scuola-atelier-delle-buone-pratiche-prima-del-rientro
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

A2-A13, la Verzasca (preoccupata) rassicurata da Ustra

L’Ufficio federale delle strade ammette qualche inghippo sulla strada del collegamento veloce, ma promette di mettercela tutta per concretizzare il progetto
Ticino
3 ore

Sirica (Ps): ‘Salario minimo, avanti con la nostra iniziativa’

Dopo l‘incontro tra sindacati e padronato il copresidente socialista conferma: ’Resta la via maestra e la più pulita per risolvere la situazione’
Luganese
13 ore

Foce, la Città: ‘Non serve un piano di prevenzione’

Preavviso negativo del Municipio alla richiesta formulata da alcuni consiglieri comunali Ps e Pc dopo i due decessi registrati l’estate scorsa
Locarnese
13 ore

Berzona, fiamme nel Centro servizi onsernonese

Il fuoco ha causato danni ingenti nel vano tecnico dello stabile che ospita anche la sede del locale corpo pompieri
Mendrisiotto
14 ore

Sarà un quadriennio in salita per le finanze di Chiasso

A pesare da qui al 2024 introiti fiscali in discesa e indebitamento in crescita. E il Municipio è preoccupato per i possibili disavanzi
Luganese
14 ore

Luci rosse, Iceberg e Moulin Rouge uniti da una passerella

I due locali presentano una domanda di costruzione per creare un collegamento e offrire una maggiore discrezione ai clienti
Mendrisiotto
14 ore

Porte aperte al museo della civiltà contadina di Stabio

Tante le attività in programma domenica 3 ottobre. Oltre a due mostre ci sarà un’esposizione di animali e uno street food
Ticino
14 ore

Vaccino, in Ticino non cresce il numero di dosi somministrate

Il Cantone è in controtendenza rispetto alla media svizzera, ma Zanini spiega il motivo: ‘Abbiamo già un alto tasso di persone immunizzate’
Ticino
14 ore

‘Riconoscere l’accreditamento di tesi master nell’esercito’

Lo chiede con una mozione al Consiglio federale il consigliere nazionale Plr Cattaneo: ‘Il mondo è sempre più complesso, le forze armate necessitano specialisti’
Mendrisiotto
14 ore

A Vacallo uno spettacolo itinerante con il Teatro dei Fauni

L’appuntamento è per sabato 9 ottobre con l’esibizione che si svolgerà tra le vie del paese. Non è necessario un certificato Covid
Locarnese
15 ore

Ascona, viabilità al San Materno: nodi da sciogliere

Passaggi pedonali e ciclabili da spostare per aumentare la sicurezza dello svincolo
Grigioni
15 ore

I lavori del passato in mostra al Museo Moesano

L’esposizione sarà visitabile a partire da domenica 3 ottobre
Ticino
15 ore

Sarà una settimana nell’occhio del... radar

Controlli mobili della velocità in 46 località dal 27 settembre al 3 ottobre, semi-stazionari invece in 3: Gordola, Agra e Taverne
Locarnese
15 ore

Calcio Vallemaggia: partita, tessere e spuntino

Le proposte per tifosi e spettatori al Campo La Pineta
Locarnese
15 ore

Viaggia la miniferrovia Minusio-Mappo

Apertura al pubblico (ma solo se non piove)
Bellinzonese
15 ore

Assemblea straordinaria della Filarmonica Alta Leventina

Appuntamento per il 4 ottobre alle 20.30 nell’aula magna delle scuole di Ambrì
Ticino
 
19.08.2021 - 15:520
Aggiornamento : 16:24

Scuola, atelier delle buone pratiche prima del rientro

Tra oggi e domani circa 800 docenti, dei quali un centinaio relatori, a confronto. Bertoli: 'Gli scambi e la condivisione delle esperienze sono importanti'

«È importante che i docenti si parlino tra di loro e si scambino le proprie esperienze, perché nel mondo della scuola le buone pratiche viaggiano proprio grazie a un’autorevolezza che si conquista sul campo». Il direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport Manuele Bertoli è molto felice di come si sta svolgendo la prima giornata dell’atelier delle buone pratiche per l’insegnamento quando, nella pausa prevista alle 10.30, spiega alla ‘Regione’ l’importanza della formazione continua per i docenti: «Con questi atelier i colleghi mostrano come qualcosa di imparato nel loro lavoro quotidiano può essere proposto quando si nota che funziona bene, può essere suggerito sulla scorta del proprio vissuto in classe. Così come viene interrotto o sconsigliato ciò che non porta frutti, ed è positivo che questo sia fatto internamente dal sistema e non dall’alto con commissioni che decidono cosa fare e non fare». 

È il sesto anno che si svolgono gli atelier, e Bertoli ricorda come «la presenza dei docenti è sempre stata alta e pure quest’anno i numeri sono soddisfacenti: circa 800 persone di cui quasi 100 fungono da relatori. Negli insegnanti c’è una grande volontà di scoprire cose nuove e di essere curiosi, tutto ciò permette a chi alle volte è costretto in un piano di studio preciso di modificare modi e contenuti dell’insegnamento in modo al fine di presentare il tutto, in classe, in modo più interessante».

Nuove tecnologie sì, ma in accompagnamento all’insegnamento in presenza

Molti atelier comprendono l’uso delle nuove tecnologie, e questo è un argomento sensibile nel dibattito che riguarda il mondo della scuola. «L’idea non è mai stata e non è di portare la didattica a distanza come prassi, ma intervenire con le tecnologie intese come strumento aggiuntivo - rileva il direttore del Decs -. Ho appena partecipato a una lezione di matematica legata ai nuovi laboratori, dove i docenti di prima media spiegavano l’introduzione di una nuova piattaforma informatica, Moodle, rilevando l’importanza di introdurlo in classe, perché se si facesse a distanza sarebbe problematico». Chiaramente, la pandemia ha rimescolato tutte le carte. «Sì, la pandemia ci ha costretti alla didattica a distanza ed è bene per questo non confondere i due piani, cioè didattica a distanza e nuove tecnologie. Questo modo di insegnamento può avere un suo spazio, anche se non penso assolutamente nella scuola dell’obbligo, magari per assegnare e svolgere dei compiti. Può starci, senza esagerare o innamorarsi per forza perché è una moda. Le nuove tecnologie devono accompagnare e dare un plusvalore all’insegnamento in presenza».

’Il vaccino è la via d'uscita, bisogna saperla prendere’

Insegnamento che ripartirà tra pochi giorni, e al riguardo Bertoli annota come «l’anno scolastico 2021/2022 sarà diverso dal precedente, perché quello che andrà a iniziare tra pochi giorni ha un elemento in più molto importante: la presenza del vaccino. Questo cambia la dinamica delle cose, nel senso che tutti ci siamo accorti che c’è un contagio in ascesa ma che però il problema importante, cioè gli ospedalizzati e le persone più fragili, è legato nella quasi totalità a chi non ha ancora scelto di vaccinarsi». Da qualche parte, quindi, «la via di uscita esiste, bisogna saperla prendere - sottolinea ancora Bertoli -. Per la scuola sarà un elemento importante: ha le stesse regole della società, quindi non si impone niente, ma questo elemento di cambiamento è un dato che non può essere negato e misconosciuto». Sul rapporto tra docenti e allievi, cambiato e reso ancora più intenso dal Covid, il direttore del Decs afferma che «sarà ancora confermata la necessità dei docenti di comprendere l’effetto pandemico sulle fragilità di alcuni allievi. Sarà importante comprendere bene chi si ha di fronte e aiutarlo a essere nello stato migliore per apprendere quanto gli viene insegnato».

Ragazzi (Divisione della scuola): ‘Da tempo uno degli obiettivi è promuovere una paletta più ampia di forme didattiche’

L’importanza di questi appuntamenti viene testimoniata anche dall’aggiunta alla direzione della Divisione della scuola Serena Ragazzi: «L’obiettivo principale degli atelier è di condividere dei percorsi didattici tra pari, e non, come spesso accade, attraverso un formatore o un esperto che propone un corso ai docenti. È interessante che siano proprio gli insegnanti a presentare ai propri colleghi le esperienze fatte in classe. Ci si situa a un altro livello - prosegue Ragazzi - ed è proprio questa la carta vincente. Spesso in questi atelier ci si scambia anche del materiale e si fanno fare esperienze ai colleghi, dando così molta importanza alla componente relazionale e alla dimensione pratica». A tutto vantaggio degli allievi, ma anche del docente che può ampliare il respiro della propria didattica: «Già attraverso il Piano di studio della scuola dell’obbligo, implementato ormai da più di cinque anni, uno degli obiettivi era di promuovere un paletta più ampia di forme didattiche, come ad esempio le attività laboratoriali». Per l’aggiunta alla direzione della Divisione della scuola è importante annotare che diverse delle esperienze presentate agli atelier «toccano anche competenze di tipo più trasversale che si sommano a quelle disciplinari: questa combinazione consente al docente di accompagnare gli allievi a comprendere meglio alcuni aspetti del programma e, allo tesso tempo, di favorire un arricchimento dal punto di vista personale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved