niente-lugano-marittima-decisione-incoerente-e-inopportuna
Il popolare ritrovo estivo nel 2019. Altri tempi... (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

Atan e Kibesuisse, azione comune a favore della prima infanzia

Le due Associazioni che rappresentano le strutture per l’accoglienza dell’infanzia hanno sottoscritto un accordo di collaborazione
Ticino
18 min

Apertura negozi, la legge resterà in vigore senza Ccl

il Tribunale federale ha accolto parzialmente due ricorsi. Bocciata la creazione della commissione consultiva
Mendrisiotto
33 min

Breggia, sì unanime ai preventivi 2022 in attivo

Il Consiglio comunale dà luce verde al bilancio. Il moltiplicatore d’imposta rimane al 95%
Ticino
36 min

La Supsi potrà avere diritto ai sussidi federali

Il Consiglio federale ha concesso ufficialmente il riconoscimento previsto dalla legge sulla promozione e coordinamento del settore universitario svizzero
Mendrisiotto
1 ora

Un Percorso letterario per non dimenticare la Shoah

Realizzato lungo il Sottopenz dalla scuola media di Chiasso, con la collaborazione del Comune di Chiasso
Luganese
1 ora

Paradiso sempre più... Paradiso: 190 abitanti in più

I nuovi dati sullo stato annuale della popolazione evidenziano al 31 dicembre 4’531 residenti stabili rispetto ai 4’341 di un anno prima
Ticino
2 ore

In Ticino un decesso e altri 3 pazienti Covid in meno

Il numero dei contagi, come accade nei giorni centrali della settimana, torna a salire, non i ricoveri. Nelle case anziani più guariti che contagiati
Mendrisiotto
2 ore

Una Valle di Muggio virtuale all’Infopoint di Mendrisio

Il “tavolo digitale” permette d’interagire con le informazioni raccolte e ordinate in maniera intrigante, proponendo una vera “escursione”
Locarnese
3 ore

Locarnese, mai più ciclisti allo sbaraglio

Il PaLoc3 prevede per quest’anno la distribuzione di cartine (probabilmente in concomitanza con SlowUp) dedicate alla mobilità lenta
27.05.2021 - 18:090
Aggiornamento : 18:24

Niente Lugano Marittima: ‘Decisione incoerente e inopportuna’

Non solo malumori social, scatta anche l'interrogazione a Lugano sulla scelta del Municipio di non organizzare nulla alla Foce del Cassarate

“Inopportuna e incoerente”. La decisione del Municipio di non organizzare Lugano Marittima, Mojito o altri ritrovi estivi sta scatenando le prime reazioni polemiche. E forse, visto l'appeal dei suddetti eventi e il generale clima di allentamento delle restrizioni, non poteva essere altrimenti. Non solo sui social: ci pensa anche un atto parlamentare a chiedere lumi all'esecutivo. È il consigliere comunale Gianmaria Bianchetti (Lega) ad aver preparato un'interrogazione sull'argomento dal titolo eloquente: “Lugano Marittima, perché perdere un'altra occasione?”.

‘Si  rischiano di nuovo problemi alla Foce’

Sottolineando il miglioramento della situazione epidemiologica e le conseguenti riaperture, “si ritiene poco opportuna ed incoerente la decisione del Municipio di non autorizzare l'apertura di uno degli eventi più attrattivi delle estati luganesi: Lugano Marittima”. Gli aspetti evidenziato nell'atto sono due: uno legato alla movida e l'altro alla sicurezza. “La scorsa estate e negli ultimi mesi si è già potuto constatare quanto possa rivelarsi problematica la zona della Foce, soprattutto durante le serate nei finesettimana. A tale riguardo ricordiamo gli scontri avvenuti con la polizia, la sporcizia lasciata in quella zona e le frequenti risse tra i giovani presenti”. Proprio per questo, “permettere a Lugano Marittima di riaprire al pubblico potrebbe contribuire a riportare ordine in quella zona, consentendo a cittadini e turisti di tutte le età di godere di uno spazio così unico oltreche privilegiato, rispettando ovviamente le prescrizioni dettate dal Consiglio federale, che sono già ora molto più permissive”. Inoltre, “non si può inoltre dimenticare che Lugano Marittima rappresenterebbe, in questi tempi magri, un'apprezzata opportunità economica per diversi esercenti e attività”.

‘Il Municipio torni sui suoi passi’

Cinque le domande poste all'esecutivo. In primis, si chiede di organizzare qualcosa alla Foce per non lasciarla “in balia degli eventi, spesso negativi”; se non si ritiene “contraddittorio il fatto che ristoranti e bar riaprano al pubblico anche i loro spazi interni mentre un luogo aperto come la foce venga invece considerato a rischio”; si chiede poi se davvero la situazione sia da considerarsi a rischio e se invece gli eventi non vadano incentivati; c'è poi la preoccupazione che “lasciare la foce senza alcuna particolare destinazione, non farà altro che creare inevitabilmente assembramenti selvaggi”; per arrivare infine alla richiesta di “ritornare sui propri passi”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved