lugano-all-ex-macello-sorgera-il-campus-matrix
Il Rendering di come diventerà l'area vista dal fiume (Città di Lugano)
ULTIME NOTIZIE Cantone
gallery
Ticino
3 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
6 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
10 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
19 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
20 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
20 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
20 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
21 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
21 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
21 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
21 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
22 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
22 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
10.12.2020 - 17:42
Aggiornamento : 18:40

Lugano, all'ex macello sorgerà il Campus Matrix

Il Municipio ratifica la decisione della giuria che ha premiato il progetto di riqualifica del sedime firmato dallo studio luganese Durish+Nolli

Si chiama Campus Matrix. È il nome attribuito al progetto a cui la giuria ha assegnato il 1° premio per la riqualifica dell’ex macello di Lugano. Un progetto disegnato dallo studio di architettura Durisch+Nolli Architetti Sagl (capofila) che ha la propria sede a Massagno. Verrà realizzato congiuntamente al gruppo interdisciplinare di specialisti composto da Ingeni Ag, Ifec Ingegneria Sa e WestpolLandschaftsarchitekten. Nella seduta di oggi, il Municipio di Lugano ha ratificato tale scelta. A seguito delle disposizioni per limitare la diffusione del contagio, l’esposizione dei progetti presentati si terrà online, dal 18 dicembre. Al concorso internazionale di architettura per il recupero di uno dei pochi esempi di architettura industriale (risalente al 1910) ancora presenti in città, pubblicato il 5 ottobre 2019, si sono iscritti 123 studi di architettura provenienti da Svizzera, Spagna, Portogallo, Germania e Olanda. I progetti consegnati entro il termine previsto sono stati 82. La giuria ha valutato tutte le singole proposte lo scorso mese di maggio, selezionando nove progetti ammessi alla seconda fase del concorso.

Verso il nuovo disegno urbano lungo il fiume

«Il progetto è molto bello e interessate, segnerà il futuro della città - ha dichiarato il sindaco di Lugano Marco Borradori -. Valorizza una zona pregiatissima e centrale all'interno del comparto universitario dando corpo e forma alla riqualifica del nuovo disegno urbano incentrato attorno al fiume Cassarate. L'ex macello diventerà così un luogo di aggregazione vero e proprio, permeabile e aperto a tutta la cittadinanza». Come noto, gli attuali occupanti dell'ex macello - il centro sociale insediato in circa la metà degli spazi con il benestare di Città e Cantone e attraverso una convenzione siglata fra le parti 18 anni fa - non potranno più rimanere nel futuro sedime. Come e quando ne usciranno è una questione aperta tutta da determinare. Nel frattempo, ha proseguito il sindaco, «il Municipio resta in attesa dei rapporti della Polizia cantonale e di quella cittadina in merito all'eventualità di sgomberare le parti occupate dell'ex macello». L'auspicio formulato da Borradori è che «il progetto possa essere realizzato senza eccessivi intoppi dovuti a opposizioni e ricorsi».

In vista incontri con l'Ufficio beni culturali

Restano peraltro una paio di altre questioni da approfondire, prima che l'esecutivo cittadino allestisca il messaggio con la richiesta di credito di progettazione all'indirizzo del Consiglio comunale. Dopo aver ricordato l'iter, a partire dallo studio di fattibilità risalente al 2016, Cristina Zanini Barzaghi, titolare del Dicastero immobili ha spiegato che per i prossimi passi «si dovrà approfondire le sinergie con l'Usi per consolidare i contenuti residenziali (previsti un'ottantina di posti letto), poi bisognerà incontrare i responsabili dell'Ufficio beni culturali del Cantone per avere la conferma del rispetto dei vincoli di tutela del progetto visto che l'ex macello è un bene culturale e legare il discorso al futuro insediamento di un edificio a pigione moderata previsto lungo via Lambertenghi». Dal canto suo, il rettore dell'Usi Boas Erez che è stato membro della giuria, ha definito «amabile» il progetto vincente rallegrandosi del fatto che il concorso sia stato vinto da uno studio di architettura luganese. Il rettore ha inoltre garantito, nel limite della sua possibilità, «il sostegno dell'università alla progettualità» auspicando maggiori interazioni fra l'Usi e il tessuto urbano.

Il nuovo edificio sarà realizzato in legno

Il complesso dell’ex Macello, dicevamo, è uno dei pochi esempi di architettura industriale ancora presenti a Lugano. L’edificio centrale, con le sue ampie sale, costituisce un elemento di pregio architettonico e storico. Il progetto di recupero del comparto valorizzerà le qualità architettoniche degli edifici esistenti, attribuendo ai volumi nuove funzioni qualificanti lasciando trasparire la vocazione industriale, completando il complesso con un corpo residenziale. L’obiettivo è riqualificare un’area con elevato potenziale di contenuti sociali e aggregativi. Lo spazio si trova infatti in una posizione centrale rispetto all’Usi, al nuovo campus Usi/Supsi e al futuro polo turistico congressuale previsto al Campo Marzio nord. Il sedime avrà una nuova entrata, mentre il nuovo edificio che sarà realizzato in legno, destinato alla residenza universitaria, diventerà l'elemento caratteristico del nuovo complesso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex macello lugano progetto riqualifica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved