ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
1 ora

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
1 ora

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
17 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
20 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
22 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
12.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:57

Schönenberger, Prati: ‘Parole pesanti’. Alleanza a rischio?

Inevitabile la replica della copresidente sezionale di Lugano alle dichiarazioni del leader verde, ‘che - dice - hanno conseguenze sui rapporti futuri’

schonenberger-prati-parole-pesanti-alleanza-a-rischio
Relazione tesa

«Sono certa che gli elettori socialisti ora si faranno alcune domande». E non solo gli elettori: le dichiarazioni molto critiche dell’ex capogruppo ecologista Nicola Schönenberger nei confronti del Partito socialista di Lugano e in particolare della sua municipale Cristina Zanini Barzaghi hanno fatto rumore: in città, ma anche a livello cantonale. Se la diretta interessata dalle critiche ha preferito non esprimersi ieri, lo ha fatto invece Tessa Prati, copresidente della sezione luganese del Ps, la più grande per numero di elettori nel cantone, ricordiamo.

‘Servono riflessioni’

Pur non volendo, al momento quantomeno, esprimersi punto per punto sulle dichiarazioni del leader verde, la prima cittadina sottolinea che «per noi chiaramente è un attacco. Ha fatto delle dichiarazioni estremamente pesanti, che riteniamo ineleganti da parte di una persona che ha appena lasciato la politica e che hanno delle conseguenze sui rapporti futuri tra i due partiti. Servono delle riflessioni riguardo a quanto sta succedendo». Come suggeriscono le numerose reazioni raccolte a microfoni spenti, e come confermato dunque da Prati, le dichiarazioni di Schönenberger hanno smosso inevitabilmente le acque e rischiano di avere un effettivo impatto nei rapporti interni all’area rossoverde.

‘Si vuol impedire una coalizione rossoverde alle elezioni cantonali’

Parte degli attacchi sono rivolti alla municipale, che Prati difende. «Ricordiamoci che fra legislativo ed esecutivo c’è grande differenza. Fare opposizione in Consiglio comunale (Cc) è una questione, essere in un gremio collegiale è ben diverso e specialmente in un contesto complesso come quello di Lugano. E questo è innegabile. In questo contesto, sparare a zero su una municipale che è alla sua terza legislatura, è incommentabile. Stupisce poi la modalità. Viste le imminenti elezioni cantonali ci pare che quanto fatto sia più rivolto a impedire una possibile coalizione rossoverde che un attacco al Ps di Lugano. Sarebbe stato più costruttivo spiegare i motivi del perché un’alleanza fra Verdi e Socialisti non va eventualmente bene, piuttosto che criticare e basta. Riscontriamo davvero molte incongruenze nel suo discorso e queste ci lasciano molte perplessità. Sono certa che gli elettori socialisti si faranno alcune domande, perché gli attacchi di questo tipo da parte di un esponente di ‘alto rango’ di un partito che dovrebbe essere nostro alleato e col quale si hanno stretti rapporti hanno un valore e anche un peso».

‘La preparazione? È frutto di un percorso’

Da parte di Schönenberger non sono mancate critiche neanche ai giovani – invero non solo socialisti –, Prati compresa. È vero che non siete sufficientemente preparati per fare politica? «Fino a pochi anni fa di giovani non ce n’erano proprio e ci si lamentava, giustamente, di questo. Adesso che i giovani ci sono ci si lamenta che siamo troppo giovani e inesperti... in politica, come nella vita, bisogna fare i passi uno alla volta – la replica –. Serve esperienza, ma questa è frutto di un percorso, non si può pretendere che una persona arrivi pronta su tutti i dossier, si cresce man mano. È un’ulteriore lamentela su una situazione politica che, ricordo, lui ha appena lasciato».

Sulle esternazioni dell’ex copresidente cantonale – che a meno di un anno dalle elezioni cantonali ha messo in dubbio anche la necessità di allearsi non solo a livello comunale ma anche cantonale, seppur in seconda battuta — abbiamo chiesto una replica anche ai vertici del Ps cantonale. Vertici che, tuttavia, preferiscono attendere una replica della sezione cittadina prima di eventualmente esprimersi.

LA REPLICA DEL SINDACO

‘In ritardo, ma ora con visioni chiare’

Chi invece una reazione ce l’ha data è Michele Foletti. Il sindaco ha replicato alle esternazioni dell’ex consigliere comunale, che sostanzialmente ha accusato il Municipio di immobilismo e di incapacità di stare al passo con le tendenze globali. «È comprensibile che abbia questa visione del Municipio che non sappia cogliere i trend, ma immagino che siano i suoi di trend – osserva –. Un Municipio composto da sette persone di cinque partiti diversi deve tenere conto delle sensibilità di tutti. E poi l’esecutivo deve tener conto delle maggioranze in Cc. Il Municipio ha saputo essere innovativo in determinati ambiti, come quello della digitalizzazione. Probabilmente sul piano climatico si è mosso più lentamente, proprio perché non c’era un ampio consenso nel Cc. Su alcuni aspetti, come quello della sostenibilità, abbiamo iniziato a lavorare. E in ogni caso la questione climatica è uno dei temi centrali del Piano direttore che stiamo sviluppando. Bisogna anche tener conto del fatto che il primo obiettivo nel 2013 era raddrizzare le finanze e quindi diversi progetti si sono volutamente e per forza fermati. Forse siamo partiti tardi, ma ora lo abbiamo fatto e con visioni chiare. Sarà anche un piccolo esempio, ma abbiamo contribuito all’elettrificazione dei primi due battelli sul lago di Lugano, i primi in tutta la Svizzera».

‘Sui giovani, e non, ha ragione: non si può far politica solo per visibilità’

Pur rispedendo al mittente le principali accuse, Foletti condivide invece alcune delle critiche espresse da Schönenberger, in particolar modo sulla preparazione dei giovani. «Su questo sono d’accordo con lui – ammette –. Ma lo estenderei anche ai politici meno giovani. Confrontiamo il legislativo di Lugano negli anni Novanta con quello di oggi a titolo di paragone... Purtroppo è vero: oggi c’è più un voler apparire che un voler fare. Chi fa politica vuole visibilità, ma non va bene che sia solo quella la molla».

Leggi anche:

Lugano, Schönenberger: ‘Zanini Barzaghi non è all’altezza’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved