BUF Sabres
Seattle Kraken
01:00
 
MON Canadiens
VAN Canucks
01:30
 
WIN Jets
ARI Coyotes
01:30
 
PHI Flyers
0
NY Islanders
0
fine
ex-macello-un-tetto-si-smonta-a-mano-non-con-le-ruspe
Dal web
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, niente quote rosa nell’Amministrazione

Bocciata la mozione Ps. Il Municipio garantisce di monitorare la situazione sulla parità di genere e assicura di voler migliorare
Mendrisiotto
1 ora

Il Ppd di Mendrisio rilancia con una doppia presidenza

A guidare la sezione sono l’ex municipale Manuel Aostalli e una donna, la consigliera Davina Fitas
Bellinzonese
2 ore

Anche Cima Piazza a Giubiasco sarà Zona d’incontro a 20 km/h

Lo ha deciso il Cc di Bellinzona accogliendo la mozione Minotti-Orlandi. Parco giochi nel frattempo già arricchito di scivolo e altalena-cestone
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona si doterà di un Regolamento sociale

Il Consiglio comunale approva la mozione Lucchini. Il Municipio si era dichiarato contrario
Bellinzonese
3 ore

Aiuto alla nuova Valascia, da Bellinzona 250’000 franchi

Il Cc ha votato il compromesso indicato dal Ppd, con l’accordo anche del Municipio che proponeva mezzo milione
Bellinzonese
3 ore

Proteste contro Gobbi alla biblioteca cantonale

Una decina di persone ha manifestato in occasione di una conferenza pubblica sul tema violenza domestica
Ticino
3 ore

‘Misure occupazionali che siano rinnovabili nel tempo’

Mozione di Gina La Mantia (Ps) per le persone che non possono essere ricollocate o riqualificate
Luganese
4 ore

Capriasca, panettonata offerta e accensione dell’albero

Mercoledì sono in programma due appuntamenti all’interno del ricco programma ‘Natale in Capriasca’
Ticino
4 ore

Partito comunista, Massimiliano Ay confermato segretario

Rinnovato il comitato centrale con l’entrata di quattro ventenni. Votata una risoluzione di solidarietà a favore dei drivers
Luganese
4 ore

Tresa, Contrappunti in concerto per Natale

Il coro si esibirà sabato 4 dicembre alla chiesa San Bernardino di Ponte Tresa e per sabato 11 dicembre alla chiesa San Martino di Sessa
Luganese
5 ore

‘Il suo sogno era girare il mondo con uno zaino in spalla’

Scomparso tragicamente in Spagna il 23enne Thomas Grimaldi del Malcantone. Numerosi i messaggi di cordoglio da parte dei conoscenti sui social e non
Ticino
5 ore

Giornata del viticoltore, posti solo online

Sarà possibile seguire i lavori in remoto collegandosi in diretta al canale YouTube dell’evento
Luganese
 
12.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15:13

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento

"Demolire il tetto in quella maniera è una cosa che non sta in piedi". E infatti, non è rimasta in piedi, l'ala dell'ex Macello di Lugano finita in macerie lo scorso 29 maggio dopo lo sgombero del centro sociale Csoa Il Molino. Non convince gli addetti ai lavori la spiegazione secondo cui la demolizione del centro sociale luganese sarebbe una inopinata conseguenza di quella che doveva essere la 'sola' demolizione o rimozione del tetto. Precisamente, recita un comunicato del Municipio di Lugano, "L'intervento sull'immobile, prospettato intorno alle 21.30 dalla polizia per ragioni di sicurezza delle persone, era di natura minore e riguardava sostanzialmente il tetto". L'idea dunque sarebbe stata quella di lasciare in piedi il complesso, peraltro destinato a una futura demolizione. Un video che circola sul web mostra invece che le ruspe - o almeno una di esse - quella sera intervennero direttamente sulle pareti, e non certo sul tetto.  Una incomprensione fra chi decise l'intervento e chi lo eseguì? A parte questo aspetto, che si trova al centro dell'inchiesta penale (motivo per cui il ministro Norman Gobbi, responsabile del dipartimento Istituzioni, ancora ieri ha preferito non rispondere a domande sull'argomento) desta perplessità anche la non preparazione, se smontaggio del tetto doveva essere.

"Per noi non sarebbe una demolizione, ma uno smontaggio" ci dicono diversi addetti ai lavori, chiedendo però di restare nell'anonimato. Chi lavora per il Comune di Lugano, chi per altri motivi, nel Luganese c'è pochissima voglia di commentare quanto accaduto il 29 maggio. Inverosimile, per tutti i professionisti da noi sentiti, una demolizione del tetto fatta con un paker.

A debita distanza dal Ceresio qualcuno che accetta di esprimersi lo abbiamo trovato: Nicola Ferrari, direttore dell'impresa di costruzioni Merlini&Ferrari Sa di Minusio. "Noi di operazioni del genere ne facciamo diverse, e la demolizione del tetto non si fa di sicuro con le ruspe. Si fa a mano. Per conto mio è una vergogna, se l'avesse fatto qualcun altro sarebbe stato sul 'Mattino' per dieci settimane di fila... Battute a parte è impossibile demolire il tetto con una ruspa, in sicurezza. Ha fatto specie anche la mancanza di una licenza di costruzione... io l'ho dovuta chiedere per un pollaio a casa mia". "Vedendo questo stabile immagino che ci sarà stata un'orditura di legno, le tegole o la copertura" ci dice Giorgio Cavalli, specialista sempre della Merlini&Ferrari. "Normalmente i lavori fatti 'in quota' vanno valutati anche con un occhio di riguardo alla sicurezza. Una volta fatti i ponteggi bisogna fare in modo che il materiale demolito non cada sui passanti. Dopo si passa a rimuovere gli elementi a mano, che è un lavoro piuttosto costoso, ma non ci sono molte alternative. Prima le tegole, poi il legname, infine la 'grossa orditura', cioè la parte portante. Si può mettere un mezzo di sollevamento, come una gru o un'autogru, dipende un po' dalle dimensioni.  A spanne non sembra un lavoro particolare, sono circa 300 metri quadrati, ci vogliono 6 o 7 operai e il materiale può essere mandato verso il basso con i tubi appositi (che nel filmato non si notano ndr). Il lavoro di demolizione del tetto richiede però il giusto approccio, e una certa attenzione". 

Insomma, se è ormai evidente che le ruspe attaccarono direttamente le pareti, ci sono dubbi che fosse tecnicamente possibile togliere il tetto quella notte, senza la preparazione necessaria. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved