autogestione-a-lugano-dialogo-necessario-ma-ora-difficile
Il foglio, tenuto in mano da Iared Camponovo, prova che la petizione è stata ricevuta (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
32 min

Si riunisce l’Associazione dei Comuni del Generoso

Assemblea annuale alla Masseria Cuntitt a Castel San Pietro. Piatto forte saranno i consuntivi 2021
Mendrisiotto
1 ora

Due incontri per introdurre alle formazioni sociosanitarie

La Fondazione youLabor di Chiasso presenta cinque profili professionali per il reinserimento sociale
Ticino
1 ora

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l‘uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ’Controlli delle paritetiche senza senso e vessatori’
Ticino
2 ore

Finiscono le vacanze, ricominciano le colonne al Gottardo

Il rientro dal ponte dell’Ascensione sta causando colonne fino a 11km fra Faido e Airolo con tempi di attesa intorno alle 2 ore
Locarnese
3 ore

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
3 ore

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
3 ore

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
20 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
21 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
1 gior

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
07.06.2021 - 18:12
Aggiornamento : 21:41

Autogestione a Lugano: 'Dialogo necessario ma ora difficile'

Parla Iared Camponovo, portavoce di ACT by Campax che ha consegnato oggi a Palazzo Civico oltre 6'000 firme a favore di un centro sociale

Sono state consegnate nel primo pomeriggio di oggi alla cancelleria di Lugano le 6'042 firme raccolte online nel giro di una settimana allegate alla petizione a sostegno dell'autogestione in città. Dopo lo sgombero e la demolizione dello stabile che ospitava alcuni autonomi del Molino, le attività promosse in piazza e la manifestazione di sabato scorso, restano oscuri i retroscena che hanno spinto la maggioranza del Municipio a dare il via libera alle ruspe. Sono diverse le domande alle quali l'esecutivo non è disposto a rispondere pubblicamente. Tra queste, spicca la presunta presenza di amianto nello stabile raso al suolo, anche se a pochi giorni dai fatti è giunta la parziale smentita sulla base della perizia ordinata dall'autorità cittadina. Ma c'è pure il fatto che una discussione all'interno del Municipio è stata fatta sull'ipotesi di sgomberare e demolire, per ragioni di sicurezza (e per evitare un 'rientro' degli autonomi) una parte di quell'edificio (il tetto e una parte di un muro) ben prima di sabato 29 maggio. Sarà l'inchiesta penale avviata dal Ministero pubblico a fare chiarezza. Nel frattempo, la controversa decisione ha alimentato il supporto all'esperienza del centro sociale che ora continua nelle strade e nelle piazze di Lugano. Oltre all'annunciata assemblea prevista stasera alle 19 in piazza della Riforma, come detto oggi è stata consegnata una petizione.

Petizione sottoscritta da luganesi

Le firme sono state portate a Palazzo Civico da Iared Camponovo, responsabile della piattaforma per petizioni ACT by Campax di Zurigo che conduce campagne proprie su temi scelti. A lui abbiamo rivolto alcune domande. Chi sono i promotori di questa iniziativa? «I promotori sono cittadini che vivono a Lugano e di una certa età. Persone che hanno vissuto l’autogestione negli ultimi vent’anni. Queste persone, a causa della sensibilità del tema e del fatto che il Ticino è molto piccolo, hanno preferito non esporsi in prima linea», ha risposto Camponovo. Qual è l'obiettivo della petizione? «La petizione è solamente una parte di tutto un processo in atto. Servirà più che altro ad aumentare la pressione sulla politica e fare in modo che non si nasconda la questione sotto il tappeto troppo in fretta visto l'interesse al tema». Le chiedo un commento sulla manifestazione di sabato e sulle attività che ora vengono svolte su suolo pubblico. «La manifestazione di sabato scorso è stata tutto sommato tranquilla, molto partecipata, colorita e, a parte qualche episodio da condannare, la maggior parte delle persone è scesa in strada per manifestare il proprio dissenso in maniera pacifica in merito a quanto successo sabato 29 maggio. Sono personalmente contento di come stanno evolvendo le cose e che ci siano quotidianamente azioni che restano pacifiche. Siamo sulla buona strada per arrivare a delle trattative con l'autorità per un nuovo spazio autogestito».

'Centro sociale in città, non ai margini'

Il dialogo fra le parti è un punto però dolente. Oggi, pare tuttavia che non ci siano, almeno a breve termine, margini per riattivarlo, da parte degli autonomi (o di una parte di essi). È questa la differenza rispetto a 19 anni fa, dopo lo sgombero del Maglio ordinato dal Consiglio di Stato nel 2002, quando lo scenario fu simile. Lei cosa ne pensa? «Il dialogo è senz'altro importante. È difficile però dialogare con chi ti ha distrutto la tua casa, o il tuo luogo di ritrovo. Credo che per riattivarlo occorra una mediazione da parte di una persona esterna. È importante che anche i 'molinari' si rendano conto della necessità di discutere con l'autorità. Capisco che ora è complicato, ma bisogna uscire da questo conflitto». Cosa ne pensa della proposta di sede alternativa (l'ex depuratore del Consorzio Depurazione Acque del Medio Cassarate in territorio di Cadro, lungo il piano della Stampa) fatta dal Municipio di Lugano al Molino? «Non prendo posizione a nome del Csoa. Personalmente, posso dire che è una proposta, ma ci tengo a far sapere che l'autogestione non deve'essere marginalizzata ai confini della città. Anche in altre realtà urbane svizzere, l'autogestione avviene nelle città, non ai margini. Non ho idea di cosa deciderà Il Molino, comunque l'autogestione deve far parte di aree urbane».

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

‘Fuori dall'ex Macello, il Molino torna in piazza’

Clima festoso, oltre 2000 in centro per l'autogestione

Ex Macello, la perizia parziale: non c'è amianto nei detriti

Il Ministero pubblico sequestra l'ex Macello di Lugano

L’alternativa all’ex Macello? L’ex depuratore di Cadro

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
6042 firme dialogo ex macello iared camponovo lugano molino petizione
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved