laRegione
pianificazione-partecipata-a-bre-esperienza-deludente
La vista mozzafiato dal sentiero panoramico che dal nucleo conduce al Monte Boglia (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 min

Grigioni, da 39 a 100 milioni per i casi di rigore

Col nuovo lockdown le domande 'quadruplicheranno'. Degli aiuti potranno beneficiare tutte le aziende che hanno subito un calo del 15% della cifra d'affari.
Luganese
21 min

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso
Locarnese
25 min

Locarno, tornano i prestiti di giochi e libri per ragazzi

Di nuovo a disposizione la Ludoteca e la Biblioteca per i più giovani. Appuntamento da prendere online e divieto di fermarsi a fare attività
Ticino
29 min

Pensioni dei Consiglieri di Stato, non luogo a procedere

Per il pg Andrea Pagani, dalle segnalazioni di Matteo Pronzini (mps) sul versamento del supplemento Avs ai ministri, non emergono elementi di rilevanza penale
Bellinzonese
42 min

Rumori molesti a Bellinzona: le ore in più saranno 2 e non 7

Il Municipio corregge un errore di battitura presente nella prima versione della sua Ordinanza e la ripubblica
Luganese
1 ora

Mezzo milione a favore di progetti medio-piccoli

L'Ente regionale per lo sviluppo del luganese apre il bando di concorso 2021. Contributi a fondo perso o sotto forma di prestito.
Luganese
1 ora

Stemma di Lugano, 'si eviti un uso improprio'

Il Municipio ha avvisato di nuovo la Lega e gli altri partiti prospettando pure le conseguenze giuridiche in caso di un'azione legale
Bellinzonese
1 ora

Bni di Belllinzona, fatturato di quasi 3 milioni di franchi

Nel 2020 gli imprenditori Tre Castelli di Business Network International hanno realizzato ricavi per 2'841'589 franchi
Bellinzonese
1 ora

Classe in quarantena alle Elementari Nord di Bellinzona

L'Ufficio del medico cantonale lo ha deciso dopo la terza positività. Iniziata nell'aula magna la vaccinazione degli over 80
Bellinzonese
2 ore

Arbedo, sospese le celebrazioni per la festa di San Paolo

A causa dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus la benedizione del pane e la tombola parrocchiale non avranno luogo
Ticino
2 ore

Truffe crediti Covid, arrestati due residenti nel Sottoceneri

Due imprenditori accusati di aver fornito false informazioni per ottenere crediti Covid-19 per oltre un milione e mezzo di franchi poi usati per altri scopi
Bellinzonese
2 ore

Arbedo-Castione, biblioteca chiusa fino al 28 febbraio

La decisione è stata presa in seguito alle nuove disposizioni legate al coronavirus. Si potrà comunque continuare a riconsegnare libri e chiedere prestiti.
Ticino
4 ore

Bus regionali affollati, in arrivo corse supplementari

Sono 16 le tratte extraurbane, gestite da Autopostale, soggette a sovraffollamento nelle ore di punta. Il Dt auspica correttivi già dalla prossima settimana
Mendrisiotto
4 ore

Per la sindaca di Castel San Pietro saluti augurali online

Il messaggio, casa pandemia, si potrà vedere da sabato, 23 gennaio, sul sito internet dell'amministrazione comunale www.castelsanpietro.ch
Luganese
11.01.2021 - 20:590
Aggiornamento : 21:26

Pianificazione partecipata a Brè, 'esperienza deludente'

A dieci anni della petizione che raccolse oltre tremila firme, Schmidt critica la revisione del Piano regolatore: 'Troppe concessioni!'

L'iniziativa era stata accolta con entusiasmo dalla popolazione. Il fatto di essere coinvolti nella pianificazione futura di un quartiere che rientra nell'Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale (Isos) aveva fatto sperare di ottenere un risultato migliore. La pianificazione partecipata avviata diversi anni fa non ha tuttavia raccolto le sollecitazioni provenienti dal 'basso'. Questo è quanto sostiene con un certo malcelato rammarico Mattias Schmidt, coordinatore di Uniti per Brè che nel 2011 aveva lanciato una petizione raccogliendo 3mila firme contro un progetto edilizio con una ventina di unità abitative in zona Ai Piani, sopra il nucleo. Una petizione che aveva indotto l'autorità cittadina a sperimentare la l'innovativa procedura. Forse, le aspettative erano forse troppo ambiziose. L'associazione avrebbe voluto più protezione e rispetto della bellezza e naturalezza del villaggio. Ora, la variante di Piano regolatore è sul tavolo del Consiglio di Stato a cui il Municipio, come da procedura, ha girato il dossier. L'iter prevede che l'incarto torni a Palazzo civico e, prima del voto in Consiglio comunale ci sarà spazio, per le osservazioni di privati e associazioni.

Non piace nemmeno il Bike Park

Oltretutto, nel recente incontro pubblico, la cinquantina di persone presenti hanno manifestato contrarietà nei confronti del progetto di Bike Park, contro il quale Uniti per Brè nel 2'017 aveva presentato una petizione sottoscritta dal 121 residenti. Ma il messaggio non è stato colto. Tuttavia, l'associazione non può opporsi alla licenza edilizia concessa dall'esecutivo. «Abbiamo però informato i confinanti che hanno presentato le opposizioni non considerate dal Municipio che ha rilasciato la licenza - spiega il coordinatore dell'associazione -. Toccherà quindi sempre ai privati presentare eventuali ricorsi al Consiglio di Stato. Segnaleremo il caso nelle osservazioni che stiamo allestendo in merito alla revisione del Piano regolatore».  Schmidt sottoscrive la dura presa di posizione in merito da parte di Forum alternativo (Fa) che ha preso di mira le autorità politiche "incapaci di pianificare e rispondere ai bisogni della popolazione" anche se "decantano l'ascolto e la partecipazione dei cittadini".  Un progetto, quello di un Bike Park, per il quale, secondo Fa sarebbe stato molto meglio individuare un altro luogo "come il Pian Scairolo oppure il Piano della Stampa, non in "un'area di svago pensata per le famiglie con pascoli e l'inizio di sentieri escursionistici molto gettonati". La zona di svago «dovrebbe restare 'tranquilla'. Bisognerebbe evitare di attirare ulteriore traffico. Turisti e visitatori dovrebbero poter arrivare a Brè tramite la funicolare o con i mezzi pubblici. Non serve realizzare nuove strutture di attrazione turistica come il prospettato Bike Park che dovrebbero trovare posto nei pressi della città dove c'è una massa critica per un'attrazione del genere», afferma il coordinatore di Uniti per Brè.

Rimasti Ai Piani... della scala

Serpeggia parecchia delusione come detto anche sull'esito seppur parziale, della pianificazione partecipata. Una delusione profonda visto che proprio dalla zona Ai Piani era partito tutto una decina di anni fa. Allora, la contrarietà a un'edificazione su quest'area che andrebbe preservata integralmente come zona verde, come zona agricola o per attività di svago di interesse pubblico era sfociata nella petizione e pure il Dipartimento del territorio (diretto dall'attuale sindaco di Lugano), nella sua presa di posizione sulla modifica di Pr, rese attento il Municipio di Lugano: “il dipartimento deve ritenere che a 16 anni dall'entrata in vigore del Piano regolatore (…) si aprano nuovi ed importanti scenari che dovrebbero concorrere alla ridefinizione di questo comparto. In particolare, l'entità e la morfologia della superficie (…) dovrebbero spingere il Municipio a privilegiare soluzioni che possano salvaguardare maggiormente questi aspetti. In questo senso una prima verifica andrebbe fatta, ed esplicitata negli atti, in relazione alla conferma parziale o totale della delimitazione a scopi edilizi del comparto”. Parole rimaste inascoltate. Ora, commenta Schmidt, «ancorché ridotta del 30%, verrà concessa l'edificazione alla zona Ai Piani che si voleva proteggere e in quell''area, si potrà costruire fino a due e metri di altezza di più. Riteniamo che il Municipio abbia preso una decisione puramente economica dettata dal timore della Città di dover indennizzare i proprietari di questi 12mila metri quadrati, essendo la zona già urbanizzata. Anche se l'autorità ha deciso di dezonare un'altra area non urbanizzata, ci sembra strano che durante la revisione del Piano regolatore il Municipio di Lugano abbia concesso diverse licenze edilizie, fra le quali una per la cosiddetta casa delle dogane che sorgerà con un cantiere piuttosto invasivo».

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved