ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
2 min

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
3 min

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
1 ora

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
2 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
2 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
3 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
3 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
3 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
3 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
3 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
4 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
4 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
04.12.2020 - 17:55
Aggiornamento: 20:00

Lugano, condannato a 7 anni l'autista che abusò delle bambine

Si è concluso con una pena più alta rispetto a quanto chiesto dalla pubblica accusa il processo per abusi sessuali commessi da un 77enne

lugano-condannato-a-7-anni-l-autista-che-abuso-delle-bambine
La presidente della Corte, Francesca Verda Chiocchetti (Ti-Press/Archivio)

Sette anni di detenzione. Si è concluso poco fa con una condanna il processo alle Assise criminali di Lugano a carico del 77enne che ha commesso una serie di abusi sessuali nei confronti di diverse bambine e ragazzine di scuola elementare e media, oggi quasi tutte donne adulte. E si è conclusa con una pena ancor più dura rispetto a quanto chiesto ieri in aula dal sostituto procuratore generale Nicola Respini: sei anni e tre mesi. «Non vi è alcun segnale tangibile di ravvedimento in lui» ha sottolineato la presidente della Corte Francesca Verda Chiocchetti prima di elencare le svariate aggravanti: il lungo tempo durante il quale sono stati perpetrati i reati – dal 1994 al 2019 secondo l'atto d'accusa, ma nei verbali si parla di molestie risalenti agli anni Ottanta –, la giovane età delle vittime e il loro numero (4) e la gran mole (104) di episodi segnalati. Ma soprattutto, vien da dire, il ruolo sociale ricoperto dall'imputato.

‘Ha utilizzato in modo abbietto il suo riconoscimento sociale’

L'anziano infatti, oggi evidentemente pensionato, è stato per una vita autista di mezzi pubblici in una regione circoscritta – la Capriasca –, dove tutti si conoscono e dove sembrerebbe che molti sapessero, più o meno velatamente. «Ha utilizzato in modo abbietto l'autorevolezza e il riconoscimento sociale che il suo ruolo professionale gli conferivano – ha evidenziato la giudice –, tradendo la fiducia delle fanciulle. Le vittime erano diventate dei meri oggetti sessuali». Di fatto l'unica attenuante riconosciuta e presa in considerazione è l'avanzata età dell'uomo.

‘Una giovane donna ha attraversato il deserto’

A pesare sulla decisione della Corte, la scarsa coerenza dell'imputato. «Le vittime sono state credibili nelle loro dichiarazioni, hanno ribadito in maniera lineare e costante durante i verbali le proprie dichiarazioni. Lui no. Ha fornito anche versioni totalmente discordanti fra loro». E proprio il grandissimo ruolo delle vittime, di una di loro in particolar modo, il loro coraggio, sono elementi che Verda Chiocchetti ha voluto mettere ancora una volta in risalto. «C'è una locuzione latina, ‘Vox clamantis in deserto’, che ben si addice a questo caso. Si riferisce a chi avvisa di un pericolo e viene ignorato. Già nel 1999 era comparso uno striscione (nella zona dove l'uomo abita e che lasciava chiaramente intendere le sue tendenze, ndr). Dall'istruttoria è emerso che la cosa era nota nella zona, c'è stato il silenzio. Si è lasciato fare, per decenni. E poi c'è una giovane donna che ha attraversato quel deserto, questa bambina diventata donna (che ha denunciato le violenze all'inizio di quest'anno dando avvio alle indagini, ndr) vuole che la sua voce non resti inascoltata. Ha fatto questa scelta anche perché non è egoista: ha pensato alle bambine che hanno subito i suoi abusi».

Nessuna giustificazione per la castrazione farmacologica

A queste stesse vittime sono stati riconosciuti oltre 50'000 franchi, fra indennizzi e risarcimenti, mentre la Corte non ha accolto diverse contestazioni della difesa, rappresentata dall'avvocata Marie Zveiger, che ha chiesto una massiccia riduzione di pena. Confermato ad esempio il reato di coazione in relazione a un paio di vittime: per loro le vie di fuga erano assenti e inoltre erano psicologicamente soggiogate dall'uomo, visto il suo ruolo sociale. Nessuna giustificazione neanche il fatto che il condannato sia incensurato («ha un peso neutrale») e che nel 2017 sia stato farmalogicamente castrato e non avrebbe pertanto più impulsi sessuali. «Gli atti che ha compiuto hanno una chiara connotazione sessuale, indipendentemente dal movente», il giudizio della Corte.

Il 77enne è stato arrestato e dovrà ora scontare la pena. Ieri, al termine del procedimento, ha chiesto scusa a tutti per quanto compiuto.

Leggi anche:

Lugano, a processo per 25 anni di atti sessuali in 104 episodi

Lugano, atti sessuali su bambine risalenti agli anni Ottanta

Atti sessuali, l'imputato chiede scusa a tutti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved