l-aeroporto-di-lugano-naviga-in-cifre-nere
Il garbuglio sull'aeroporto pare si sia sciolto (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
5 ore

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
5 ore

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
8 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
8 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
9 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
9 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
9 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
9 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
9 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
10 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Ticino
10 ore

Il Ps: ‘Nei media le donne sono sottorappresentate’

Lettera aperta dei socialisti che denunciano: ‘Nella Svizzera italiana solo il 21,5% delle persone menzionate sono donne. Serve un cambio di paradigma’
Locarnese
10 ore

Al via il mese della castagna in Verzasca

Eventi legati all’albero e al frutto che nel passato garantivano il sostentamento della popolazione
Locarnese
10 ore

Tiratori veterani, campionato ticinese a Quartino

Gare in due poligoni per aggiudicarsi i titoli. Non ci sarà il tradizionale pranzo
Locarnese
10 ore

Magadino e Locarno, per Haiti

Dalla polenta per raccogliere fondi alla consegna, da parte del vescovo, del mandato ai nuovi missionari
Locarnese
10 ore

Colazione donne sul tema ‘Io ci sono’

Tornano le occasioni d’incontro e scambio nel Locarnese
Luganese
15.09.2021 - 17:060
Aggiornamento : 19:49

L’aeroporto di Lugano ‘naviga in cifre nere’

Filippo Lombardi, titolare del dicastero: ‘Lo scalo non grava sui conti della Città’. Intanto, il Consiglio di Stato respinge tutti i ricorsi pendenti

Esprime fiducia e ritiene che occorra prendersi il tempo di riflettere a fondo su quale sia la strada migliore per il futuro dell’aeroporto di Lugano-Agno. Queste le parole del titolare del Dicastero cittadino Filippo Lombardi che anticipa a ‘laRegione’ una primizia: «La gestione pubblica dello scalo, per il momento, non sta gravando sui conti della Città e anzi finora registriamo conti in attivo. Da quando il Municipio ha ripreso la conduzione della struttura, sono stati contenuti i costi, l’aviazione generale sta andando bene e, a contribuire alla riduzione delle spese, c’è stata pure la sospensione dei voli di linea (anche se la loro riattivazione resta un obiettivo)». Per questa ragione, «occorrerà valutare bene i prossimi passi da intraprendere», osserva il municipale alla luce dei cinque ricorsi respinti dal Consiglio di Stato, notizia anticipata da tio.ch che ha riferito l’esito di tutte le contestazioni pendenti da mesi. Lombardi auspica che i due gruppi Northern Lights e Team Lug (nel frattempo divenuti alleati), patrocinati dall’avvocato Tuto Rossi, non presentino un altro ricorso al Tribunale amministrativo cantonale (Tram).

‘Il garbuglio pare si stia sciogliendo’

Entrambi i gruppi hanno contestato la possibilità concessa dal Municipio di aggiornare i progetti presentati lo scorso autunno e le modalità di comunicazione in merito al nuovo gruppo di esperti che dovrà valutare nuovamente le proposte. Il Consiglio di Stato ha ritenuto irricevibili entrambi i ricorsi, siccome non avevano ragione di contestare la decisione municipale dello scorso maggio quando la Città aveva risolto di annullare la risoluzione con la quale intendeva chiedere al Consiglio comunale di poter intavolare trattative per la gestione privata di Lugano Airport con il Gruppo Amici dell’aeroporto e la cordata Crameri, Marending, Malgorani e Artioli. «Il garbuglio pare si stia sciogliendo, visto che gli altri tre ricorsi pendenti contro la decisione municipale presa in gennaio sono stati ritenuti decaduti dal governo cantonale, dopo che in maggio l’esecutivo l’aveva ritirata – dichiara Lombardi –. Intanto, ci siamo portati avanti su due dossier». Quali? «Assieme all’Ufficio federale dell’aviazione civile (Ufac) abbiamo riattivato la procedura di revisione della scheda di coordinamento del piano settoriale dell’infrastruttura aeronautica (Psia) per l’aeroporto di Lugano-Agno – risponde il capo dicastero aeroporto –. In collaborazione con l’autorità cantonale, per fare posto al tracciato della futura strada di circonvallazione Agno-Bioggio che corre lungo il fiume Vedeggio, stiamo inoltre studiando un’alternativa allo spostamento delle strutture per l’avvicinamento strumentale alla pista, con il nuovo sistema di avvicinamento satellitare».

Tre contestazioni decadute, due irricevibili

Ma torniamo ai cinque ricorsi. Il fatto che siano stati respinti non significa necessariamente che si è finalmente sbloccata la procedura di attribuzione ai privati della gestione dell’aeroporto di Lugano-Agno avviata dal Municipio cittadino oltre un anno fa. Occorre attendere che crescano in giudicato le sentenze del Consiglio di Stato che ha dichiarato irricevibili i ricorsi inoltrati da “Northern Lights“ (condotta dagli imprenditori Damian Hefti e Andrea Burkhardt) e “Team Lug” (con alla testa l’avvocato Nicola Brivio con la socia di cordata Raffaella Meledandri), due dei sei concorrenti che parteciparono alla "Call for expression of interest” che nel frattempo si sono alleati. Anche le altre tre contestazioni, due delle quali sempre inoltrate dalle due cordate appena citate, non sono state accolte dal governo cantonale. Entrambe, prima di allearsi, avevano contestato, con un ricorso al Consiglio di Stato, l’esclusione da parte dell’autorità politica cittadina, che lo scorso 28 gennaio aveva ripescato il progetto del gruppo guidato da Artioli e Marending e le modalità di comunicazione della Città.

La ripartenza dall’apertura delle buste

La decisione della Città, lo ricordiamo, aveva fatto parecchio discutere, siccome si era discostata in parte dalla scelta del Gruppo di lavoro incaricato di giudicare i dossier presentati, che aveva indicato al Municipio di preferire unicamente il progetto presentato dagli “Amici dell’aeroporto”. Ma l’esecutivo aveva incluso anche la cordata legata all’imprenditore Stefano Artioli, salvo poi fare marcia indietro proponendo ai concorrenti di azzerare buona parte della procedura fin lì adottata. Come si ricorderà, la Città decise di ripartire quasi da zero, o meglio, dall’apertura delle buste contenenti i progetti giunti per il concorso, dopo le polemiche, i ricorsi e forse la presa di coscienza che alcune procedure non si sono svolte come avrebbero dovuto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved