un-audit-esterno-per-fare-chiarezza-sull-ex-macello
L'ex... ex macello (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora

Coronavirus, giornate di vaccinazione per adolescenti

Finora circa 500 ragazzi tra i 16 e i 17 anni si sono annunciati per ricevere il vaccino
Ticino
2 ore

Covid, 3 positivi in Ticino nelle ultime 24 ore

Nessuna nuova vittima e nel cantone rimane un solo paziente ricoverato per il coronavirus
Ticino
7 ore

Doppia denuncia al Ministero pubblico per Philipp Plein

Segnalato lo stilista tedesco con base a Lugano per presunta violazione alla Legge sul lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti
Video
Luganese
7 ore

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento
Ticino
14 ore

Il confine tra molestia e complimento

Il sessismo si nasconde anche tra le parole e gli apprezzamenti non desiderati
Locarnese
15 ore

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Aeroporto di Locarno, a distanza di parecchi anni ancora non sono iniziati i lavori di rifacimento. Il Cantone rassicura: 'non l'abbiamo dimenticato in un cassetto'
Grigioni
17 ore

'Verdabbio non aveva terreni agricoli, da qui si passava per forza'

Terminati i lavori di conservazione finalizzati a risanare l'antica mulattiera e cinque cappelle votive. 'Forte testimonianza per le generazioni future'
Mendrisiotto
18 ore

Alunni di Coldrerio alle prese con api e francobolli

Dalla collaborazione con il Circolo filatelico del Mendrisiotto e due classi elementari sono nati degli esemplari originali
Luganese
18 ore

Aeroporto, alleanza fra Team Lug e Northern Lights Ag

Entrambe le cordate sono in corsa per la gestione privata della struttura e avevano contestato contro la scelta di due gruppi da parte della Città
Luganese
10.06.2021 - 15:550
Aggiornamento : 16:19

Un audit esterno per fare chiarezza sull'ex Macello

La richiesta al Municipio di Lugano avanzata da un'interpellanza sottoscritta da un gruppo di consiglieri Ps e Pc, Movimento Ticino&Lavoro e Verdi

Un audit esterno sullo sgombero e soprattutto sulla demolizione dell’ex Macello. A richiederlo a gran voce al Municipio di Lugano, in forma di interpellanza, un gruppo di consiglieri Ps e Pc, Movimento Ticino&Lavoro e Verdi. "Non si tratta soltanto d’impegnare l'esecutivo a una maggiore presa di responsabilità nel chiarimento della controversia – scrivono – ma anche di un esercizio che potrebbe eventualmente servire a identificare e a correggere quelle disfunzioni amministrative, istituzionali e politiche di fondo che potrebbero avere contribuito a determinarla; ciò, ad esempio, per quanto concerne anche il fondamento e la portata delle deleghe decisionali accordate dal Municipio all’amministrazione comunale, compresa la Polizia comunale". 

Lo sgombero e la demolizione parziale dell’ex Macello avvenuti nella notte tra il 29 e il 30 maggio stanno, infatti, continuando a tenere banco non solo sulla scena politica luganese: "Questi avvenimenti, oltre ad avere avuto un notevole impatto sulle prospettive future dell’autogestione, sono stati accompagnati da una serie di gravose incognite circa l’agire delle autorità. Non a caso, la vicenda si vede già al momento oggetto di una querela penale, di un’istanza d’intervento alla Sezione degli enti locali e di svariati atti parlamentari" non mancano di ricordare i consiglieri comunali. A suscitare seri interrogativi, soprattutto, "il fatto che, stando a quanto emerso dalla stampa, uno scenario di tale portata fosse già stato previsto in precedenza dalla Polizia comunale, senza tuttavia che il Municipio nella sua interezza e in qualità di organo collegiale fosse mai stato effettivamente coinvolto. Altrettanto problematica è inoltre la constatazione secondo la quale, come confermato anche da alcuni municipali, la stessa decisione di demolire l’ex Macello sarebbe stata presa soltanto all’ultimo momento e consultando unicamente una parte dell’Esecutivo. Non da ultimo, sono numerose le preoccupazioni che sorgono in relazione all’intervento effettivo di demolizione, a partire dall’assenza di un accertamento relativo alla presenza di sostanze nocive, dall’esistenza o meno di un caso d’urgenza e dal mancato coinvolgimento del Dicastero immobili della Città". 

Da qui la richiesta di un audit esterno. Per quale scopo in particolare? "Allo scopo di meglio accertare anche quegli aspetti e quelle problematiche che – non assumendo necessariamente un rilievo specifico ai fini del perseguimento penale e della vigilanza amministrativa esercitata dalla Sel – interessano nella fattispecie i processi decisionali e di controllo interni al Comune, indipendentemente dall'esito delle inchieste in corso riteniamo necessario aprire a tempo debito", è la spiegazione degli interpellanti che ricordano come "il Regolamento comunale istituisce un Servizio di revisione interna, finalizzato anche a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance".

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved