ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
1 ora

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
1 ora

Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco

Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Locarnese
2 ore

Locarno, riflessione sul volontariato

La Città propone una conferenza a Palazzo Marcacci
Locarnese
2 ore

Andrea Fazioli ospite alla Biblioteca di Aurigeno

Presenterà la sua opera più recente: Le strade oscure
Locarnese
2 ore

Muralto, la partita su grande schermo

Una proposta abbinata a un aperitivo al Bar Incontro
Locarnese
2 ore

Locarno, aperitivo del Plr

Appuntamento prenatalizio con la Sezione cittadina del Partito liberale radicale
Ticino
3 ore

Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina

La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Bellinzonese
3 ore

Biasca, il nuovo corso del Carnevale inizia... dal Natale

Il rinnovato comitato propone una serie di eventi nel mese di dicembre
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Inferiore, il cenacolo del movimento sacerdotale

Appuntamento nel pomeriggio di sabato 10 dicembre nel Santuario di Santa Maria dei Miracoli
Bellinzonese
4 ore

Area Tir a Giornico, successo di pubblico per le porte aperte

Sabato la popolazione ha potuto scoprire gli spazi del nuovo Centro di controllo dei veicoli pesanti
Grigioni
5 ore

Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’

Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
8 ore

Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda

Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior

Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino

La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
Gallery
Ticino
1 gior

I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’

Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
07.07.2020 - 21:19
Aggiornamento: 23:29

Carona, affossata la biopiscina

Nella ristrutturazione del centro balneare con la partership del Tcs e il cosiddetto Glamping, ne sorgerà una 'tradizionale'

carona-affossata-la-biopiscina
Ne sorgerà una simile ma senza trampolino di 10 metri (Ti-Press)

I rapporti talvolta tesi fra le commissioni del legislativo e l'esecutivo emersi lunedì sono venuti a galla anche nella seduta di Consiglio comunale di Lugano in corso stasera al Palazzo dei congressi. Tre le proposte di risoluzione per progettare il centro balneare a Carona con la partecipazione del Tcs che realizzerebbe un Glamping. Ai voti ha prevalso la proposta formulata dalle commissioni dell'Edilizia e della Gestione che ha raccolto 35 consensi. Non verrà quindi realizzata una biopiscina, bensì una tradizionale. Come proposto e sostenuto da Alain Buelhler (Udc) che ha salutato con favore la ristrutturazione del comparto. Il consigliere comunale ha detto che si è visto costretto a 'scavalcare' l'esecutivo per chiedere al Tcs se fosse stato realizzabile il progetto con una piscina tradizionale. Troppi i rischi legati all'igiene e alla possibile chiusura per carenza nel ricambio dell'acqua vista l'assenza di bacini imbriferi, come ha ricordato Marco Bortolin (Lega). Perciò è stato proposto l'emendamento che ne chiede una tradizionale. Danilo Baratti (Verdi) ha invece sostenuto, tramite un emendamento, la necessità di un approfondimento specialistico perché s'impone una verifica ambientale. Emendamento poi ritirato al secondo turno di votazione eventuale.

Costi maggiorati di mezzo milione di franchi

La titolare del Dicastero immobili Cristina Zanini Barzaghi ha espresso soddisfazione per il sostegno al progetto voluto dal Municipio che però ritiene che sarebbe meglio realizzare la piscina naturale, innovativa e idonea al concetto naturalistico di grande pregio, complementare al lido cittadino. L'esecutivo avrebbe volentieri risposto ai timori emersi nelle commissioni, ma sono stati letti soltanto nei rapporti, a giochi fatti. Come già fatto in tante occasioni, «saremmo stati a disposti ad allestire uno studio di fattibilità come richiesto dall'emendamento Ps-Verdi». Zanini Barzaghi ha ricordato che le due soluzioni prevedono entrambe un impianto di depurazione (uno fitosanitario, l'altro chimico per la struttura tradizionale). La piscina naturale il risparmio sarebbe di mezzo milione di franchi con costi di gestione nettamente inferiori. Lo specchio d'acqua sarebbe ridotto del 10%, (una corsia della piscina olimpionica) e funzionerebbe anche senza la prossimità di corsi d'acqua. Tant'è che le principali biopiscine in Svizzera sono a circuito chiuso. Conscia che il tema è diventato politico, la municipale si è rimessa alla decisione del legislativo.

Ok ai conti 2018 del Lac ma il sipario resta giù

Via libera inoltre ai conti 2018 e il relativo rapporto di attività del Lac che hanno chiuso con un utile di 567'000 franchi (contro una perdita prevista di poco più di 81'000 franchi). Nella seduta sono stati stati sottolineati i primi anni di vita del centro culturale (2015-2018): un vero successo con più di 700 spettacoli presentati, 21 mostre temporanee organizzare, un’affluenza di pubblico superiore alle 230'000 persone per stagione. Il Covid-19 ha però calato il sipario. L'auspicio di tutti è che si possa rialzare al più presto. Approvato il credito di 3,5 milioni di franchi per realizzare le infrastrutture dell'acqua potabile in alcuni quartieri cittadini. Luce verde anche al credito di poco più di 2,5 milioni di franchi per la progettazione del parco Viarno che comprende la ristrutturazione dello stabile ex-villa Viarnetto. Approvato anche il credito di 1,33 milioni di franchi per i lavori di manutenzione a Palazzo civico.

Michele Malfanti per Giovanna Viscardi 

In apertura di seduta è stato rinnovato l'Ufficio presidenziale: primo cittadino è l'ex sindaco di Sonvico dal 2008 al 2013 Michele Malfanti (Ppd) che subentra a Giovanna Viscardi (Plr). La deputata in Gran Consiglio ha evocato la sensazione d'insicurezza dai tracolli finanziari del 2008 e ha parlato del 'virus infame' che «ha sconvolto i nostri comportamenti e contribuito all'insorgenza di nuove paure che la politica ha solo in parte limitato». Il Covid-19 ha però dato vita a nuove forme di solidarietà, ha sottolineato Viscardi che fra i temi del suo anno di presidenza, ha ricordato quello del clima con la risoluzione sull'emergenza climatica votata dal Consiglio comunale. Anche Michel Malfanti, nel suo intervento, ha parlato di Covid-19e dei suoi effetti negativi sulla società, ricordando tutte quelle persone che hanno perso la vita. Il primo cittadino ha evocato il collegamento ferroviario Alptransit che contribuirà allo sviluppo della città ome il completamento della rete tram-treno verso il Pian Scairolo e Cornaredo. Quanro capitato con Lugano Airport Sa,  società pubblica in fallimento controllato, ha detto Malfantiforse darà spunti per migliorare la gestione pubblica delle società partecipate. Partendo dall'esperienza diretta e personale da giovane sindaco, ha poi rimarcato la disaffezione crescente verso la politica e degli antidoti per mantenere una democrazia sana e partecipata.

Seduta streaming seguita da 21 persone

La seduta in streaming di lunedì sera è stata seguita soltanto da una ventina di persone. Ventuno per la precisione. Un flop, per alcuni. Però, bisogna considerare che l'esperienza è appena cominciata e che il piatto forte di lunedì sera era il consuntivo 2019, non un argomento in grado di infiammare le folle. La scarsa partecipazione è figlia di un calo dell'interesse della cittadinanza nei confronti della Cosa pubblica. Ci sentiamo tuttavia di concedere altre possibilità di 'riscatto' alle seduta via streaming prima di trarre bilanci.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved