PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
1
2 set
(5-7 : 2-5)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
0
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
1
2 set
(1-6 : 0-0)
ex-macello-un-tetto-si-smonta-a-mano-non-con-le-ruspe
Dal web
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 min

Posteggi per il Meriggio a Losone, c'è qualcosa che non va

Interpellanza del Ppd al Municipio sulla mancanza di stalli e sul traffico nel quartiere Campagne
Mendrisiotto
24 min

Stabio, degustazione di rarità estive con ProSpecieRara

Il centro di San Pietro ospita la cuoca della cucina naturale Meret Bissegger. Aperte le iscrizioni
Mendrisiotto
41 min

Ps Mendrisiotto, costituito l'Ufficio presidenziale

Cariche e ruoli saranno definiti nelle prossime settimane e la sezione, presieduta da Marco D'Erchie, inizierà ufficialmente la sua attività
Mendrisiotto
58 min

Mendrisiotto, un defibrillatore automatico esterno per il Sam

Il Servizio autoambulanza lo ha ricevuto in dono dalla S'nce group, digital agency di Stabio
Mendrisiotto
2 ore

Revocato l'avviso di scomparsa per Haylem Sissaui

La polizia cantonale dichiara che non verranno rilasciate ulteriori informazioni
Mendrisiotto
2 ore

Stabio solidale con le persone colpite da catastrofi naturali

Il Municipio ha deciso di devolvere cinquemila franchi alla Catena della solidarietà
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, LumacaMaca e i suoi amici diventano un memory

Nuova iniziativa solidale di Moreno Colombo a favore della Fondazione Valsangiacomo e della Società svizzera per la Fibrosi cistica
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, è Mario Grassi a lasciare BancaStato

A inizio agosto l'attuale direttore passerà al beneficio della pensione. Gli subentra Marco Soragni
Locarnese
3 ore

Faggete Lodano patrimonio Unesco, il plauso dipartimentale

A un anno e mezzo dall'inoltro della candidatura a Parigi, ufficializzata l'iscrizione nella lista mondiale. Il Cantone: “Impegno per la conservazione”
Luganese
4 foto

Campione d'Italia si è svegliato con un lago di legno

I detriti si sono addensati sulla riva del Ceresio dopo il maltempo delle scorse ore
Ticino
4 ore

Covid-19, 42 persone contagiate in Ticino nelle ultime 24 ore

I ricoverati in terapie intensive sono sempre quattro, registrato un decesso
Luganese
6 ore

A2, mattinata di traffico congestionato causa incidenti

Fra le gallerie del dosso di Taverne e del Monte Ceneri: auto bloccate. Questo è il secondo di due incidenti che hanno provocato disagi alla circolazione.
Luganese
 
12.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15:13

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento

"Demolire il tetto in quella maniera è una cosa che non sta in piedi". E infatti, non è rimasta in piedi, l'ala dell'ex Macello di Lugano finita in macerie lo scorso 29 maggio dopo lo sgombero del centro sociale Csoa Il Molino. Non convince gli addetti ai lavori la spiegazione secondo cui la demolizione del centro sociale luganese sarebbe una inopinata conseguenza di quella che doveva essere la 'sola' demolizione o rimozione del tetto. Precisamente, recita un comunicato del Municipio di Lugano, "L'intervento sull'immobile, prospettato intorno alle 21.30 dalla polizia per ragioni di sicurezza delle persone, era di natura minore e riguardava sostanzialmente il tetto". L'idea dunque sarebbe stata quella di lasciare in piedi il complesso, peraltro destinato a una futura demolizione. Un video che circola sul web mostra invece che le ruspe - o almeno una di esse - quella sera intervennero direttamente sulle pareti, e non certo sul tetto.  Una incomprensione fra chi decise l'intervento e chi lo eseguì? A parte questo aspetto, che si trova al centro dell'inchiesta penale (motivo per cui il ministro Norman Gobbi, responsabile del dipartimento Istituzioni, ancora ieri ha preferito non rispondere a domande sull'argomento) desta perplessità anche la non preparazione, se smontaggio del tetto doveva essere.

"Per noi non sarebbe una demolizione, ma uno smontaggio" ci dicono diversi addetti ai lavori, chiedendo però di restare nell'anonimato. Chi lavora per il Comune di Lugano, chi per altri motivi, nel Luganese c'è pochissima voglia di commentare quanto accaduto il 29 maggio. Inverosimile, per tutti i professionisti da noi sentiti, una demolizione del tetto fatta con un paker.

A debita distanza dal Ceresio qualcuno che accetta di esprimersi lo abbiamo trovato: Nicola Ferrari, direttore dell'impresa di costruzioni Merlini&Ferrari Sa di Minusio. "Noi di operazioni del genere ne facciamo diverse, e la demolizione del tetto non si fa di sicuro con le ruspe. Si fa a mano. Per conto mio è una vergogna, se l'avesse fatto qualcun altro sarebbe stato sul 'Mattino' per dieci settimane di fila... Battute a parte è impossibile demolire il tetto con una ruspa, in sicurezza. Ha fatto specie anche la mancanza di una licenza di costruzione... io l'ho dovuta chiedere per un pollaio a casa mia". "Vedendo questo stabile immagino che ci sarà stata un'orditura di legno, le tegole o la copertura" ci dice Giorgio Cavalli, specialista sempre della Merlini&Ferrari. "Normalmente i lavori fatti 'in quota' vanno valutati anche con un occhio di riguardo alla sicurezza. Una volta fatti i ponteggi bisogna fare in modo che il materiale demolito non cada sui passanti. Dopo si passa a rimuovere gli elementi a mano, che è un lavoro piuttosto costoso, ma non ci sono molte alternative. Prima le tegole, poi il legname, infine la 'grossa orditura', cioè la parte portante. Si può mettere un mezzo di sollevamento, come una gru o un'autogru, dipende un po' dalle dimensioni.  A spanne non sembra un lavoro particolare, sono circa 300 metri quadrati, ci vogliono 6 o 7 operai e il materiale può essere mandato verso il basso con i tubi appositi (che nel filmato non si notano ndr). Il lavoro di demolizione del tetto richiede però il giusto approccio, e una certa attenzione". 

Insomma, se è ormai evidente che le ruspe attaccarono direttamente le pareti, ci sono dubbi che fosse tecnicamente possibile togliere il tetto quella notte, senza la preparazione necessaria. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved