l-alternativa-all-ex-macello-l-ex-depuratore-di-cadro
L'impianto nel 2017, quando ha cessato di depurare le acque luride della valle del Cassarate (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Riaperta la strada tra Castagnola e la dogana di Gandria

I lavori di sgombero hanno permesso una riapertura della stessa prima del previsto
Ticino
3 ore

Scomparso da Balerna, si cerca il giovane Sissaui Haylem

Il 15enne è stato visto l'ultima volta in data 22 luglio al centro richiedenti l'asilo Pasture
Luganese
4 ore

Oltre la pandemia, la Cina guarda a Lugano e alla Svizzera

Ricevuto a Palazzo Civico Wang Shihting, ambasciatore della Repubblica popolare cinese, accompagnato dalla consigliera della sezione educazione
Mendrisiotto
4 ore

Un'altra serata di cinema al lido di Riva San Vitale

Lunedì verrà proiettato a partire dalle 21:15 il film ‘Raya e l'ultimo drago’. L'entrata è offerta dal Comune.
Mendrisiotto
4 ore

Crisi climatica, il Plr di Chiasso: ‘Il Comune cosa fa?’

I consiglieri comunali interrogano l'esecutivo sulla politica ambientale, con particolare accento sui veicoli elettrici
Locarnese
4 ore

La faggete di Lodano patrimonio mondiale dell'Unesco

La notizia diffusa via Twitter dalla stessa Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura
Luganese
5 ore

Frana a Gandria, servizio via lago straordinario gratuito

Il servizio di navigazione, attivato in seguito all'interruzione del collegamento stradale fra Gandria e il confine, sarà attivo fino alla mattinata di domani
Bellinzonese
6 ore

Primo veicolo elettrico per il Comune di Arbedo-Castione

In dotazione al settore della Logistica, il furgone rappresenta formalmente il primo passo per la sostituzione graduale del parco veicoli comunale 
Locarnese
6 ore

Studenti Dimitri, a Orselina rinvio di una settimana

Lo spettacolo al Parco, previsto questa sera, è stato posticipato a mercoledì prossimo, 4 agosto, sempre a partire dalle 21
Ticino
6 ore

È un'acqua che fa paura: 418 eventi nelle 36 ore

Caduta dal cielo, esondata da fiumi o laghi, ha portato con sé frane, smottamenti, allagamenti soprattutto nel Luganese e a Gudo
Mendrisiotto
7 ore

Tagli alla Burberry, ridotto il numero di licenziamenti

Sindacati e azienda hanno trovato un accordo su un piano sociale e sulle misure di accompagnamento per i dipendenti toccati
Luganese
7 ore

Abusi all'ex Macello: 'Vedevo un'energia che mi attraeva'

Le 'attenzioni' su due bambini al centro autogestito di Lugano: 24enne condannato alle Assise criminali a trenta mesi da scontare in un istituto terapeutico
Bellinzonese
7 ore

Sette porte d'accesso al Parco del Piano di Magadino

È quasi terminato il progetto promosso dall'omonima fondazione. Dopo il primo 'totem' sullo 'stradonino', ne saranno realizzati altri sei entro fine agosto
Grigioni
7 ore

Scontro sulla strada del Maloja, un morto e quattro feriti

Un 61enne italiano è deceduto a causa dell'incidente frontale tra due auto avvenuto ieri sera. Trasportati in ospedale gli altri passeggeri.
Luganese
8 ore

Arosio, Primo agosto al campo sportivo con musica e giochi

L'evento è organizzato dal Comune dell'Alto Malcantone in collaborazione con la società di calcio. L'allocuzione sarà tenuta da Monica Duca Widmer.
Bellinzonese
8 ore

Bellinzona, annullato il concorso per il direttore del Sop

La decisione del Municipio è motivata dal previsto riorientamento di missione e obiettivi del Settore opere pubbliche. Nuovo bando tra fine 2021 e inizio 2022
Locarnese
8 ore

Vaskomplotto ‘live’ (era ora) alla Nuova Pergola

Quartino, venerdì in nuova formazione la cover band di Vasco Rossi con un repertorio decisamente tendente al rock
Locarnese
8 ore

Longevità, le donne dominano. Locarno lo dimostra

Festeggiati in Città i 101 anni di Maria Teresa Picollo Ceresa e i 100 di Elisabeth Schmitt. Entrambe hanno ricevuto l'autorità comunale a casa propria
Bellinzonese
11 ore

Gudo: ‘È una frana del vecchio detrito di dicembre’

Scesi 1000-1200 metri cubi di materiale. La geologa cantonale: 'Non potevamo prevederlo. Ci sono ancora detriti che potrebbero scendere ma il grosso è sceso'
Luganese
 
01.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:58

L’alternativa all’ex Macello? L’ex depuratore di Cadro

È l'ipotesi più papabile sul tavolo del Municipio, che tuttavia non vuole sbilanciarsi. La struttura passerà a breve nelle mani della Città

Ex Macello, e poi? Mentre le vie di Lugano sono ormai quotidianamente percorse dai manifestanti pro-Molino in seguito allo sgombero e alla demolizione del centro sociale, ci si interroga sul futuro dell'autogestione. Già da mesi i servizi comunali erano al lavoro per trovare delle alternative alla sede demolita e che ci siano degli scenari sul tavolo lo hanno confermato i municipali stessi nei giorni scorsi. Un nome non era ancora emerso, solo una localizzazione geografica: il Piano della Stampa. Ebbene, secondo nostre informazioni, quest'alternativa, riconosciuta sin qui come la più papabile, è l'ex impianto di depurazione delle acque di Cadro.

L'impianto non depura più le acque dal 2017

Entrato in servizio nel 1989 e inaugurato ufficialmente due anni dopo, l'impianto – gestito dal Consorzio Depurazione Acque del Medio Cassarate (Cmc) – è stato in funzione fino al 2017. «Il nostro Consorzio ha realizzato una serie di infrastrutture che permettono a tutti i liquami della valle del Cassarate di essere convogliati all'impianto di depurazione delle acque di Bioggio», ricorda il presidente del Cmc Erminio Della Torre. Da allora le acque luride di circa 13'000 persone non sono più convogliate lì, ma l'edificio «non è disabitato, abbiamo lì ancora i nostri uffici, l'archivio». Ciononostante, sempre da nostre informazioni, i servizi della Città si sono recati in loco un paio di settimane fa per ispezionare il sedime. «Sì, con la Città abbiamo un rapporto ottimale e già oggi la Divisione spazi urbani utilizza questi spazi con il nostro accordo». Ma «a noi degli autogestiti non è stato detto nulla, è una novità».

A breve passerà alla Città

Eppure, la costellazione di pianeti potrebbe allinearsi proprio in quella direzione. Sebbene sia ancora formalmente di proprietà del Cmc, il terreno sta per passare al Comune. «Abbiamo fatto la domanda di scioglimento del consorzio – spiega Della Torre –, il Consiglio di Stato l'ha approvata e siamo in attesa che cresca in giudicato: è imminente. Dopo dovranno essere espletate delle formalità già discusse e approvate e in seguito il terreno diventerà di proprietà della Città, come previsto nell'atto di scioglimento concordato con Cantone ed enti consorziati. Dovranno essere espletate ancora delle formalità affinché questo avvenga, ma dovrebbe volerci relativamente poco». Ma neanche allora lo stabile sarà, chiaramente, subito utilizzabile. «Credo che un impianto di depurazione delle acque non rispetterebbe le norme fissate dalla Suva per quanto concerne la messa in pericolo delle persone. Andrebbe fatto un investimento importante e i lavori durerebbero un po'».

Il Municipio non si sbilancia

Sullo scenario abbiamo interpellato anche la capodicastero Sicurezza Karin Valenzano Rossi e il sindaco Marco Borradori. «Siamo a uno stadio dove abbiamo delle alternative sul tavolo, che meritano degli approfondimenti – ci dice la prima –. In parte sono stati fatti quelli che potevamo fare, ma siccome non c'è stato un coinvolgimento per ora degli autogestiti e visto che sul tema non c'è unanimità è importante essere prudenti. Per questo non vorrei che si facesse il nome di nessuna alternativa, perché quella – come le altre – in questo momento si brucerebbe. Sarebbe un'improvvisazione». «Dopo aver esaminato il rapporto del gruppo di lavoro siamo giunti alla conclusione che un'ubicazione è in modo piuttosto decisivo superiore alle altre – svela invece il secondo –, per diversi motivi: dalla raggiungibilità dei trasporti pubblici alle presumibili esigenze dell'autogestione. All'interno del Municipio non c'è unanimità però. Io personalmente inoltre, in questo momento, non mi sento ancora del tutto pronto a trattare sebbene vi sia un'apertura a farlo, bisogna abbassare un po' i toni. Credo quindi che anche la questione dell'alternativa in questo momento sia congelata, anche se c'è».

Valenzano Rossi: ‘Nuovo appello al dialogo’

Eh sì, perché per arrivare a una soluzione condivisa dialogare è indispensabile. «Sì, è fondamentale riaprire il canale di discussione – concorda la municipale – e faccio in quest'occasione un nuovo appello affinché questo avvenga. Fare delle fughe in avanti sulle delle ipotesi che con loro non sono ancora state condivise e che necessiterebbero degli interventi che attiverebbero anche delle risorse della Città per le quali bisognerebbe passare dal Consiglio comunale è prematuro». Un dialogo che da Valenzano Rossi e dall'altro neo-collega Filippo Lombardi è stato già tentato settimana scorsa. «Sì, siamo andati al Macello, avvisando, con l'intento di parlargli. Ci siamo incontrati nel cortile, sono stati gentili, alcuni si sono detti anche sorpresi di questo nostro gesto. Non siamo venuti a dare false speranze sulla loro possibilità di rimanere lì: ho spiegato che c'erano delle decisioni antecedenti dalle quali partire. Ciononostante ho detto che c'erano possibilità di trovare soluzioni alternative insieme e che eravamo lì per quello e che avevamo bisogno di avere un'interlocuzione. Ci hanno risposto che dovevano parlarne in assemblea, gli abbiamo detto che saremmo rimasti lì vicino. Abbiamo atteso per tre ore, non siamo stati interpellati e quindi ce ne siamo andati».

Un mediatore? ‘Meglio dialogare direttamente’

Le difficoltà di comunicazione col Municipio d'altra parte non sono una novità. Non sarebbe quindi il caso, Marco Borradori, di rivolgersi a un mediatore così come richiesto ad esempio dalla municipale Zanini Barzaghi? «In questo momento non lo vedo bene. Sarebbe difficile trovare qualcuno che non sia o tendenzialmente dalla nostra parte o tendenzialmente dalla loro. Credo che si possa arrivare a dialogare direttamente e preferirei quell'opzione. Chiaramente non sarà facile. E anche il Cantone deve fare la sua parte, non fosse altro che perché ha firmato anch'esso la convenzione. E non è questione che riguarda solo Lugano. Io resto ottimista comunque. Da sempre ci vuole una crisi per far ripartire le cose». E anche Valenzano Rossi concorda sulla figura del mediatore: «Io vorrei che parlassero con noi. Se si tratta di andare alle loro assemblee, lo farò».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved