Molti di questi utilizzano i nomi ‘Ucraina’ o ‘guerra’ per raccogliere denaro, ma in definitiva noi non sappiamo qual è la destinazione finale di questi aiuti. Anche in Svizzera sono stati raccolti circa 125 milioni di franchi. È un aiuto che apprezziamo davvero, ma desideriamo trovare una soluzione per coordinarlo meglio. Crediamo che il governo ucraino sappia al meglio, più delle Ong (Organizzazioni non governative, ndr), dove sono necessari questi soldi. Desideriamo ricostruire ospedali, scuole, asili, strade, ponti e tutte le infrastrutture civili necessarie per vivere in Ucraina e permettere ai rifugiati di rientrare nel proprio Paese. Per questo abbiamo lanciato ‘United 24’: una piattaforma per donatori, in cooperazione con l’Ucraina e non con le Ong. Ed è all’insegna della massima trasparenza: ogni donatore potrà seguire in tempo reale il tracciamento della propria donazione, capire dove vanno i propri soldi.

Settimana scorsa su ‘Le Matin Dimanche’ il municipale di Lugano Filippo Lombardi ha detto che l’Urc sarà una conferenza solo simbolica. Cosa ne pensa?

Non conosco il signor Lombardi e quindi non posso dire cosa intendesse con ‘simbolica’. Credo che la conferenza riguardi la solidarietà fra Svizzera e Ucraina, fra i governi dei due Paesi e fra i popoli dei due Paesi: uno che ha aperto con generosità le porte delle proprie case, anche qui in Ticino, e un altro costretto a fuggire. È un incontro importante anche per i nostri partner, affinché capiscano quanto l’Ucraina tiene all’Europa, alla democrazia e al diritto internazionale. Si può quindi dire ‘simbolica’, ma trovo più appropriata l’espressione ‘solidale’.

L’Urc potrà in qualche modo aiutare i negoziati di pace con la Russia?

La pace è fondamentale, ma a questo punto prima vogliamo la vittoria, che porterà la pace. In ogni caso, a Lugano si discuterà più della ricostruzione del nostro territorio, delle diverse sfide economiche e infrastrutturali che ci attendono.

Come valuta la situazione sul terreno? Sembra che le forze ucraine si stiano ritirando dal Donbass. È così? Perché?

Questa non è semplicemente una guerra, ma una guerra di difesa. Noi non abbiamo invaso un singolo centimetro di terra straniera. La difesa del territorio è molto importante, ma fondamentale è la protezione dei civili, delle infrastrutture strategiche. È molto difficile, per noi, comprendere la strategia militare russa: uccidono persone, bambini. Per questo è fondamentale che la comunità internazionale stia saldamente a fianco dell’Ucraina.

A tal proposito, crede che gli alleati, europei in particolare, stiano fornendo armi a sufficienza all’Ucraina?

Prima di tutto vorrei dire che per noi è molto importante che il 23 giugno ci sia stato concesso lo status di Paese candidato all’ingresso nell’Unione europea. Credo che sia un segnale di supporto molto forte. Venendo alla domanda: chiaramente, più aiuto riceviamo, e con questo intendo anche armi naturalmente, più forti saremo e più a lungo riusciremo a tenere testa alla Russia.

La Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio, ma la guerra è iniziata otto anni prima. È stato fatto abbastanza, anche da parte vostra, in questo periodo per raggiungere una pace con il Cremlino e con le repubbliche separatiste del Donbass?

Vorrei sottolineare nuovamente che la guerra è iniziata con l’annessione della Crimea e con l’occupazione di parte del Donbass, non con un attacco da parte nostra alla Russia. Di negoziati ce ne sono stati tanti, in diverse modalità. Ma nessuno di questi si è rivelato in grado di portare alla pace e questo perché i russi hanno evitato il più possibile incontri diretti, sottraendosi alle proposte non solo della controparte ucraina ma anche dei partner europei e internazionali. Posso dire fermamente che abbiamo fatto del nostro meglio per trovare realmente delle soluzioni e anche il presidente Zelensky ha più volte apertamente cercato il dialogo, sebbene questo implichi l’incontro con il leader di un Paese che sta distruggendo l’Ucraina e la sua democrazia. Ma a queste richieste non si è dato seguito.

Ha menzionato la Crimea. Che cosa ne sarà? È realistico un ritorno all’Ucraina?

La Crimea è parte dell’Ucraina, un nostro territorio secondo la Costituzione. Nel nostro parlamento abbiamo dei seggi appositi per i rappresentanti della Crimea. Allo stesso tempo, vorrei dire che per me – e qui smetto i panni di ambasciatore per indossare quelli di semplice cittadino ucraino – la Crimea è un posto molto bello e una destinazione molto speciale per i turisti. Oggi invece è diventata una destinazione militare per i russi. È una regione con un passato travagliato, se pensiamo alla deportazione dei Tatari di Crimea. E che ricorda quel che sta succedendo oggi nell’Est dell’Ucraina, a Mariupol e in diverse altre località, da dove sono state deportate migliaia di persone in Russia. Quindi la Crimea rappresenta per noi un problema molto importante, al quale stiamo cercando di trovare una soluzione con i nostri partner internazionali, al fine di riportare la pace nella regione.

In Svizzera invece c’è polemica sulla scena politica, perché alcuni partiti sostengono che la Svizzera abbia danneggiato la propria tradizionale neutralità. Che cosa ne pensa?

Prima di tutto, l’Ucraina rispetta il diritto internazionale, così come le leggi interne degli altri Paesi. E questo vale anche per la Svizzera, che è un Paese molto speciale, e per il suo status neutrale. Alla conferenza non si parlerà, se non contestualmente, di questioni militari. L’Ucraina non ha ricevuto né armi né equipaggiamento militare, per noi importantissimi, dalla Svizzera. Ma qui si parla della difesa dei diritti umani, della democrazia e del diritto internazionale: tutti aspetti molto a cuore anche alla Svizzera. Si parla della vita delle persone, dei civili. La Svizzera ha aderito alle sanzioni contro la Russia, è vero, ma non credo che questo possa intaccare la neutralità elvetica.

Da ultimo: il presidente della Confederazione Ignazio Cassis ha annunciato che Zelensky non sarà presente all’Urc. Come mai?

La Costituzione vieta al presidente di lasciare il Paese in tempo di guerra, visto il ruolo di responsabilità che ricopre. Ma sarà naturalmente presente in collegamento online per portare il proprio contributo ai lavori.

Leggi anche:

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Conferenza per l’Ucraina, ‘meno disagi possibili per Lugano’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
artem rybchenko lugano russiaucraina ukraine recovery conference
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved