ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
2 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
2 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
3 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
3 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
3 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
4 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
4 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
Luganese
4 ore

Cureglia, dopo due anni torna il pranzo per le persone in Avs

Al tradizionale appuntamento hanno partecipato centinaia di cittadini e il Municipio al completo guidato dalla sindaca Tessa Gambazzi Pagnamenta
Locarnese
5 ore

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Bellinzonese
5 ore

Riduzione della sofferenza psicofisica o stress con l’Atte

Il corso di Mindfulness (otto incontri e una giornata intensiva) si terrà a partire dal 18 gennaio al Centro diurno a Bellinzona
Mendrisiotto
5 ore

Lanciata la petizione contro il postribolo a Balerna

Nelle scorse settimane era stata depositata la richiesta per il cambio di destinazione d’uso di un edificio che attualmente ospita un’officina
Bellinzonese
5 ore

A Bellinzona torna la notte di musica live nei bar

Mercoledì 7 dicembre, dalle 19 a mezzanotte in centro città, si terranno 9 concerti in 7 locali
Locarnese
5 ore

Concerto d’Avvento giovedì a Verscio

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, la Chiesa di San Fedele si appresta ad accogliere il tradizionale appuntamento musicale prenatalizio
Locarnese
5 ore

Mercato di Natale in Città Vecchia a Locarno

Dopo due anni condizionati dalla pandemia, si rinnova il tradizionale appuntamento del cuore storico cittadino; 230 le bancarelle allestite
Locarnese
5 ore

L’‘inCanto’ è un Concerto di Natale con il Coro Fat

Sabato 10 dicembre alle 18 appuntamento nella Chiesa parrocchiale di Brione sopra Minusio con l’ensemble diretta dal maestro Gabriele Beltrami
Ticino
6 ore

Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’

Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Locarnese
6 ore

Con Zurich On Ice scende in pista il Fairplay nello sport

A Locarno On Ice denso programma di animazioni per le prossime giornate. Compresa la presenza dei giocatori di Ambrì Piotta e Lugano
Grigioni
6 ore

Oltre allo sci, anche un mercato e San Nicolao a San Bernardino

L’evento è previsto sabato 10 dicembre al Centro sportivo, quando apriranno anche altre piste di fondo
Mendrisiotto
6 ore

Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’

Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Bellinzonese
6 ore

Concerto di gala della Filarmonica di Biasca

Appuntamento in programma domenica 11 dicembre alle 16.30 nella palestra della Scuola professionale
06.07.2021 - 23:42
Aggiornamento: 07.07.2021 - 16:14

Ex Macello di Lugano, tante parole ma niente dibattito

La maggioranza del Consiglio comunale rifiuta la discussione generale. Il sindaco Borradori: 'Non veniamo creduti, questo è avvilente'

ex-macello-di-lugano-tante-parole-ma-niente-dibattito
Lugano serata con poche decisioni di rilievo (Ti-Press)

«Si è mentito sapendo di mentire» secondo il consigliere comunale Demis Fumasoli (Forum Alternativo) e in questo modo «il Municipio e la polizia hanno perso credibilità». Fumasoli ha chiesto trasparenza e cosa è realmente successo quella notte di sabato 29 maggio con lo sgombero e la demolizione di un edificio dell'ex Macello di Lugano. Il sindaco Marco Borradori ha ribattuto: «Abbiamo già risposto ma evidentemente non siamo stati creduti. Non abbiamo mentito. Abbiamo detto ciò che potevamo». Il sindaco ha citato il principio 'In dubio pro reo', «per noi questo non è stato considerato. Noi vorremmo parlare, nessuno di noi vuole trincerarsi dietro la facoltà di non rispondere. Quello che avevo da dire l'ho detto alla stampa dopo l'interrogatorio. Non mi sono mai nascosto di fronte a nessuno. A priori non veniamo creduti, ciò è veramente avvilente. Per la prima volta dopo 31 anni di politica sono stato interrogato dalla magistratura. L'inchiesta dirà quanto è successo». 

Sarà attivata la Revisione interna

In che modo si potrà andrà avanti? «Abbiamo detto che avremmo ordinato lo sgombero e l'abbiamo fatto dopo la terza ingiunzione – ha detto il sindaco –. L'ultima cosa che volevamo fare era la demolizione, ma dopo la manifestazione pacifica è stato occupato uno stabile di proprietà della fondazione Vanoni. Che fare ora? Abbiamo proposto una sede alternativa ma non abbiamo ricevuto risposta. Francamente non sappiamo come comunicare con queste persone senza farci sputare in faccia. Dipende anche da voi. Siamo aperti al dialogo. Non possiamo dire di più di quello ciò che abbiamo comunicato pubblicamente senza essere creduti». Si è sfogato il sindaco di Lugano Marco Borradori rispondendo a due delle tre interpellanze sul tema. In replica Carlo Zoppi ha chiesto la discussione generale. Sara Beretta Piccoli si è detta d'accordo. Alain Bühler (Udc), invece no, mentre Nicola Schönenberger (Verdi di Lugano) ritiene sia una questione di assunzione di responsabilità e di credibilità per cui si è espresso favorevolmente. Contrario alla discussione generale si è espresso per contro Lorenzo Beretta Piccoli, capogruppo Ppd. Stessa linea per Andrea Sanvido (Lega) e nemmeno il Plr è favorevole, troppo prematura ha detto il capogruppo Rupen Nacaroglu. Ai voti, la richiesta di discussione generale è stata respinta: 33 voti contrari e 12 favorevoli. Il sindaco ha pure annunciato che verrà fatto tutto quello che si potrà fare per accertare la verità, audit interno compreso, che per il momento non è stato avviato a causa dell'inchiesta penale in corso. In precedenza Zoppi ha evocato il ruolo istituzionale che ricopre il Municipio, un ruolo che imporrebbe maggiore trasparenza di quanto successo quella sera.

Si studierà come attirare residenti in centro

Dopo un'ora di discussione è stata ritirata la mozione presentata nel 2018 da Simona Buri (Ps) e Danilo Baratti (Verdi), inerente la regolamentazione dei parcheggi ripresa da Carlo Zoppi (Ps). Si chiedeva un censimento dei posti auto (pubblici e privati) sul suolo cittadino e una serie di misure per concedere la possibilità di ridurre il numero di posteggi nelle nuove abitazioni ben servite dai mezzi pubblici. Durante il dibattito è stata ribadita, da parte del Municipio, l'impossibilità di effettuare un conteggio preciso dei parcheggi. Sulle altre misure si era invece già espressa negativamente la maggioranza della Commissione della pianificazione. Luce verde invece alla proposta di introdurre modifiche pianificatorie per incentivare la destinazione residenziale e la promozione degli esercizi alberghieri per evitare lo spopolamento del centro città. Su come procedere si è parlato parecchio. Alla fine il mozionante Lukas Bernasconi (Lega) si è adeguato alle osservazioni del Municipio. Per cui verranno promosse "le verifiche e le conseguenti modifiche pianificatorie atte a incentivare la destinazione residenziale primaria nel centro Città e nei quartieri limitrofi; a tale scopo approfondisce anche la problematica dell’eccessivo numero di uffici vuoti e la possibilità di riconvertirli in abitazioni. I risultati che scaturiranno dai diversi studi in corso, e in particolare dai mandati di studio paralleli per il Piano direttore comunale e per il Lungolago e il centro, forniranno un’utile base". Via libera anche alle misure per mettere in sicurezza via Figino e la zona all'incrocio tra via dei Balconi e via al Municipio a Barbengo.

Continuano gli abbattimenti di edifici che rientrano nel patrimonio culturale della Città e sarebbero da tutelare secondo l’Isos (Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale), ha sottolineato Nicola Schönenberger (Verdi) promotore della mozione 'Tuteliamo subito il patrimonio culturale e il paesaggio urbano di Lugano'. Una mozione che chiede una Zona di pianificazione con il vantaggio di non congelare totalmente l’attività edilizia, ma di bloccare quelle iniziative che renderebbero più difficile o, addirittura, impossibile la revisione dell’atto pianificatorio integrando i contenuti degli oggetti inclusi dall'Isos (Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale). Filippo Lombardi, titolare del Dicastero Sviluppo territoriale ha rassicurato. Non esclude la possibilità di introdurre zone di pianificazione e concorda per la salvaguardia di altri beni oltre a quelli indicati nella lista di 150 oggetti (edifici, costruzioni e impianti, nonché di alberature, pubbliche e private, meritevoli di conservazione).

Nomine nel CdA di Ail, complemento

Sono rimasti dietro le quinte i mal di pancia di alcuni in occasione delle nomine dei membri del Consiglio di amministrazione delle Ail Sa nella seduta di Consiglio comunale di Lugano di lunedì sera. L'esclusione al voto segreto del rappresentante in quota Udc potrebbe avere ripercussioni nell'alleanza con la Lega che ha rivendicato e ottenuto due seggi nel Cda. Nell'area rosso-verde, invece, non si è trattato di una vera e propria esclusione, visto che il capogruppo dei Verdi di Lugano Nicola Schönenberger non figurava fra i candidati. Il Partito socialista nel Cda era rappresentato da Marilena Ranzi Antonioli e per statuto non propone membri che sono in carica come consiglieri comunali, per evitare la spiacevole incoerenza della doppia veste di controllore e controllato. E Schönenberger era nel Cda ma 'in quota' Udc che non aveva rivendicato il posto sebbene ne avesse 'diritto' in base alla chiave di riparto calcolata dopo i risultato elettorali del Consiglio comunale. Tuttavia, ai Verdi di Lugano era stato promessa a parole la sua ricandidatura da parte della municipale Cristina Zanini Barzaghi, dell'ex presidente sezione Raoul Ghisletta e dal capogruppo Carlo Zoppi. Promessa non mantenuta, visto che il designato poi eletto è stato il copresidente sezionale Filippo Zanetti, con il Ps che ha comunque sostenuto anche gli altre tre membri del CdA di Ail Sa che sono in carica come consiglieri comunali: Angelo Bernasconi, Gian Maria Bianchetti e Lukas Bernasconi.

Leggi anche:

Borradori sentito 5 ore: sono tranquillo, la verità uscirà

L’alternativa all’ex Macello? L’ex depuratore di Cadro

Ex Macello di Lugano demolito, la Procura: c'era amianto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved