Napoli
2
Cagliari
0
fine
(1-0)
niente-lugano-marittima-decisione-incoerente-e-inopportuna
Il popolare ritrovo estivo nel 2019. Altri tempi... (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Autismo, una nuova casa per la Fondazione Ares

Il centro verrà inaugurato martedì 28 settembre alle 18 in Piazza Buffi 4 a Bellinzona
Ticino
4 ore

Pigioni abusive, iniziativa bocciata

Il formulario proposto dall’Associazione degli inquilini non trova il conforto delle urne. Soddisfatto il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
4 ore

‘Ven scià... Cünta sü!’ premia le prose e le poesie più belle

Sette gli autori dialettali saliti sul palco a Chiasso. E per l’edizione 2022 si annuncia anche un premio della critica
Mendrisiotto
4 ore

Una giornata con la Sat dedicata all’arrampicata

L’appuntamento è per domenica 24 ottobre. L’invito è rivolto a tutti gli interessati. Responsabile di giornata sarà Luciano Mollard
Mendrisiotto
4 ore

Con la Sat al Sassariente e alla Cima del Sassello

La passeggiata, della durata di 4 o 5 ore, è prevista per sabato 9 ottobre. Responsabile di giornata sarà Massimo Costa
Bellinzonese
5 ore

Olivone, annullata la castagnata degli Amici del Sosto

La società guarda al futuro con la speranza di poter riprendere nel 2022 il programma delle manifestazioni completo
Mendrisiotto
6 ore

Grande affluenza e nessun problema al party di Nebiopoli

‘Sorpresi dalla gentilezza’ il commento del presidente Alessandro Gazzani. All’evento, con obbligo di certificato, ha partecipato un migliaio di persone
referendum finanziario
6 ore

Sergio Morisoli: ‘È una doppia vittoria dell’Udc’

Per il padre dell’iniziativa ‘Basta tasse e basta spese’ lo scopo era quello di moderare preventivamente governo e Gran Consiglio. ‘Ci siamo riusciti’
Ticino
6 ore

Lgbtq+: ‘Possiamo festeggiare, anche in Ticino’

Anche il nostro cantone approva il matrimonio per tutti, seppure con una maggioranza più risicata che altrove (53% contro il 64% nazionale)
Luganese
27.05.2021 - 18:090
Aggiornamento : 18:24

Niente Lugano Marittima: ‘Decisione incoerente e inopportuna’

Non solo malumori social, scatta anche l'interrogazione a Lugano sulla scelta del Municipio di non organizzare nulla alla Foce del Cassarate

“Inopportuna e incoerente”. La decisione del Municipio di non organizzare Lugano Marittima, Mojito o altri ritrovi estivi sta scatenando le prime reazioni polemiche. E forse, visto l'appeal dei suddetti eventi e il generale clima di allentamento delle restrizioni, non poteva essere altrimenti. Non solo sui social: ci pensa anche un atto parlamentare a chiedere lumi all'esecutivo. È il consigliere comunale Gianmaria Bianchetti (Lega) ad aver preparato un'interrogazione sull'argomento dal titolo eloquente: “Lugano Marittima, perché perdere un'altra occasione?”.

‘Si  rischiano di nuovo problemi alla Foce’

Sottolineando il miglioramento della situazione epidemiologica e le conseguenti riaperture, “si ritiene poco opportuna ed incoerente la decisione del Municipio di non autorizzare l'apertura di uno degli eventi più attrattivi delle estati luganesi: Lugano Marittima”. Gli aspetti evidenziato nell'atto sono due: uno legato alla movida e l'altro alla sicurezza. “La scorsa estate e negli ultimi mesi si è già potuto constatare quanto possa rivelarsi problematica la zona della Foce, soprattutto durante le serate nei finesettimana. A tale riguardo ricordiamo gli scontri avvenuti con la polizia, la sporcizia lasciata in quella zona e le frequenti risse tra i giovani presenti”. Proprio per questo, “permettere a Lugano Marittima di riaprire al pubblico potrebbe contribuire a riportare ordine in quella zona, consentendo a cittadini e turisti di tutte le età di godere di uno spazio così unico oltreche privilegiato, rispettando ovviamente le prescrizioni dettate dal Consiglio federale, che sono già ora molto più permissive”. Inoltre, “non si può inoltre dimenticare che Lugano Marittima rappresenterebbe, in questi tempi magri, un'apprezzata opportunità economica per diversi esercenti e attività”.

‘Il Municipio torni sui suoi passi’

Cinque le domande poste all'esecutivo. In primis, si chiede di organizzare qualcosa alla Foce per non lasciarla “in balia degli eventi, spesso negativi”; se non si ritiene “contraddittorio il fatto che ristoranti e bar riaprano al pubblico anche i loro spazi interni mentre un luogo aperto come la foce venga invece considerato a rischio”; si chiede poi se davvero la situazione sia da considerarsi a rischio e se invece gli eventi non vadano incentivati; c'è poi la preoccupazione che “lasciare la foce senza alcuna particolare destinazione, non farà altro che creare inevitabilmente assembramenti selvaggi”; per arrivare infine alla richiesta di “ritornare sui propri passi”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved