WAS Capitals
5
COL Avalanche
2
3. tempo
(2-1 : 2-1 : 1-0)
PIT Penguins
1
DAL Stars
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
NJ Devils
3
SEATTLE KRAKEN
1
2. tempo
(2-0 : 1-1)
TB Lightning
1
FLO Panthers
2
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 1-1)
MON Canadiens
0
SJ Sharks
4
2. tempo
(0-3 : 0-1)
BUF Sabres
4
VAN Canucks
2
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 2-0)
DETROIT RED WINGS
0
COB Jackets
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
CHI Blackhawks
0
NY Islanders
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
NAS Predators
0
LA Kings
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
MIN Wild
2
WIN Jets
2
1. tempo
(2-2)
EDM Oilers
0
ANA Ducks
1
1. tempo
(0-1)
ex-macello-di-lugano-demolito-la-procura-c-era-amianto
Le macerie continuano a far discutere (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso

Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
6 ore

Risanamento Ipct, i sindacati non esultano

Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
6 ore

Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista

Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
7 ore

Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa

Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Luganese
7 ore

Torricella-Taverne, il Municipio torna alla collegialità

Dopo la polemica pubblica, la segnalazione agli Enti locali e il rimpasto dicasteriale, l’esecutivo torna sulla collegialità e sulla confidenzialità
Luganese
7 ore

Ha truffato il principe di Genova, condannato a 24 mesi

La sentenza è stata emessa dalla Corte delle Assise criminali di Lugano nei confronti di un 66enne che gli ha sottratto 817mila franchi
Ticino
8 ore

Covid Pass, cinque le multe in Ticino

Sono 531 i controlli effettuati dalla polizia da quando è entrato in vigore l’obbligo del certificato nella ristorazione
Bellinzonese
8 ore

Fc Lugano femminile, 50 anni di vita racchiusa in una mostra

A Vezia giovedì 21 ottobre si inaugura un’esposizione sulla storia della squadra e le sue protagoniste
Bellinzonese
9 ore

Ppd Giubiasco e Valle Morobbia in assemblea

Appuntamento per mercoledì 27 ottobre alle 20 all’Angolo d’Incontro
Locarnese
9 ore

Moscia-Acapulco, Gordola ricorre al Gran Consiglio

Il Municipio contesta la chiave di riparto Cantone-Comuni per il finanziamento della galleria, che non godrebbe di alcun sussidio federale
Grigioni
9 ore

Santa Maria nel Parco Val Calanca? ‘Un valore aggiunto’

Stando al direttore Henrik Bang e a uno studio di fattibilità, l’estensione del perimetro valorizzerebbe il patrimonio naturale e culturale
Luganese
10 ore

Tumore al seno, sensibilizzazione alla diagnosi precoce

Incontro pubblico promosso dal Centro di senologia della Clinica Sant’Anna in occasione di ‘ottobre rosa’ il 27 ottobre
Locarnese
10 ore

Gambarogno, per quel terreno vecchi accordi troppo vaghi

Di proprietà del Comune, ospita stabili patriziali e in futuro forse sarà usato per l’ampliamento della discarica di inerti. Pronta una Convenzione
Locarnese
10 ore

Locarno, un semaforo e due taxi: la Lega interroga

Dubbi sull’utilità dell’impianto in via Franzoni e domande su tassisti provenienti da fuori città
Luganese
10.06.2021 - 16:560
Aggiornamento : 11.06.2021 - 09:42

Ex Macello di Lugano demolito, la Procura: c'era amianto

Il Municipio: 'Mai dato luce verde all'abbattimento totale dello stabile'. L'intervento è stato prospettato dalla polizia ma 'era di natura minore'

C'era l'amianto. Potrebbe aggravarsi l'inchiesta penale aperta sulla demolizione dell'ex Macello, sede degli autogestiti, ordinata dalla maggioranza del Municipio di Lugano la notte tra il 29 e il 30 maggio. Il Ministero pubblico comunica in una nota, "che sono giunti i risultati dei primi prelievi ordinati dagli inquirenti ed effettuati in superficie sull'area dell'ex Macello posta sotto sequestro limitatamente alle macerie. Gli esami hanno confermato la presenza puntuale di alcuni materiali contenenti amianto e idrocarburi policiclici aromatici (PAH) in singoli oggetti che non sono presenti in quantitativi importanti rispetto alla massa delle macerie e dei rifiuti. L'inchiesta cercherà di stabilire se vi sia stata una concreta messa in pericolo dell'integrità delle persone e dell'ambiente al momento dell'abbattimento dell'edificio". Ancora la Procura aggiunge: "Ulteriori prelievi in profondità sono già stati disposti. In ogni caso, secondo la Sezione protezione aria, acqua e suolo, grazie alle operazioni di messa in sicurezza precauzionale del 02.06.2021, l'area delimitata e sottoposta a sequestro è da considerarsi sicura e priva di effetti dannosi per la popolazione e l'ambiente".

Il Municipio: l'intervento sull'immobile riguardava solo il tetto 

"Nel merito dello sgombero e della successiva demolizione dell’edificio dell’ex Macello di Lugano avvenuto nella notte fra il 29 e il 30 maggio, il Municipio precisa che l’intervento sull'immobile, prospettato verso le 21.30 dalla Polizia per ragioni di sicurezza delle persone, era di natura minore e riguardava sostanzialmente il tetto e non la demolizione completa dello stabile". In una nota stampa, l'esecutivo conferma l'anticipazione di cui abbiamo riferito nei giorni scorsi e spiega che quest’ultima opzione non gli è mai stata sottoposta nei giorni precedenti alla manifestazione né la notte dei fatti. Il Municipio non ha quindi mai autorizzato la demolizione completa dello stabile. Al fine di chiarire la dinamica di quanto accaduto, la Città ha deciso di aprire un’inchiesta interna per complementare alle procedure penali e amministrative in corso.

Autogestione, nuova apertura al dialogo

Nel comunicato, il Municipio conferma nuovamente la sua disponibilità a dialogare con tutte le diverse realtà autogestite presenti in città "che negli scorsi giorni si sono fatte avanti e desiderano essere riconosciute e sostenute nelle loro attività. Condizione imprescindibile è quella del rispetto della convivenza civile e delle leggi vigenti. L’auspicio è che approfondimenti e accordi anche su questo tema possano essere condivisi nel quadro di una nuova convenzione. Ciò che ha portato alla decisione di sgombero è infatti stata una serie di derive illegali che la Città non ha potuto, non può e non potrà neanche in futuro tollerare". Quale possibile sede alternativa, l'esecutivo aveva già avviato approfondimenti per trovare un luogo che potesse sostituire l’ex Macello, per il quale come noto, era stato deciso, prima delle elezioni del 18 aprile, lo sgombero. Il gruppo di lavoro della Città e del Cantone ha identificato, fra altre possibili soluzioni, il sedime del Consorzio Medio Cassarate: i servizi comunali stanno ora portando a termine i necessari studi di fattibilità. Agli occhi della Città, si tratta di un’ipotesi interessante e concreta, che andrà in ogni caso discussa e consolidata con le realtà autogestite presenti a Lugano.

Ok alla mediazione e al recupero degli effetti personali

Il Municipio ritiene opportuna la mediazione fra istituzioni e autogestione che permetta di trovare soluzioni in tempi ragionevoli, accoglie quindi favorevolmente la possibilità - oggetto anche di atti parlamentari in Gran Consiglio – di impostare tale attività; la Città ritiene, in particolare, che il coinvolgimento del Cantone alla ricerca di soluzioni resti necessario. L'esecutivo informa inoltre che a breve la Città organizzerà - nel rispetto delle disposizioni emanate dalla Magistratura - la possibilità di recuperare effetti personali, mobilio e libri rimasti negli spazi dell’ex Macello. Il Centro sociale autogestito del Molino-Csoa occupava, infatti, anche buona parte degli edifici esistenti, il cui accesso è attualmente precluso. In questi spazi sono custoditi beni che potranno essere recuperati. Per la presa di contatto e recupero degli effetti personali si chiede agli interessati di annunciarsi all’indirizzo mail effettipersonali@lugano.ch tramite il quale saranno comunicate le informazioni di dettaglio (giorno, orario, luogo e modalità di recupero).



Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved