ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 min

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
1 ora

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
1 ora

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
2 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
2 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
3 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
3 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
3 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
3 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
3 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
3 ore

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
4 ore

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
4 ore

Egidia Bruno in scena con ‘Rossella’ al teatro Tan di Biasca

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 20.30
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
Bellinzonese
4 ore

Concerto del coro femminile ‘La Coralina di Gnosca’ a Bellinzona

Appuntamento per sabato 10 dicembre alle 20 nella chiesa evangelica. Ospite della serata il ‘Christmas Swing Quartet’
07.07.2020 - 21:19
Aggiornamento: 23:29

Carona, affossata la biopiscina

Nella ristrutturazione del centro balneare con la partership del Tcs e il cosiddetto Glamping, ne sorgerà una 'tradizionale'

carona-affossata-la-biopiscina
Ne sorgerà una simile ma senza trampolino di 10 metri (Ti-Press)

I rapporti talvolta tesi fra le commissioni del legislativo e l'esecutivo emersi lunedì sono venuti a galla anche nella seduta di Consiglio comunale di Lugano in corso stasera al Palazzo dei congressi. Tre le proposte di risoluzione per progettare il centro balneare a Carona con la partecipazione del Tcs che realizzerebbe un Glamping. Ai voti ha prevalso la proposta formulata dalle commissioni dell'Edilizia e della Gestione che ha raccolto 35 consensi. Non verrà quindi realizzata una biopiscina, bensì una tradizionale. Come proposto e sostenuto da Alain Buelhler (Udc) che ha salutato con favore la ristrutturazione del comparto. Il consigliere comunale ha detto che si è visto costretto a 'scavalcare' l'esecutivo per chiedere al Tcs se fosse stato realizzabile il progetto con una piscina tradizionale. Troppi i rischi legati all'igiene e alla possibile chiusura per carenza nel ricambio dell'acqua vista l'assenza di bacini imbriferi, come ha ricordato Marco Bortolin (Lega). Perciò è stato proposto l'emendamento che ne chiede una tradizionale. Danilo Baratti (Verdi) ha invece sostenuto, tramite un emendamento, la necessità di un approfondimento specialistico perché s'impone una verifica ambientale. Emendamento poi ritirato al secondo turno di votazione eventuale.

Costi maggiorati di mezzo milione di franchi

La titolare del Dicastero immobili Cristina Zanini Barzaghi ha espresso soddisfazione per il sostegno al progetto voluto dal Municipio che però ritiene che sarebbe meglio realizzare la piscina naturale, innovativa e idonea al concetto naturalistico di grande pregio, complementare al lido cittadino. L'esecutivo avrebbe volentieri risposto ai timori emersi nelle commissioni, ma sono stati letti soltanto nei rapporti, a giochi fatti. Come già fatto in tante occasioni, «saremmo stati a disposti ad allestire uno studio di fattibilità come richiesto dall'emendamento Ps-Verdi». Zanini Barzaghi ha ricordato che le due soluzioni prevedono entrambe un impianto di depurazione (uno fitosanitario, l'altro chimico per la struttura tradizionale). La piscina naturale il risparmio sarebbe di mezzo milione di franchi con costi di gestione nettamente inferiori. Lo specchio d'acqua sarebbe ridotto del 10%, (una corsia della piscina olimpionica) e funzionerebbe anche senza la prossimità di corsi d'acqua. Tant'è che le principali biopiscine in Svizzera sono a circuito chiuso. Conscia che il tema è diventato politico, la municipale si è rimessa alla decisione del legislativo.

Ok ai conti 2018 del Lac ma il sipario resta giù

Via libera inoltre ai conti 2018 e il relativo rapporto di attività del Lac che hanno chiuso con un utile di 567'000 franchi (contro una perdita prevista di poco più di 81'000 franchi). Nella seduta sono stati stati sottolineati i primi anni di vita del centro culturale (2015-2018): un vero successo con più di 700 spettacoli presentati, 21 mostre temporanee organizzare, un’affluenza di pubblico superiore alle 230'000 persone per stagione. Il Covid-19 ha però calato il sipario. L'auspicio di tutti è che si possa rialzare al più presto. Approvato il credito di 3,5 milioni di franchi per realizzare le infrastrutture dell'acqua potabile in alcuni quartieri cittadini. Luce verde anche al credito di poco più di 2,5 milioni di franchi per la progettazione del parco Viarno che comprende la ristrutturazione dello stabile ex-villa Viarnetto. Approvato anche il credito di 1,33 milioni di franchi per i lavori di manutenzione a Palazzo civico.

Michele Malfanti per Giovanna Viscardi 

In apertura di seduta è stato rinnovato l'Ufficio presidenziale: primo cittadino è l'ex sindaco di Sonvico dal 2008 al 2013 Michele Malfanti (Ppd) che subentra a Giovanna Viscardi (Plr). La deputata in Gran Consiglio ha evocato la sensazione d'insicurezza dai tracolli finanziari del 2008 e ha parlato del 'virus infame' che «ha sconvolto i nostri comportamenti e contribuito all'insorgenza di nuove paure che la politica ha solo in parte limitato». Il Covid-19 ha però dato vita a nuove forme di solidarietà, ha sottolineato Viscardi che fra i temi del suo anno di presidenza, ha ricordato quello del clima con la risoluzione sull'emergenza climatica votata dal Consiglio comunale. Anche Michel Malfanti, nel suo intervento, ha parlato di Covid-19e dei suoi effetti negativi sulla società, ricordando tutte quelle persone che hanno perso la vita. Il primo cittadino ha evocato il collegamento ferroviario Alptransit che contribuirà allo sviluppo della città ome il completamento della rete tram-treno verso il Pian Scairolo e Cornaredo. Quanro capitato con Lugano Airport Sa,  società pubblica in fallimento controllato, ha detto Malfantiforse darà spunti per migliorare la gestione pubblica delle società partecipate. Partendo dall'esperienza diretta e personale da giovane sindaco, ha poi rimarcato la disaffezione crescente verso la politica e degli antidoti per mantenere una democrazia sana e partecipata.

Seduta streaming seguita da 21 persone

La seduta in streaming di lunedì sera è stata seguita soltanto da una ventina di persone. Ventuno per la precisione. Un flop, per alcuni. Però, bisogna considerare che l'esperienza è appena cominciata e che il piatto forte di lunedì sera era il consuntivo 2019, non un argomento in grado di infiammare le folle. La scarsa partecipazione è figlia di un calo dell'interesse della cittadinanza nei confronti della Cosa pubblica. Ci sentiamo tuttavia di concedere altre possibilità di 'riscatto' alle seduta via streaming prima di trarre bilanci.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved