PHI Flyers
SEATTLE KRAKEN
01:00
 
TOR Leafs
NY Rangers
01:00
 
autogestione-il-governo-faccia-un-ultimo-tentativo
Destino incerto (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità

Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala
Ticino
4 ore

Fiduciari, dal Gran Consiglio un chiaro sì alla legge

Ok all’adeguamento alle norme federali. Riconosciuta la necessità di mantenere la LFid. Bertoli (Autorità di vigilanza): tutela dei clienti prioritaria
Luganese
4 ore

Monteceneri, Casa Landfogti interamente nelle mani del Comune

Sono stati accolti dal Gran Consiglio l’estinzione della demanialità e la convenzione tra Cantone e Comune sul passaggio gratuito del terreno
Gallery
Mendrisiotto
4 ore

Il nucleo di Ligornetto chiude. E fuori tutti in colonna

Mendrisio difende la misura, Stabio la contesta e chiede un tavolo di discussione. Intanto, c’è chi pensa di riportare al voto la popolazione
Luganese
5 ore

Referendum Pse, lo sport si mobilita a favore

Scendono in campo le 140 associazioni per rivendicare la necessità di disporre di infrastrutture adeguate e moderne
Ticino
5 ore

Maltrattamenti, il veterinario cantonale sarà parte civile

Approvato in Gran Consiglio il rapporto della Commissione giustizia e diritti
Bellinzonese
5 ore

Plr Cadenazzo, assemblea generale ordinaria

Si terrà domenica 24 ottobre alle 16 alla caserma del locale Corpo pompieri
Bellinzonese
5 ore

‘Cara Sommaruga, verifichi cosa sta facendo l’Uft’

Nuove Officine Ffs: il legale di tre ditte attive a Castione sollecita la consigliera federale affinché s’interessi del dossier
Ticino
5 ore

Arrivano in Ticino i TED Circles

Durante gli incontri verrà visionata una conferenza per poi discuterne i contenuti. Il primo appuntamento sarà il 21 ottobre
Luganese
6 ore

Un organo d’eccezione per la restaurata chiesa di Santa Marta

Lo strumento è più piccolo degli esemplari comuni. I lavori a Carona stanno giungendo al termine e sono costati 1,6 milioni di franchi
Ticino
6 ore

Covid Pass nelle biblioteche, il no del sindacato degli studenti

Il Sisa lancia una petizione: ‘Le sale di studio sono spesso l’unico spazio dove apprendere in modo adeguato’
Mendrisiotto
6 ore

La Dispensa si avvicina a Morbio Superiore

I clienti potranno telefonare per ordinare la spesa che sarà recapitata il giorno seguente o su richiesta a dipendenza dai prodotti
Luganese
16.03.2021 - 18:180
Aggiornamento : 21:46

Autogestione: ‘Il governo faccia un ultimo tentativo’

Lo chiedono i relatori della Commissione sanità e sicurezza sociale del Gran Consiglio: ‘Sia designato un mediatore riconosciuto dalle parti’

“Il Consiglio di Stato faccia un ultimo tentativo”. Nel muro contro muro creatosi sull'autogestione, si inserisce la Commissione sanità e sicurezza sociale del Gran Consiglio. È pronta infatti una bozza relativa alla famosa mozione del 2012 che chiedeva sostanzialmente al Cantone di tornare a fare la propria parte. Il Consiglio di Stato (Cds) è infatti una delle tre parti – con Città di Lugano e associazione Alba che rappresentava il Centro sociale autogestito (Csoa) Il Molino – che nel dicembre del 2002 firmarono la convenzione sulla sistemazione provvisoria degli autonomi all'ex Macello. Non solo è una delle parti, ma secondo l'analisi dei commissari (relatori i luganesi Tiziano Galeazzi e Raoul Ghisletta) “la responsabilità principale sembra essere del Cantone”. La bozza, che chiede di firmare un rapporto unico, verrà discussa dalla commissione il 25 marzo.

‘Non vi sono dubbi sulle responsabilità del Cantone’

Nella premessa della convenzione il primo soggetto citato è proprio il Cds, che viene invitato a trovare una soluzione definitiva in collaborazione con gli altri firmatari. “Non è la Città di Lugano in collaborazione con parti terze – evidenziano i deputati –. La Città è una di queste parti, non l'attore principale”. E quindi? E quindi si chiede al governo di attivarsi, in primo luogo designando un mediatore autorevole e riconosciuto da tutte le parti firmatarie della convenzione del 2002 – che, ricordiamo, secondo il servizio giuridico della Città ha tuttora valenza giuridica –, dandogli mandato secondariamente di intavolare una discussione “senza pregiudiziali, che sia volta a reperire spazi alternativi per l'autogestione e a definire una nuova convenzione”, informando infine la commissione sull'evolversi della situazione. Questo, perché convenzione alla mano “non vi sono dubbi sulle responsabilità del Cantone quale primo attore” nella vicenda.

L'alternativa? Non per forza a Lugano

Si domanda in sostanza di accogliere parzialmente la mozione inoltrata dagli allora granconsiglieri Fabio Schnellmann, Roberto Badaracco e Gianrico Corti. Parzialmente, perché ci sono fondamentalmente due novità di rilievo. La prima chiede al mediatore incaricato di appoggiarsi al gruppo di lavoro cantonale composto da rappresentanti di Decs, Di e Dss, formato nel 2018 dopo che il Cds aveva dato disponibilità alla Città di attivarsi nella ricerca di spazi per il Csoa. Ma la novità più significativa è un'altra: la soluzione alternativa non dovrà necessariamente essere nel Luganese, come richiesto dalla mozione. Uno scenario che appare allo stato attuale incerto, anche perché il terreno con altri Comuni non sembrerebbe essere stato per ora tastato da parte del Cantone. Il rapporto deplora infine i recenti disordini avvenuti a Lugano: a fine ottobre in piazza Molino Nuovo, dove una nostra collega è stata colpita con una testata, e settimana scorsa alla Stazione Ffs.

Episodi che hanno portato al riacuirsi della tensione, sebbene Municipio e Consiglio comunale abbiano in realtà già deciso che l'autogestione non sia contemplata nel futuro dell'ex Macello, bene culturale protetto. Lo scorso dicembre, ricordiamo infine, è stato scelto il progetto vincente per la riqualifica del sedime: Campus Matrix di Durisch+Nolli Architetti Sagl di Massagno, quale capofila. Un progetto che prevede fra l'altro la costruzione di un nuovo stabile in legno da destinare prevalentemente ad alloggi per studenti, oltre a destinare gli spazi dell'ex Macello ad attività di coworking, per esempio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved