schonenberger-gysin-e-sirica-i-rapporti-restano-buoni
Ti-Press
L’intesa rimane
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Rete mobile carente e i fai da te scontenti della Val Pontirone

Municipio e Patriziato di Biasca hanno scritto a tutti i proprietari di rustici intimando loro di togliere i ripetitori casalinghi illegali
Ticino
1 ora

La pioggia diserta il Mendrisiotto: ‘è sfortuna, non la regola’

A sud ha piovuto pochissimo, anche quando altrove in Ticino ci sono stati temporali. Marco Gaia (MeteoSvizzera): ‘non c’è un vero motivo scientifico’
Luganese
1 ora

Rovio, analfabetismo emotivo dietro gli spari del papà al figlio

Dallo psichiatra e psicoterapeuta Michele Mattia una chiave di lettura per decifrare il fatto di sangue capitato ad Agno una dozzina di giorni fa
Ticino
11 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
12 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
12 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
12 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
12 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
12 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
13 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
14 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
14 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
14 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
14 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
15 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
15 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
15 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
15 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
16 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
13.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:42

Schönenberger, Gysin e Sirica: ‘I rapporti restano buoni’

I vertici del Partito socialista cantonale e dei Verdi gettano acqua sul fuoco acceso dall’ex capogruppo ecologista: ‘Le sue? Opinioni personali’

Quelle di Nicola Schönenberger sono opinioni personali e l’amicizia a livello cantonale fra Verdi e Partito socialista è salva. Possiamo così riassumere le opinioni di Fabrizio Sirica, copresidente del Ps ticinese, e Greta Gysin, consigliera nazionale ecologista nonché papabile candidata di area rossoverde alle elezioni cantonali del 2023, riguardo alle critiche che hanno scosso la sinistra luganese e cantonale, arrivando a mettere in dubbio l’alleanza fra le sue due anime più grandi.

Gysin: ‘Contatti costruttivi e proficui’

Ebbene, così non sarà. Il dubbio è sorto ieri, quando la sezione di Lugano del Ps – tramite la sua copresidente Tessa Prati – ha affermato che dietro alle dichiarazioni dell’ex capogruppo ecologista potrebbe esserci un tentativo di «impedire una possibile coalizione rossoverde» alle elezioni cantonali. E questo presupporrebbe un’intenzionalità concordata e collettiva. Non è così: «Quanto ha affermato Schönenberger nell’intervista è una sua opinione personale, che non è stata discussa all’interno del partito – precisa Gysin –. Mi pare in ogni caso che sia semmai una questione fra socialisti ed ecologisti luganesi. Non è un mistero: a livello cantonale ci sono dei contatti in vista delle elezioni cantonali dell’anno prossimo. È un dialogo in divenire, in ogni caso trasparente, proficuo e costruttivo».

‘I colloqui con il Ps continuano’

Prati ha però fatto intendere che le critiche di Schönenberger rischiano di avere ripercussioni sull’alleanza. Non è così? «Credo che anche in questo caso il riferimento fosse agli equilibri luganesi. I nostri colloqui con il Ps cantonale continuano e, almeno da parte nostra, non è questo che li fermerà. È chiaro che in una situazione delicata come quella attuale si imporrebbe un po’ di prudenza quando si comunica e troppe uscite come questa farebbero cadere l’alleanza. Ma allo stato attuale le cose non sono cambiate». Sugli altri aspetti dell’intervista la consigliera nazionale ha preferito non esprimersi, limitandosi a definirla «una presa di posizione molto dura». Tuttavia Gysin evidenzia che non le sono piaciute le critiche rivolte ai giovani «non solo socialisti, ma anche ecologisti: sono giovani che sacrificano il proprio tempo per la politica con impegno e dedizione. Peccato».

Sirica: ‘Mettere da parte incomprensioni personali per l’interesse pubblico’

Dello stesso parere, e per l’area è confortante, anche Sirica. «Di primo acchito sono rimasto molto stupito, perché ancora fino a poche settimane fa Nicola, in qualità di co-coordinatore cantonale, era attivo nei colloqui fra Verdi e Ps – ammette –. Inizialmente ho avuto il timore che queste dichiarazioni potessero essere una possibile pietra d’inciampo nei rapporti fra i due partiti. Ma così fortunatamente non è: sono stato rassicurato che siano dichiarazioni a titolo del tutto personale. I rapporti tra i due partiti a livello cantonale restano dunque molto buoni, di rispetto e di collaborazione, per il futuro magari ancora maggiore». Prati però fa riferimento a conseguenze sui rapporti, a seguito delle critiche. La preoccupa? «Io credo molto in un discorso di area. C’è una spinta ‘ecosocialista’, una sensibilità rossoverde, nella società che io avverto molto. Si sente la necessità di una svolta ambientale, che tuttavia secondo me non è fattibile senza un processo di riforma del capitalismo. Indipendentemente dal Ticino, il futuro della sinistra è questo. E questo passa dalle alleanze, che la base desidera». Lugano compresa? «Certamente. Quel che frena delle alleanze che sulla carta sarebbero naturali e logiche sono le incomprensioni personali. Queste vanno messe da parte nel rispetto della base, delle idee e dell’interesse pubblico».

‘Zanini Barzaghi lavora e tanto’

Sirica difende inoltre l’operato della municipale Cristina Zanini Barzaghi, bersaglio delle critiche dell’ex leader verde. «Non vedo questa sua presunta mancanza di coraggio – valuta –: il nostro sistema politico a livello di esecutivo è basato sulla collegialità. Laddove si è trovata in una situazione veramente inconciliabile, come nel caso dell’ex Macello, la sua opinione l’ha fatta sentire eccome. Se si facesse sentire sempre, essendo una su sette, diventerebbe inefficace. Cristina di lavoro ne fa e tanto. Comprendo che alla base possano piacere esponenti ben profilati, ma questo è più facile in un legislativo che in un esecutivo. A maggior ragione se si è in netta minoranza come nel Municipio luganese». E sulla presunta contraddizione riguardo al Polo sportivo e degli eventi (Pse)? «La posizione di Cristina su questo dossier mi è sempre sembrata chiara. Il Pse non c’è dubbio che sia stato un tema divisivo, ma non solo per il Ps, che a Lugano è andato due volte in assemblea su questo argomento. Non vorrei riaprire un dibattito che è ormai alle nostre spalle, mi limito a dire che se secondo Schönenberger il tema era così rilevante, avrebbe forse dovuto parlarne di più al momento dell’alleanza per le elezioni comunali».

‘Sfiducia verso i giovani immotivata’

Il copresidente socialista è parzialmente d’accordo con Schönenberger solo sulla questione dei giovani. «È un tema interessante e, come riconosciuto da Nicola stesso, non riguarda certo solo i socialisti. Mancano effettivamente esponenti fra i 35 e i 50 anni, generazione della quale Nicola era peraltro un ottimo rappresentante. È un vuoto che c’è. Ma il nostro partito – tramite la copresidenza cantonale, quella luganese e quella locarnese, per citare tre esempi – sta facendo questo importante ricambio generazionale. E su questo sono d’accordo con Tessa Prati: con umiltà si lavora, si impara, si cresce. Credo che questa sfiducia verso i giovani sia abbastanza immotivata. Credo anzi che soprattutto a sinistra ci sia un ottimo rinnovamento, sì di persone che non sono ancora pronte. Ma che lo saranno. L’importante è dare fiducia, e nei limiti del possibile responsabilità, alle persone».

Dare fiducia: copresidenza di Lugano dunque promossa? «Rispetto e supporto il loro lavoro, come quello di Cristina». Eppure, durante l’ultima tornata elettorale, i risultati dell’area e dei socialisti in particolare a Lugano sono stati inferiori rispetto agli altri poli urbani ticinesi. Essendo la sezione con il maggior bacino elettorale, non preoccupa questo? «Bisogna certamente avere un occhio di riguardo su Lugano: viste le dimensioni importanti è un discorso rilevante da portare avanti. Ma va affrontato in primo luogo con la sezione».

Leggi anche:

Lugano, Schönenberger: ‘Zanini Barzaghi non è all’altezza’

Schönenberger, Prati: ‘Parole pesanti’. Alleanza a rischio?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved