ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
21 min

Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche

A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
51 min

Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno

Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
52 min

Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’

La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
2 ore

Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta

Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
2 ore

Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’

Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
5 ore

Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’

Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
5 ore

Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa

Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
12 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
14 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
15 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
15 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
15 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
15 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
15 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
16 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
16 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
16 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
16 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
laR
 
14.02.2022 - 05:30

Studenti a distanza, toccati nella mente e nel cuore

Le riflessioni sul periodo pandemico nella didattica dello storico Marco Meschini fra ‘maturati d‘ufficio’ e valutazioni ‘gonfiate’

studenti-a-distanza-toccati-nella-mente-e-nel-cuore
Ti-Press
Didattica a distanza

Ha sempre osservato il mondo della scuola molto da vicino, non solo per formazione ma anche per interesse (numerose le sue collaborazioni con istituti di ricerca internazionali) Marco Meschini, storico ed esperto di comunicazione, nonché formatore di public speaking per il Cantone Ticino e direttore del liceo Everest Academy di Lugano. Sotto i suoi occhi e nei suoi studi anche la pandemia che, chiudendo in casa tutto un mondo, ha costretto i più giovani alla didattica a distanza.

Il nuovo coronavirus ha letteralmente «sconvolto le nostre vite», oltre che imporre – come ha fatto notare in sue recenti riflessioni – «una sfida radicale a chi si occupa di formazione ed educazione». Cominciamo dalle criticità: quali sono stati i maggiori cambiamenti che il Covid ha portato nel mondo della scuola?

Direi soprattutto una distanza straniante. Di colpo, il mondo della scuola ha dovuto fare a meno della presenza, che è la pre-condizione normale ed essenziale del suo “essere” e del suo “fare”. Il lockdown ha colto gli attori sostanzialmente impreparati, perché la “presenza distante” (diciamo la didattica a distanza, che è una forma di comunicazione intermedia fra presenza e assenza) non era affatto prevista, a parte alcuni rari casi. Di qui, un affanno globale e anche decisioni sorprendenti, come per esempio – per il nostro Cantone – quella di non svolgere gli esami di maturità… Nelle difficoltà si resiste.

La didattica a distanza ha mutato il rapporto maestro-allievo? Come? Con quali effetti negativi? E positivi, se ve ne sono…?

Assolutamente sì. La “lezione” è un atto comunicativo performativo, che necessita della presenza dei suoi “attori”. Verbale, paraverbale e non-verbale, contesto, emissione e ascolto…: tutto è stato sconvolto e lo si è dovuto ridefinire di corsa e in corsa. Pensiamo alle lezioni a distanza: docenti e studenti si sono ritrovati in uno spazio “altro”, ovvero lo spazio digitale, senza reali mezzi di comprensione e interpretazione, a parte come fruitori di siti internet e social media. Di qui, l’esplodere delle inadeguatezze, dei ritardi, delle ritrosie… Non dimentichiamo che, per natura, la scuola è un’entità conservatrice, sottoposta in questo caso a una drammatica accelerazione di aggiornamento-innovazione-ripensamento. Questi ultimi mi sembrano gli unici – per quanto parziali – elementi positivi.

Quanto alle sfide post-pandemia?

La pandemia ha svelato che il mondo “reale” è intriso di digitale, nel triplice senso di strumenti, media e cultura. Ora, la scuola può ripiegarsi nel suo universo “a parte”, tornando a elementi puramente tradizionali, oppure integrare il meglio della tradizione con quanto il mondo di oggi può offrire, e che appunto nella pandemia è stato vitale per non perdere del tutto il rapporto con il suo pubblico, vale a dire gli studenti e le famiglie.

Crede che l’assenza di ‘presenza’ abbia portato nei giovani effetti quali frustrazione e senso di disagio? Il non essere più, cioè, parte di una comunità?

Siamo nell’aprile del 2020, è passato un mese di didattica a distanza e sono le 10.30 del mattino: dal mio studio sento un urlo al limite dell’umano: è mia figlia di 10 anni che piange e urla disperata, «voglio tornare a scuola!». Certo, esistono anche profili meno “sociali” di mia figlia, ma mi pare sia un esempio molto chiaro: non siamo monadi, abbiamo radicalmente bisogno degli altri.

La tecnica, considerata spesso, anche in modo ingiustificato, “social”, pare non abbia invece aiutato a mantenere quelli che lei ha definito come «cervelli accesi». Perché? Dove si è sbagliato?

Non è mai la tecnica in sé a determinare il grado di attivazione di un cervello. Posso usare uno schermo per scorrere a polliciate un flusso infinito e indistinto di immagini, video, audio… – attivazione 0,1% – oppure usare lo stesso schermo per stimolare il ragionamento e la discussione. Tutto dipende dagli obiettivi formativi e dal grado di competenza didattico-educativa degli attori coinvolti, a partire dai docenti. Per questo la formazione ad hoc degli adulti responsabili è fondamentale, anzi basilare.

Lockdown e relazioni a distanza influiranno sulle nuove generazioni? In quali forme?

Temo proprio di sì, tra qualche anno parleremo di “generazione Covid” per riferirci ai nostri figli che sono stati toccati nella mente e nel cuore dalla pandemia e dai suoi effetti scolastici. Ho già ricordato i “maturati d’ufficio”, ma so anche che troppe scuole hanno alzato le note di 1-1,5 punti… Mi pare francamente troppo, e comunque sbagliato.

Anche gli insegnanti hanno dovuto rivedere la loro didattica. Crede che ne siano usciti vincitori solo quelli che lei definisce «maestri vivi»?

Anzitutto bisogna dire che, nel complesso e dopo il primo momento di smarrimento, il “corpo” docente ha reagito, si è messo in discussione, ha tentato di rispondere e corrispondere. Penso che la società debba riconoscere che non c’è stato un fuggi-fuggi generale, ma un rimboccarsi le maniche e provarci: in diversi casi inadeguato, ma reale. Come accennavo prima, inoltre, serve un nuovo concetto di formazione rivolto ai docenti per affrontare con metodo questi nuovi linguaggi: il digitale è molto di più di un semplice set di strumenti, non si può affrontarlo a penne nude. Detto questo, di veri “maestri vivi” abbiamo sempre bisogno, e forse tanti hanno sentito con più acutezza l’urgenza di questa stessa “vivezza”.

Da quale elemento la scuola sarà chiamata a portare una “nuova” normalità?

La pandemia ha mostrato che la viva relazione interpersonale è la pre-condizione essenziale per “essere” e “fare” scuola, a qualunque livello. Da qui, da un riaccogliere la presenza dell’altro – che non è sempre un genio, un volenteroso, uno che ce la farebbe in qualunque contesto… – si deve ripartire. Perché la scuola ha senso se esistono gli studenti, altrimenti diviene passato senza futuro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved