Fiorentina
6
Genoa
0
fine
(3-0)
Lakers
5
Langnau
3
fine
(1-1 : 1-2 : 3-0)
COL Avalanche
2
MIN Wild
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
SJ Sharks
4
LA Kings
1
1. tempo
(4-1)
ARI Coyotes
2
MON Canadiens
1
1. tempo
(2-1)
Seattle Kraken
CHI Blackhawks
23:00
 
autogestione-il-governo-faccia-un-ultimo-tentativo
Destino incerto (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
36 min

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
1 ora

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
2 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
3 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
3 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
3 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
3 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
4 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
4 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
4 ore

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
5 ore

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
16.03.2021 - 18:180
Aggiornamento : 21:46

Autogestione: ‘Il governo faccia un ultimo tentativo’

Lo chiedono i relatori della Commissione sanità e sicurezza sociale del Gran Consiglio: ‘Sia designato un mediatore riconosciuto dalle parti’

“Il Consiglio di Stato faccia un ultimo tentativo”. Nel muro contro muro creatosi sull'autogestione, si inserisce la Commissione sanità e sicurezza sociale del Gran Consiglio. È pronta infatti una bozza relativa alla famosa mozione del 2012 che chiedeva sostanzialmente al Cantone di tornare a fare la propria parte. Il Consiglio di Stato (Cds) è infatti una delle tre parti – con Città di Lugano e associazione Alba che rappresentava il Centro sociale autogestito (Csoa) Il Molino – che nel dicembre del 2002 firmarono la convenzione sulla sistemazione provvisoria degli autonomi all'ex Macello. Non solo è una delle parti, ma secondo l'analisi dei commissari (relatori i luganesi Tiziano Galeazzi e Raoul Ghisletta) “la responsabilità principale sembra essere del Cantone”. La bozza, che chiede di firmare un rapporto unico, verrà discussa dalla commissione il 25 marzo.

‘Non vi sono dubbi sulle responsabilità del Cantone’

Nella premessa della convenzione il primo soggetto citato è proprio il Cds, che viene invitato a trovare una soluzione definitiva in collaborazione con gli altri firmatari. “Non è la Città di Lugano in collaborazione con parti terze – evidenziano i deputati –. La Città è una di queste parti, non l'attore principale”. E quindi? E quindi si chiede al governo di attivarsi, in primo luogo designando un mediatore autorevole e riconosciuto da tutte le parti firmatarie della convenzione del 2002 – che, ricordiamo, secondo il servizio giuridico della Città ha tuttora valenza giuridica –, dandogli mandato secondariamente di intavolare una discussione “senza pregiudiziali, che sia volta a reperire spazi alternativi per l'autogestione e a definire una nuova convenzione”, informando infine la commissione sull'evolversi della situazione. Questo, perché convenzione alla mano “non vi sono dubbi sulle responsabilità del Cantone quale primo attore” nella vicenda.

L'alternativa? Non per forza a Lugano

Si domanda in sostanza di accogliere parzialmente la mozione inoltrata dagli allora granconsiglieri Fabio Schnellmann, Roberto Badaracco e Gianrico Corti. Parzialmente, perché ci sono fondamentalmente due novità di rilievo. La prima chiede al mediatore incaricato di appoggiarsi al gruppo di lavoro cantonale composto da rappresentanti di Decs, Di e Dss, formato nel 2018 dopo che il Cds aveva dato disponibilità alla Città di attivarsi nella ricerca di spazi per il Csoa. Ma la novità più significativa è un'altra: la soluzione alternativa non dovrà necessariamente essere nel Luganese, come richiesto dalla mozione. Uno scenario che appare allo stato attuale incerto, anche perché il terreno con altri Comuni non sembrerebbe essere stato per ora tastato da parte del Cantone. Il rapporto deplora infine i recenti disordini avvenuti a Lugano: a fine ottobre in piazza Molino Nuovo, dove una nostra collega è stata colpita con una testata, e settimana scorsa alla Stazione Ffs.

Episodi che hanno portato al riacuirsi della tensione, sebbene Municipio e Consiglio comunale abbiano in realtà già deciso che l'autogestione non sia contemplata nel futuro dell'ex Macello, bene culturale protetto. Lo scorso dicembre, ricordiamo infine, è stato scelto il progetto vincente per la riqualifica del sedime: Campus Matrix di Durisch+Nolli Architetti Sagl di Massagno, quale capofila. Un progetto che prevede fra l'altro la costruzione di un nuovo stabile in legno da destinare prevalentemente ad alloggi per studenti, oltre a destinare gli spazi dell'ex Macello ad attività di coworking, per esempio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved