ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
4 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
4 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
5 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
5 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
6 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
6 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
7 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
7 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
8 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Locarnese
8 ore

Poetica-MenteCuore, l’installazione teatrale

Domenica 5 febbraio a Vira Gambarogno in scena Stefania Mariani su testi di grandi autori di oggi e di ieri
Luganese
8 ore

Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’

Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
10.12.2020 - 17:42
Aggiornamento: 18:40

Lugano, all'ex macello sorgerà il Campus Matrix

Il Municipio ratifica la decisione della giuria che ha premiato il progetto di riqualifica del sedime firmato dallo studio luganese Durish+Nolli

lugano-all-ex-macello-sorgera-il-campus-matrix
Il Rendering di come diventerà l'area vista dal fiume (Città di Lugano)

Si chiama Campus Matrix. È il nome attribuito al progetto a cui la giuria ha assegnato il 1° premio per la riqualifica dell’ex macello di Lugano. Un progetto disegnato dallo studio di architettura Durisch+Nolli Architetti Sagl (capofila) che ha la propria sede a Massagno. Verrà realizzato congiuntamente al gruppo interdisciplinare di specialisti composto da Ingeni Ag, Ifec Ingegneria Sa e WestpolLandschaftsarchitekten. Nella seduta di oggi, il Municipio di Lugano ha ratificato tale scelta. A seguito delle disposizioni per limitare la diffusione del contagio, l’esposizione dei progetti presentati si terrà online, dal 18 dicembre. Al concorso internazionale di architettura per il recupero di uno dei pochi esempi di architettura industriale (risalente al 1910) ancora presenti in città, pubblicato il 5 ottobre 2019, si sono iscritti 123 studi di architettura provenienti da Svizzera, Spagna, Portogallo, Germania e Olanda. I progetti consegnati entro il termine previsto sono stati 82. La giuria ha valutato tutte le singole proposte lo scorso mese di maggio, selezionando nove progetti ammessi alla seconda fase del concorso.

Verso il nuovo disegno urbano lungo il fiume

«Il progetto è molto bello e interessate, segnerà il futuro della città - ha dichiarato il sindaco di Lugano Marco Borradori -. Valorizza una zona pregiatissima e centrale all'interno del comparto universitario dando corpo e forma alla riqualifica del nuovo disegno urbano incentrato attorno al fiume Cassarate. L'ex macello diventerà così un luogo di aggregazione vero e proprio, permeabile e aperto a tutta la cittadinanza». Come noto, gli attuali occupanti dell'ex macello - il centro sociale insediato in circa la metà degli spazi con il benestare di Città e Cantone e attraverso una convenzione siglata fra le parti 18 anni fa - non potranno più rimanere nel futuro sedime. Come e quando ne usciranno è una questione aperta tutta da determinare. Nel frattempo, ha proseguito il sindaco, «il Municipio resta in attesa dei rapporti della Polizia cantonale e di quella cittadina in merito all'eventualità di sgomberare le parti occupate dell'ex macello». L'auspicio formulato da Borradori è che «il progetto possa essere realizzato senza eccessivi intoppi dovuti a opposizioni e ricorsi».

In vista incontri con l'Ufficio beni culturali

Restano peraltro una paio di altre questioni da approfondire, prima che l'esecutivo cittadino allestisca il messaggio con la richiesta di credito di progettazione all'indirizzo del Consiglio comunale. Dopo aver ricordato l'iter, a partire dallo studio di fattibilità risalente al 2016, Cristina Zanini Barzaghi, titolare del Dicastero immobili ha spiegato che per i prossimi passi «si dovrà approfondire le sinergie con l'Usi per consolidare i contenuti residenziali (previsti un'ottantina di posti letto), poi bisognerà incontrare i responsabili dell'Ufficio beni culturali del Cantone per avere la conferma del rispetto dei vincoli di tutela del progetto visto che l'ex macello è un bene culturale e legare il discorso al futuro insediamento di un edificio a pigione moderata previsto lungo via Lambertenghi». Dal canto suo, il rettore dell'Usi Boas Erez che è stato membro della giuria, ha definito «amabile» il progetto vincente rallegrandosi del fatto che il concorso sia stato vinto da uno studio di architettura luganese. Il rettore ha inoltre garantito, nel limite della sua possibilità, «il sostegno dell'università alla progettualità» auspicando maggiori interazioni fra l'Usi e il tessuto urbano.

Il nuovo edificio sarà realizzato in legno

Il complesso dell’ex Macello, dicevamo, è uno dei pochi esempi di architettura industriale ancora presenti a Lugano. L’edificio centrale, con le sue ampie sale, costituisce un elemento di pregio architettonico e storico. Il progetto di recupero del comparto valorizzerà le qualità architettoniche degli edifici esistenti, attribuendo ai volumi nuove funzioni qualificanti lasciando trasparire la vocazione industriale, completando il complesso con un corpo residenziale. L’obiettivo è riqualificare un’area con elevato potenziale di contenuti sociali e aggregativi. Lo spazio si trova infatti in una posizione centrale rispetto all’Usi, al nuovo campus Usi/Supsi e al futuro polo turistico congressuale previsto al Campo Marzio nord. Il sedime avrà una nuova entrata, mentre il nuovo edificio che sarà realizzato in legno, destinato alla residenza universitaria, diventerà l'elemento caratteristico del nuovo complesso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved