autogestione-il-governo-faccia-un-ultimo-tentativo
Destino incerto (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri

Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Locarnese
3 ore

Festa Madonna della Neve a Terra Vecchia

La località centovallina accoglie domenica la tradizionale ricorrenza religiosa
Locarnese
4 ore

Cavigliano, Plr in festa ‘al Lambic’

La locale sezione propone un incontro con i propri simpatizzanti domenica 28 agosto
Grigioni
4 ore

Condanna bis al comandante della polizia William Kloter

Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Mendrisiotto
4 ore

Cloro in falda a Vacallo, riaffiora il problema

Vuotare la vasca quadrata non è bastato. Il Municipio chiede a Chiasso di chiudere anzitempo la piscina comunale
Luganese
4 ore

Riconoscete il luogo: un altro quiz estivo sul Luganese

Dopo la sorprendente immagine di Mezzovico-Vira negli anni Cinquanta, ecco una seconda immagine per voi. Sapreste riconoscere questa zona?
Bellinzonese
5 ore

Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio

In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Mendrisiotto
5 ore

Coldrerio, torna la Sagra da l’Asan

L’evento, organizzato dalla locale Associazione sportiva, si terrà il 25, 26 e 27 agosto al Capannone del campo sportivo
Ticino
5 ore

Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio

L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
5 ore

Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio

L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
5 ore

Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista

Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
5 ore

‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate

Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
16.03.2021 - 18:18
Aggiornamento: 21:46

Autogestione: ‘Il governo faccia un ultimo tentativo’

Lo chiedono i relatori della Commissione sanità e sicurezza sociale del Gran Consiglio: ‘Sia designato un mediatore riconosciuto dalle parti’

“Il Consiglio di Stato faccia un ultimo tentativo”. Nel muro contro muro creatosi sull'autogestione, si inserisce la Commissione sanità e sicurezza sociale del Gran Consiglio. È pronta infatti una bozza relativa alla famosa mozione del 2012 che chiedeva sostanzialmente al Cantone di tornare a fare la propria parte. Il Consiglio di Stato (Cds) è infatti una delle tre parti – con Città di Lugano e associazione Alba che rappresentava il Centro sociale autogestito (Csoa) Il Molino – che nel dicembre del 2002 firmarono la convenzione sulla sistemazione provvisoria degli autonomi all'ex Macello. Non solo è una delle parti, ma secondo l'analisi dei commissari (relatori i luganesi Tiziano Galeazzi e Raoul Ghisletta) “la responsabilità principale sembra essere del Cantone”. La bozza, che chiede di firmare un rapporto unico, verrà discussa dalla commissione il 25 marzo.

‘Non vi sono dubbi sulle responsabilità del Cantone’

Nella premessa della convenzione il primo soggetto citato è proprio il Cds, che viene invitato a trovare una soluzione definitiva in collaborazione con gli altri firmatari. “Non è la Città di Lugano in collaborazione con parti terze – evidenziano i deputati –. La Città è una di queste parti, non l'attore principale”. E quindi? E quindi si chiede al governo di attivarsi, in primo luogo designando un mediatore autorevole e riconosciuto da tutte le parti firmatarie della convenzione del 2002 – che, ricordiamo, secondo il servizio giuridico della Città ha tuttora valenza giuridica –, dandogli mandato secondariamente di intavolare una discussione “senza pregiudiziali, che sia volta a reperire spazi alternativi per l'autogestione e a definire una nuova convenzione”, informando infine la commissione sull'evolversi della situazione. Questo, perché convenzione alla mano “non vi sono dubbi sulle responsabilità del Cantone quale primo attore” nella vicenda.

L'alternativa? Non per forza a Lugano

Si domanda in sostanza di accogliere parzialmente la mozione inoltrata dagli allora granconsiglieri Fabio Schnellmann, Roberto Badaracco e Gianrico Corti. Parzialmente, perché ci sono fondamentalmente due novità di rilievo. La prima chiede al mediatore incaricato di appoggiarsi al gruppo di lavoro cantonale composto da rappresentanti di Decs, Di e Dss, formato nel 2018 dopo che il Cds aveva dato disponibilità alla Città di attivarsi nella ricerca di spazi per il Csoa. Ma la novità più significativa è un'altra: la soluzione alternativa non dovrà necessariamente essere nel Luganese, come richiesto dalla mozione. Uno scenario che appare allo stato attuale incerto, anche perché il terreno con altri Comuni non sembrerebbe essere stato per ora tastato da parte del Cantone. Il rapporto deplora infine i recenti disordini avvenuti a Lugano: a fine ottobre in piazza Molino Nuovo, dove una nostra collega è stata colpita con una testata, e settimana scorsa alla Stazione Ffs.

Episodi che hanno portato al riacuirsi della tensione, sebbene Municipio e Consiglio comunale abbiano in realtà già deciso che l'autogestione non sia contemplata nel futuro dell'ex Macello, bene culturale protetto. Lo scorso dicembre, ricordiamo infine, è stato scelto il progetto vincente per la riqualifica del sedime: Campus Matrix di Durisch+Nolli Architetti Sagl di Massagno, quale capofila. Un progetto che prevede fra l'altro la costruzione di un nuovo stabile in legno da destinare prevalentemente ad alloggi per studenti, oltre a destinare gli spazi dell'ex Macello ad attività di coworking, per esempio.

Leggi anche:

Una testata come scusa della disobbedienza

Manifestazione alla stazione, scontri conclusi senza arresti

Sgombero ex Macello, il Molino: ‘Pronti a scendere in piazza’

Lugano, all'ex macello sorgerà il Campus Matrix

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autogestione consiglio di stato convenzione csoa il molino ex macello lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved