Venezia
Torino
20:45
 
LECHEMIA E./LOHOFF J.
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
21:00
 
ex-macello-capigruppo-del-cc-a-palazzo-civico
Il cantiere e le macerie poste sotto sequestro per ordine del Ministero pubblico dopo la denuncia per la demolizione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
2 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
2 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
2 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
2 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
3 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
3 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
3 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Luganese
17.06.2021 - 17:590
Aggiornamento : 20:21

Ex Macello: capigruppo del Cc a Palazzo Civico

Riunione informale oggi in seduta fra Municipio e legislativo per discutere della 'crisi' istituzionale innescata dalla demolizione.

Una chiacchierata informale per discutere di alcuni risvolti istituzionali preoccupanti, originati dai fatti capitati nella notte fra il sabato 29 e domenica 30 maggio a Lugano, con lo sgombero e la demolizione di un edificio dell'ex Macello. Nella riunione andata in scena oggi a Palazzo Civico si è parlato anche di come riannodare il dialogo con la realtà autogestita. Alla riunione hanno partecipato il Municipio guidato dal sindaco Marco Borradori e i capigruppo in Consiglio comunale. Alla richiesta partita lo scorso 3 giugno, l'esecutivo ha acconsentito ma l'incontro si è potuto organizzare solo oggi. Nel frattempo, sono emerse versioni dei fatti contraddittorie e soprattutto l'esito del primo esame ordinato dal Ministero pubblico che ha accertato la presenza di amianto e altre sostanze nocive, seppur in quantità minime. Oggi, le parti si sono scambiate informazioni e opinioni senza entrare nel merito dello sgombero e della successiva demolizione, oggetto di un'inchiesta penale coordinata dal Procuratore generale Andrea Pagani coadiuvato dal Procuratore capo Arturo Garzoni. Il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi e il comandante della Polizia Matteo Cocchi non hanno partecipato a questa riunione ma erano a Palazzo Civico per incontrare informalmente la titolare del Dicastero sicurezza Karin Valenzano Rossi e il vicesindaco Michele Foletti in merito a un progetto in corso relativo alla riorganizzazione delle polizie. Nell'incontro non è stata trattata la questione ex Macello.

Fra perdita di credibilità e strumentalizzazioni

Dalla riunione non sono emersi elementi eclatanti. Da parte loro, i capigruppo hanno voluto marcare presenza e manifestare al Municipio la propria preoccupazione relativa alla perdita di credibilità delle istituzioni e al danno all'immagine della città. Alcuni capigruppo hanno invitato l'esecutivo a cercare un canale o una maniera per riuscire a dialogare con le persone attive all'ex Macello. Altrimenti, sarà privo di senso e inutile proporre soluzioni logistiche alternative. D'altro canto, l'esecutivo è parso ad alcuni sulla difensiva nei confronti delle anticipazioni fornite dai media nei giorni scorsi. Anticipazioni che non farebbero altro che alimentare dubbi e sospetti sull'operato del Municipio, secondo cui la questione sarebbe oggetto di strumentalizzazioni di natura politica che starebbero distruggendo la pace sociale. L'esecutivo è parso ad altri un po' capriccioso e avrebbe sottovalutato la portata politica di quanto capitato quella notte, al di là dell'inchiesta penale in corso. Come detto, dall'incontro non sono emerse novità di rilievo.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved