ULTIME NOTIZIE Opinioni
naufraghi.ch
6 ore

Un sisma nel cuore di infinite tragedie

Da Aleppo al Rojava, questo terremoto mette a dura provi luoghi in cui la sofferenza è di casa. E anche la Turchia fa i conti con le politiche di Erdogan
L'analisi
9 ore

Lugano, il Plan B resta criptico

Discussione generale in Consiglio comunale senza colpi di scena: tanto fumo e poche informazioni utili alla cittadinanza
IL COMMENTO
1 gior

La sfida tra Zali, sfinge non più così impassibile, e l’elefante

Le dichiarazioni del direttore del Dt sull’alleanza con l’Udc sono una bomba che rischia di esplodere, e mostrano un mix tra fastidio e preoccupazione
La formica rossa
2 gior

A Carnevale ogni firma vale?

Si dice che in amore e in guerra tutto sia lecito, ma vale lo stesso nella democrazia diretta?
IL COMMENTO
2 gior

Il pallone sgonfiato e la guerra della disinformazione

È probabile che il pallone non costituisse una vera minaccia, ma la sua presenza nei cieli americani ha assunto una forte valenza geopolitica
IL COMMENTO
4 gior

I due estremi del cerchio

Le criticità del settore sociosanitario e quelle del socioeducativo sono intrinsecamente legate: la situazione è preoccupante
IL COMMENTO
5 gior

L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto

Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
6 gior

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
1 sett

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
1 sett

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
laR
 
13.05.2022 - 08:00
Aggiornamento: 15:38

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare

lugano-la-sinistra-riparta-da-schonenberger
Ti-Press
Parole di peso

È stata una settimana di passione per la sinistra ticinese. Le critiche mosse da Nicola Schönenberger, in prima battuta alla municipale socialista di Lugano Cristina Zanini Barzaghi e alla sezione cittadina del Ps, hanno rischiato di accendere un focolaio che avrebbe potuto mandare all’aria anni di laboriosi colloqui e proficui accordi tanto a livello cantonale quanto sui piani comunali. I telefoni hanno squillato, le notifiche sulle app di messaggistica abbondato. Nel dibattito sono intervenuti grandi nomi, fino alle più alte sfere cantonali dei due partiti. Alla fine dal brusio sono emerse le rassicurazioni di Greta Gysin e Fabrizio Sirica: i rapporti restano buoni e l’amicizia è salva.

Verdi e Ps: rapporto fruttuoso ma tormentato

L’equivoco è stato proprio lì: il timore che dietro alle parole dell’ex leader ci fosse una condivisione su ampia scala e quindi la volontà di inibire l’alleanza per le elezioni cantonali del 2023. Non è così, assicurano i vertici rossoverdi: si sarebbe trattato di opinioni personali. Ma è stato davvero solo un equivoco? Diamo per buono che le critiche di Schönenberger siano effettivamente scaturite dalla sua volontà di levarsi qualche sassolino – leggi: macigno – dalla scarpa nell’addio alla politica. Resta il rumore che queste hanno causato, il brivido di freddo corso lungo diverse schiene. Volente o nolente, ma visto l’acume del personaggio propendiamo per la prima, Schönenberger ha svelato la vulnerabilità di un rapporto che è sì politicamente fruttuoso, ma spesso tormentato. Questa fragilità sarà messa alla prova fra pochi mesi, quando la campagna prenderà ufficialmente il via: il cammino verso aprile 2023 è irto di ostacoli e inciampi, e basta poco. Ce l’ha ricordato la sezione luganese del Ps, parlando di «attacco con conseguenze», l’ha ribadito Gysin, che ha invitato alla prudenza comunicativa sottolineando l’importanza della critica.

Meno personalismi, più gioco di squadra

Intese come quella rossoverde si muovono su un filo sottile, ne deduciamo. Talvolta questo filo si rompe, come è successo nella Città di Bellinzona alcuni anni fa. Tuttavia, detto molto pragmaticamente, se lo sono potuti permettere elettoralmente parlando. Ma Lugano non è Bellinzona. E si torna al solito discorso: nei contesti più difficili e nelle situazioni più delicate, per portare a casa buoni risultati i personalismi devono essere accantonati in favore dell’interesse pubblico, suggerisce Sirica. E con una sana dose di tatticismo, aggiungiamo noi. Che tradotto, significa fare buon gioco di squadra. E spesso, nella storia di questo cantone, è stato il tallone d’Achille della sinistra. Ma sono gli anni dell’ondata verde, è in atto un rinnovamento generazionale. Le cose sarebbero diverse.

Incognita Lugano

I vertici cantonali dei due maggiori partiti di area hanno dato prova, quantomeno a parole e per il momento, di questa diversità, della capacità di saper guardare a un interesse maggiore. Li aspettiamo alla prova dei fatti. Resta l’incognita Lugano: l’area ha oggettivamente raccolto meno rispetto agli altri poli urbani. È solo una questione di grande forza della destra? La critica e l’autocritica, se costruttive, possono servire: che questa querelle sia l’occasione per una riflessione sensata e per una ripartenza convinta di squadra, se le premesse ci sono.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved