lugano-dai-quartieri-un-atto-d-accusa-alla-citta
Uno scorcio del nucleo di Carona (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
47 min

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand dei Saleggi

Appuntamento per giovedì 20 maggio dalle 17 alle 19
Gallery
Mendrisiotto
1 ora

Novazzano, vitello cade in una valletta. Lo recupera la Spab

Salvato con un elicottero, il giovane bovino è tornato a casa sano e salvo. E si è guadagnato il nome di Icaro
Ticino
2 ore

Sirica: il Plr ha pagato una sua certa arroganza

'Opportuno il ballottaggio a Bellinzona e la nostra è stata una campagna corretta', ribatte il presidente dei liberali radicali Speziali all'omologo socialista
Ticino
2 ore

'Imponimento': 147 persone rinviate a giudizio

'Ndrangheta, le richieste dei pm antimafia di Catanzaro in relazione all'inchiesta dai risvolti svizzeri
Luganese
2 ore

Monte Ceneri, tiro obbligatorio

La società del Vedeggio organizza gratuitamente mercoledì al poligono militare
Mendrisiotto
2 ore

A Novazzano il 21 maggio si sciopera per il futuro

Anche nel Distretto si aderisce alla manifestazione indetta a livello nazionale per il clima
Luganese
3 ore

Insediato il nuovo Municipio di Lamone

A guidarlo è nuovamente il sindaco Marco Balerna, mentre il vicesindaco è Daniele Franzoni
Mendrisiotto
4 ore

Otto 'testimonial' per i cinque musei d'arte del Distretto

La Rete MAM aderisce a una campagna che racconta di legami d'affetto e con il territorio attraverso la voce di personalità della cultura
Locarnese
4 ore

Locarno, le e-bike vanno per la maggiore

Quasi esaurito il credito che la Città mette a disposizione dei cittadini per l'acquisto di biciclette elettriche
Mendrisiotto
5 ore

Genestrerio, si parte con il progetto stradale sulla zona 30

In pubblicazione il dossier che limita la velocità su tre vie interne e sistema il marciapiede. Obiettivo: più sicurezza e tranquillità
Locarnese
5 ore

Renata Casetta, protagonista dell'Ascona ‘da bere’

Personaggio conosciutissimo in tutto il Locarnese (anche per aver gestito il bar del Teatro Dimitri) è morta a 85 anni
Grigioni
6 ore

Scontro sulla cantonale a Roveredo: un ferito leggero

Subaru finisce rovesciata sul fianco. Per estrarre il conducente dall'abitacolo si è reso necessario l'intervento dei pompieri
Bellinzonese
7 ore

Bellinzona senza partita, Branda confermato sindaco col 60%

Con 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Gianini, il socialista si aggiudica lo scranno per la terza volta consecutiva: ‘Risultato oltre le aspettative’
Ticino
LIVE

Spoglio concluso, le reazioni - Segui il live de La Regione

Concluso lo spoglio per i ballottaggi. A Bellinzona e Riviera confermati Branda e Pellanda, ribaltone a Lumino. A Vezia si impone Piva, Catarin a Losone
Luganese
7 ore

Novaggio conferma Andrea Pozzi sindaco

All'elezione, lo sfidante Piergiorgio Morandi ottiene 191 voti, il sindaco di quindicina (Spazio libero - per ambiente e socialità) 38 in più
Locarnese
8 ore

Piano direttore: discarica Quartino, faggeta Lodano e altri

Le modifiche decise dal Consiglio di Stato saranno in pubblicazione dal 17 maggio
Ticino
8 ore

Santa Chiara alla Moncucco, 'a sfavore della popolazione'

La dirigenza socialista esprime preoccupazione per l'acquisizione temendo 'un'inutile concorrenza che avvelana il settore'
Ticino
10 ore

Covid: ospedalizzazioni in Ticino sotto le trenta unità

Due dimissioni a fronte di una sola ammissione nelle ultime 24 ore. I nuovi casi sono 19
Bellinzonese
22 ore

Auto nel burrone sopra Olivone, morto un giovane grigionese

Era l'unico occupante della vettura. Un volo di oltre cento metri. L'incidente ieri intorno alle 20
Ticino
1 gior

In Ticino 25 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone non si registrano ricoveri. In quattro hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
1 gior

Un Botton d’oro sboccia a Quinto e un Girasole a Lumino

Nei prossimi mesi apriranno i battenti un asilo nido in Leventina e un centro extrascolastico nel Bellinzonese. Le strutture saranno gestite da Pro Infantia
Luganese
14.04.2021 - 16:420
Aggiornamento : 18:22

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città

Molte aspettative dei villaggi aggregati a Lugano sono andate deluse, perciò nasce un movimento che punta a (ri)costruire una visione identitaria della città con i suoi quartieri. Nel sito villaggitraditi.ch si legge una presa di posizione ferma, accurata che va al cuore del problema. La piattaforma "vuole essere un punto d'incontro e di confronto per indirizzare la pianificazione di questi territori e delle zone periferiche di Lugano, in linea con le esigenze di oggi. A quasi dieci anni dalle ultime aggregazioni, è sempre più chiara la mancanza di una strategia, di una riflessione, di pensiero politico e culturale che orienti l’azione del Municipio". Non solo. "Manca del tutto o quasi la volontà di comprendere, di studiare, di approfondire i contenuti di questi territori. Lugano oggi non è più solo il solo centro cittadino affacciato sul Ceresio, ma una nuova e complessa realtà composta da villaggi, nuclei storici e paesaggi con peculiarità diverse". 

Commissioni 'sorde'

La nascita di questo movimento suona come un atto d'accusa nei confronti dell'esecutivo cittadino e rappresenta un segnale 'dal basso' del non o del mal funzionamento delle commissioni di quartiere, che anni fa non si vollero spoliticizzare, come 'cinghia di trasmissione' con la politica di Palazzo. Commissioni che nella riforma del 2016 non si vollero spoliticizzare completamente: in Consiglio comunale passò infatti il compromesso sulla composizione nella quale figura sempre almeno un rappresentante per ogni partito rappresentato in Municipio. Forse fu un errore questo. Di fatto, le commissioni di quartiere sono spesso troppo influenzate dalle logiche di partito e non prestano il dovuto ascolto alle voci di chi vive nei villaggi.

Matrimonio con spose tradite

"Dopo 9 anni di matrimonio, la sposa si sente trascurata, se non addirittura tradita. Era il 2013 quando Lugano divenne la città più grande della Svizzera per estensione territoriale. Ottenne la mano di altri 7 villaggi, tra cui Carona". Durante la celebrazione Lugano esordì così: “Carona apporta in dote alla Città vasti ambienti naturali e paesaggistici di pregio, zone edificabili, boschi, prati, campi e una zona residenziale di qualità, che offrono la possibilità di svago, ricreazione e turismo”. Portare in dote? Lugano sposa Carona? Metafora già allora indicativa. La dote, infatti, era “tradizionalmente, il complesso dei beni che la moglie, o altri per essa, portava al marito come contributo agli oneri del matrimonio” (Treccani). Fuor di metafora, la nuova Lugano avrebbe dovuto assumere le proprie responsabilità, come riconoscerne l’importanza paesaggistica, storica ed edilizia. Potenziare i servizi, e darsi gli strumenti e le competenze per conoscerne meglio le peculiarità, in modo da garantire e finanziare la loro corretta tutela, e valorizzarle per quello che rappresentano. A 9 anni dalle ultime aggregazioni, le attese verso la cura di questi territori restano inevase. E il malcontento si è levato a Carona, ma anche a Sonvico, a Bré e a Gandria.

Carona, 'il progetto fa acqua da tutte le parti' 

Il primo tema che “villaggi traditi” affronta è il controverso progetto “Glamping” a Carona e la cessione a privati della maggiore e più pregiata parte della piscina pubblica, per costruire circa 50 unità abitative. Un progetto che preclude alla popolazione di Lugano e di tutta la regione di usufruire di un’area di svago con molte potenzialità. Nei giorni scorsi il Municipio ha però presentato un nuovo bando di concorso... Tuttavia, la contestazione riguarda il metodo: "la pianificazione sta iniziando e sul progetto il Dipartimento del Territorio ha già espresso serie perplessità. La variante di Piano regolatore non è ancora stata approvata, ma Lugano (anche stavolta) fa precedere i concorsi per progettare l’opera prima di ponderare tutti gli interessi con una pianificazione più globale del territorio". Secondo il sito, è un "modo semplicistico di sbarazzarsi di zone pregiate del territorio, cedendoli ai privati per non doversene occupare quale ente pubblico responsabile, sembra essere la modalità con la quale Lugano affronta le sue aggregazioni". L'auspicio è che su questi temi si apra un dibattito ai cui partecipino i settori del turismo, della cultura e della politica.

Dal sindaco 'solo parole'

Eppure, si legge nel sito, due anni fa il sindaco di Lugano Marco Borradori disse: “Abbiamo bene in chiaro cosa fare. “Approfondite riflessioni incentrate sul rapporto tra città e nuclei sono da tempo avviate e saranno componente centrale delle strategie sviluppate nel quadro del Piano direttore comunale”. Piano che è ancora in fase di elaborazione. Tanto che villaggitraditi.ch scrive che "in realtà nulla si vede ancora all’orizzonte. Anzi, oggi è sempre più chiaro che non c’è nemmeno un abbozzo di Piano direttore comunale. Ciò che si osserva è invece la mancanza di riflessione, di pensiero politico e culturale, di una strategia che diriga l’azione del Municipio verso un armonioso sviluppo nella realtà odierna". Come mai questa rovinosa lacuna secondo alcuni quartieri? Pare che (anche nell’esecutivo) manchi del tutto la volontà di conoscere la situazione, di studiarla, di approfondirla, per poi agire di conseguenza. Nella piattaforma si ripercorre la vicenda del progetto di biopiscina che però è stato bocciato dalla maggioranza del Consiglio comunale e la creazione del villaggio 'Glamping' che prosegue invece il suo iter.

Qual è l'identità di Lugano?

Insomma, villaggitraditi.ch si chiede quale sia l'identità di "questa Grande Lugano, che non è più soltanto la città del passato, ma la città che aggregando una ventina di villaggi con i loro nuclei storici, ha cambiato dimensioni e volto. Non la si può governare come nel passato, ma facendo in modo che si identifichi anche con le nuove realtà che la compongono: non più solo una città sul lago, ma una Lugano che deve sentire come suoi i nuclei storici e i loro dintorni, una realtà periurbana, ricca di valori storici naturali e paesaggistici". In realtà, pare si stia andando in tutte le direzioni, senza un’idea precisa. Come, secondo il sito, a Carona, villaggio protetto a livello federale, "che ha conservato con cura la sua storia culturale e artistica. Ha un nucleo molto vivo, con tante famiglie, manifestazioni artistiche ed è per questo conosciuto in tutta Europa. Eppure, negli ultimi anni troppi problemi sono rimasti irrisolti e mortificando il paese e i suoi abitanti. A cominciare dalla viabilità, con auto che sfrecciano e che intasano la stretta strada di paese; c’è poi la cronica assenza di parcheggi e il futuro della piscina, situata in un parco e ideata negli anni Sessanta da Luigi Giussani, che fu anche l’artefice della funivia Melide-Carona e del Parco San Grato".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved