ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
6 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
7 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
7 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
7 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
7 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
8 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
8 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
8 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
27.05.2021 - 18:09
Aggiornamento: 18:24

Niente Lugano Marittima: ‘Decisione incoerente e inopportuna’

Non solo malumori social, scatta anche l'interrogazione a Lugano sulla scelta del Municipio di non organizzare nulla alla Foce del Cassarate

niente-lugano-marittima-decisione-incoerente-e-inopportuna
Il popolare ritrovo estivo nel 2019. Altri tempi... (Ti-Press/Archivio)

“Inopportuna e incoerente”. La decisione del Municipio di non organizzare Lugano Marittima, Mojito o altri ritrovi estivi sta scatenando le prime reazioni polemiche. E forse, visto l'appeal dei suddetti eventi e il generale clima di allentamento delle restrizioni, non poteva essere altrimenti. Non solo sui social: ci pensa anche un atto parlamentare a chiedere lumi all'esecutivo. È il consigliere comunale Gianmaria Bianchetti (Lega) ad aver preparato un'interrogazione sull'argomento dal titolo eloquente: “Lugano Marittima, perché perdere un'altra occasione?”.

‘Si  rischiano di nuovo problemi alla Foce’

Sottolineando il miglioramento della situazione epidemiologica e le conseguenti riaperture, “si ritiene poco opportuna ed incoerente la decisione del Municipio di non autorizzare l'apertura di uno degli eventi più attrattivi delle estati luganesi: Lugano Marittima”. Gli aspetti evidenziato nell'atto sono due: uno legato alla movida e l'altro alla sicurezza. “La scorsa estate e negli ultimi mesi si è già potuto constatare quanto possa rivelarsi problematica la zona della Foce, soprattutto durante le serate nei finesettimana. A tale riguardo ricordiamo gli scontri avvenuti con la polizia, la sporcizia lasciata in quella zona e le frequenti risse tra i giovani presenti”. Proprio per questo, “permettere a Lugano Marittima di riaprire al pubblico potrebbe contribuire a riportare ordine in quella zona, consentendo a cittadini e turisti di tutte le età di godere di uno spazio così unico oltreche privilegiato, rispettando ovviamente le prescrizioni dettate dal Consiglio federale, che sono già ora molto più permissive”. Inoltre, “non si può inoltre dimenticare che Lugano Marittima rappresenterebbe, in questi tempi magri, un'apprezzata opportunità economica per diversi esercenti e attività”.

‘Il Municipio torni sui suoi passi’

Cinque le domande poste all'esecutivo. In primis, si chiede di organizzare qualcosa alla Foce per non lasciarla “in balia degli eventi, spesso negativi”; se non si ritiene “contraddittorio il fatto che ristoranti e bar riaprano al pubblico anche i loro spazi interni mentre un luogo aperto come la foce venga invece considerato a rischio”; si chiede poi se davvero la situazione sia da considerarsi a rischio e se invece gli eventi non vadano incentivati; c'è poi la preoccupazione che “lasciare la foce senza alcuna particolare destinazione, non farà altro che creare inevitabilmente assembramenti selvaggi”; per arrivare infine alla richiesta di “ritornare sui propri passi”.

Leggi anche:

Ristoranti, eventi e incontri privati: si riapre più del previsto

Lugano, Foce 'vittima' della sua bellezza

Lugano: sabato sera di tensioni alla Foce, due fermi

Assembramenti al Foce, Borradori: 'Giovedì decidiamo'.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved