MIN Wild
2
NAS Predators
5
2. tempo
(0-3 : 2-2)
CHI Blackhawks
2
Detroit Red Wings
4
2. tempo
(1-1 : 1-3)
supsi-un-2020-soddisfacente-nonostante-la-pandemia
Ti–Press
Il campus Est Usi–Supsi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Fiamme da un quadro elettrico in una palazzina a Locarno

Intervento dei pompieri questa sera in via San Jorio: una persona è rimasta leggermente intossicata. Inquilini presi in consegna dalla Protezione civile
Gallery
Locarnese
4 ore

Monte Salmone, si uniscono le forze per la capanna

Dopo l’abbandono del progetto contemplato dal Parco nazionale, i Municipi di Terre di Pedemonte e Onsernone e il Patriziato ne studiano il rilancio
Ticino
6 ore

Maxi riciclaggio di denaro, processo aggiornato di un mese

Tra gli imputati per un vasto giro di commercio illegale di oro ci sono anche quattro ticinesi e sei comaschi residenti in Svizzera.
Bellinzonese
7 ore

Bellinzona, cena classe 1943

Appuntamento per giovedì 28 ottobre al ristorante Penalty
Bellinzonese
7 ore

Daro, assemblea della Musica

Appuntamento per giovedì 28 ottobre nella sala del Consiglio patriziale
Locarnese
7 ore

Tenero, autista polacco ne combina di tutti i colori

Sabato sera in pochi minuti ha collezionato una serie incredibile d’infrazioni e causato danni con il suo camion. Fermato in extremis da un passante
Luganese
8 ore

Melide, il bell’autunno di Cantiamo Sottovoce

Il gruppo ha ripreso l’attività con diversi concerti anche alla Festa d’autunno a Lugano e in terra friburghese per la Bénichon
Gallery
Bellinzonese
8 ore

Il giorno del ricordo a 20 anni dalla tragedia del San Gottardo

Una cinquantina di persone si è radunata oggi al portale sud per commemorare le 11 vittime dell’incidente all’interno del tunnel del 24 ottobre 2001
Ticino
8 ore

Matrimoni con minori, sempre nulli anche a distanza di anni

La modifica del codice civile proposta da Berna trova il consenso del governo ticinese che invita a verificare legalmente quelli celebrati all’estero
Locarnese
9 ore

Locarno: arresto cardiaco, corso Bls-Dae col Salva

Il Servizio ambulanza lo organizza mercoledì prossimo nella sede in via Peschiera. Al termine verrà rilasciato un certificato
Grigioni
9 ore

Donna causa diversi incidenti sulla A13 nei Grigioni

La Polizia cantonale è riuscita a fermare la 31enne nella galleria del San Bernardino e ha lanciato un appello a eventuali testimoni
Ticino
10 ore

Norman Gobbi ha incontrato gli ufficiali professionisti ticinesi

Durante la riunione si è parlato del ruolo dei media nella gestione delle crisi e della presenza dell’Esercito al Sud delle Alpi
Ticino
10 ore

Vent’anni di Premio giornalistico della Svizzera italiana

Organizzata a scadenza biennale, la decima cerimonia di premiazione si terrà all’auditorium del campus Usi di Lugano venerdì 29 ottobre
Mendrisiotto
10 ore

Festa d’autunno per il DYK di Chiasso

Occasione d’incontro per novanta judoka fra una castagnata, la foto del calendario natalizio e un’opportunità di solidarietà
Luganese
11 ore

A Melano si dibatte sulla terza corsia dinamica sull’A2

Serata pubblica all’Orto il Gelso organizzata dal Comitato dei contrari e dal Ps del Mendrisiotto e Basso Ceresio
Ticino
14.06.2021 - 12:310
Aggiornamento : 16:51

Supsi, ‘Un 2020 soddisfacente nonostante la pandemia’

Finanziariamente l'anno si è concluso con una perdita di 677 mila franchi

«È stato stravolto il modo di lavorare, è stato necessario un impegno straordinario ma tutti i progetti in campo hanno potuto essere portati a buon termine», ha affermato Alberto Petruzzella, presidente del consiglio della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi), riferendosi alla pandemia da Covid–19 in occasione della presentazione del rapporto annuale 2020.

«La priorità è stata quella di mettere in sicurezza la nostra comunità accademica, passando al lavoro e alle lezioni a distanza. Nonostante la pandemia siamo riusciti a dare continuità anche ai nostri mandati istituzionali e ai grandi progetti edilizi», ha aggiunto Petruzzella.

Tra le misure principali messe in atto dalla Supsi per garantire la continuità della formazione e il benessere di studenti e collaboratori vi sono la costituzione di un canale comunicativo e di risorse didattiche dedicato a studenti e docenti, l'attivazione di un supporto tecnico e didattico–pedagogico, uno sportello di ascolto e aiuto psicologico, nonché delle indagini interne riguardanti la didattica a distanza e l'implementazione di misure di miglioramento.

Il Covid ha portato inoltre a una riflessione riguardo agli ambiti didattici che devono forzatamente venire svolti in presenza e ad altri che «anche a distanza non perdono in termini di qualità, come lezioni teoriche, in plenaria e in grandi gruppi, come pure attività di accompagnamento, esercitazioni e colloqui. Parte di queste attività continueranno probabilmente a essere svolte a distanza», ha affermato il direttore generale Supsi Franco Gervasoni.

Per quanto concerne la riorganizzazione della direzione Supsi, vi è stato un «rafforzamento della gestione istituzionale dei mandati e del supporto dato ai dipartimenti dai servizi amministrativi con conseguente possibilità delle direzioni dipartimentali di concentrarsi sui mandati», ha detto Petruzzella, questo è stato possibile grazie alla creazione di figure con funzioni trasversali.

Fra i progetti istituzionali portati a termine vi è l'accreditamento istituzionale per i prossimi 7 anni, concesso lo scorso marzo dal Consiglio svizzero di accreditamento. Esso è obbligatorio per il riconoscimento dei diplomi e per l'ottenimento di finanziamenti cantonali e federali: «È stato un lavoro intenso, durato oltre cinque anni, che ha coinvolto attivamente nell'ultima fase quasi 250 persone appartenenti a tutte le unità della Supsi. È stata inoltre un'occasione per aumentare la coesione interna», si è rallegrato Petruzzella.

Il presidente ha poi presentato le chiusure finanziarie che contano una perdita «tutto sommato contenuta» di 677 mila franchi. I principali fattori sono dovuti all'«impatto della pandemia nella formazione continua dell'ambito sociosanitario e nella chiusura del settore dell'edilizia per alcuni mesi nell'ambito delle prestazioni di servizio, come pure i ritardi nei progetti di ricerca». I costi diretti per il Covid, dovuti per esempio alle misure di sicurezza, ci sono stati, «ma sono marginali. Inoltre abbiamo un fondo di rischio di cinque milioni di franchi, quindi queste perdite non sono particolarmente dannose».

«Abbiamo dovuto in pochi gironi ripartire con una serie di attività a distanza», ha ricordato Gervasoni. Fra esse il telelavoro, la didattica a distanza, l'open day, le cerimonie dei diplomi e alcuni seminari ed eventi. Durante il 2020 gli studenti erano circa 5500, con poi circa mille che hanno ricevuto un diploma e più di tremila domande d'ammissione. Le novità principali del 2020, ha ricordato il direttore, sono la creazione di un programma di bachelor e cinque di master. Nell'ambito della formazione continua i corsi sono stati 153, con 8'300 partecipanti e 1246 diplomati.

Fra i mandati della Supsi vi è anche la ricerca: «Il 2020 è stato un anno significativo, il 78 per cento dei progetti sono stati accettati da Innosuisse, tasso che normalmente si aggira intorno al 50 per cento», ha illustrato Gervasoni.

Le risposte della Supsi all'emergenza sanitaria sono state molteplici, tra cui vari studi come Corona immunitas, uno sugli gli effetti del lockdown sul clima e un altro su quanto resistono i virus sulle superfici.

Riguardo alla vicenda Garzoni, ditta sospesa dagli appalti pubblici per irregolarità nel campus di Viganello, Petruzzella si è espresso così: «La stragrande maggioranza degli appalti sono stati fatti in Ticino e siamo stati molto attenti alle questioni formali. Riguardo ai subappalti le direttive erano chiare. In alcuni casi era possibile effettuarli ma a patto di notificarli. Quando siamo venuti a conoscenza delle irregolarità – cioè di un secondo subappalto non notificato – abbiamo fermato il cantiere chiedendo a Garzoni di sistemare la questione. E la cosa è poi stata sistemata sotto un profilo formale. Ci è dispiaciuto molto per l'accaduto, ma esclusa questa brutta storia, i cantieri sono stati un successo e la ditta Garzoni ha fatto da parte sua un buon lavoro».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved